Putin cala l’asso della paura dopo aver subito gravi battute d’arresto

L’avanzata dell’esercito ucraino nelle aree annesse alla Russia segna un punto chiave del conflitto e spinge Putin a sollevare le sue minacce nucleari.

Putin
Putin – Nanopress.it

La guerra della Russia in Ucraina è entrata in una fase cruciale e incerta. Le consistenti perdite sul campo di battaglia dovute alle avances dell’esercito ucraino —come questo sabato a Liman— in un territorio in cui il presidente Vladimir Putin, nella sua ansia di ridisegnare i confini con la forza, considera già parte della Russia, ne perseguitano il capo del Cremlino.

Putin sta perdendo battaglia dopo battaglia e ha sottolineato che non sta bluffando nei suoi avvertimenti

Nella sua fuga in avanti, ha alzato il tono nelle sue minacce nucleari, in una strategia di escalation verso la de-escalation che porta la guerra al suo momento più pericoloso dall’inizio, il 24 febbraio. Putin sta perdendo battaglia dopo battaglia e ha sottolineato che non sta bluffando nei suoi avvertimenti. La NATO e l’UE hanno avvertito che il rischio di una guerra nucleare è reale.

“È l’escalation più grave dall’inizio del conflitto”, ha rimarcato il segretario generale dell’Alleanza Atlantica, Jens Stoltenberg. L’annessione illegale di quattro regioni ucraine firmata venerdì da Putin; il suo ordine disperato di mobilitazione militare, che ha scosso il Paese; le incessanti minacce nucleari e la sempre più furiosa retorica anti-occidentale del Cremlino sono quattro punti cardine della guerra su larga scala lanciata dal presidente russo nel suo vorace appetito imperialista.

Putin sta ora manovrando le sue nuove reclute come pedine, in attesa dell’inverno per trasferirsi e rifornirsi, sostiene una fonte dell’agenzia di intelligence occidentale. Nel frattempo, mentre approfondisce una retorica ultranazionalista volta a contenere il crescente malcontento in patria, si crogiola in pubblicità sempre più dure, con le quali cerca di affrontare l’avanzata delle forze ucraine e di interrompere il trasporto di armi a lungo raggio degli alleati di Kiev.

Il Cremlino ha assicurato che, dopo l’annessione illegale delle regioni ucraine di Kherson, Zaporizhia, Lugansk e Donetsk – che la comunità internazionale ha fermamente respinto – un attacco a quei territori sarebbe considerato un attacco alla Russia. Nel furioso discorso con cui ha firmato il decreto di annessione, Putin non ha fornito quasi nessun nuovo dettaglio sulle minacce nucleari che stanno preoccupando le capitali occidentali, ma ha seminato ancora parole di paura ricordando che gli Stati Uniti sono stati l’unico Paese ad utilizzare l’atomica armi in guerra.

“L’Ucraina sta vincendo la guerra e non capitolerà, anche se usa questa arma nucleare tattica non si arrende”, sostiene Lutsevych. Jamie Shea, che ha servito in diverse posizioni chiave della NATO, descrive tre forze dinamiche in gioco che, a seconda di come interagiscono e si svilupperanno, determineranno l’esito della guerra: l’avanzata dell’esercito ucraino nel territorio che Putin ora considera Russia, il malcontento causato dalla mobilitazione sconsiderata e dall’escalation che combina attacchi indiscriminati alle infrastrutture civili ucraine, minacce nucleari e persino, dice l’ex funzionario della Nato, “il sabotaggio dei gasdotti nel Mar Baltico” (almeno questo è quanto indicano prove circostanziali).

“Putin sta ovviamente cercando di costringerci a fare concessioni, ma la sua strategia comporta anche dei rischi per lui”

“Putin sta ovviamente cercando di costringerci a fare concessioni, ma la sua strategia di escalation sconsiderata comporta anche dei rischi per lui”, afferma Shea, ora professore di sicurezza e strategia all’Università di Exeter. “La Russia è sempre più isolata. Anche gli amici di Mosca, come Cina, Serbia e Kazakistan, hanno reagito freddamente ai falsi referendum in Ucraina”, aggiunge l’esperto. Inoltre, sottolinea, gli attacchi nucleari di Putin avrebbero conseguenze catastrofiche per la Russia che vanno ben oltre le sanzioni aggiuntive.

Volodymyr Zelensky - Nanopress.it
Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

Senza dimenticare le conseguenze interne che tutti questi movimenti possono avere per il leader russo. “L’escalation del Cremlino verso misure ancora più rischiose potrebbe portare l’establishment della sicurezza russo a sollevarsi contro Putin e cercare la pace”, afferma Shea. Nikolai Sókov, che ha fatto parte del gruppo negoziale russo per gli accordi di disarmo START I e II, ritiene che la situazione sia ancora lontana dalla catastrofe e che il Cremlino invierebbe diversi avvertimenti prima di intraprendere il passo di un attacco nucleare.

“Potrebbe usare armi convenzionali o altre misure. Potrebbe persino ricorrere a un test nucleare sotterraneo”, prevede. In ogni caso, potremo vedere che la situazione sta diventando più pericolosa e acuta. Un attacco nucleare a sorpresa non è una delle carte”, sottolinea Sókov, ora analista del Centro per il disarmo e la non proliferazione di Vienna. Il freddo si avvicina e le forze ucraine e russe hanno una lunga strada davanti a sé per completare i loro obiettivi.

Ma Putin, l’ex capo dei servizi segreti russi, l’uomo salito al potere soprattutto a causa della sanguinosa guerra in Cecenia e appoggiato all’oligarchia, che ha spazzato via l’opposizione e soffocato ogni germoglio della società civile organizzata, combatte anche per rimanere al potere a casa.

Intanto i Ventisette si precipitano ad approvare misure di risparmio, efficienza energetica e intervenire sui mercati per fermare le conseguenze di un’altra battaglia: la guerra economica del Cremlino contro l’Ue, in cui il presidente russo usa l’energia come arma per frammentare l’unità di i partner, che sono rimasti fermi nel loro sostegno all’Ucraina. Per quella battaglia, alimentata dall’inflazione e dal seme del malcontento, anche l’inverno sarà cruciale.