Burkina Faso: colpo di stato all’ombra della crescente influenza russa

Il colpo di stato in Burkina Faso, compiuto da un gruppo di soldati guidati dal capitano Ibrahim Traoré, è finito per essere imposto questa domenica dopo che il tenente colonnello Paul-Henri Sandaogo Damiba, finora presidente del Paese, ha finito per cedere e rassegnando le dimissioni.

Paul-Henri Sandaogo Damiba
Paul-Henri Sandaogo Damiba – NanoPress.it

Sono state 48 ore di tensione e spari a Ouagadougou, la capitale del Paese, e di trattative all’interno dell’esercito e con mediatori civili e religiosi. Come è avvenuto nei recenti colpi di stato nel vicino Mali, un forte sentimento antifrancese e l’ombra della crescente influenza russa sono stati molto presenti nelle strade: i golpisti militari hanno affermato: “Siamo determinati ad andare da altri partner disponibili per aiutarci la nostra lotta al terrorismo”, in un velato riferimento alla Russia contro la Francia.

Il Burkina Faso conteso tra Francia e Russia

Ci sono stati attacchi alle istituzioni francesi presenti nel Paese. “La situazione è sotto controllo”, ha detto domenica mattina il sottufficiale Kiswendsida Farouk Azaria Sorgho, portavoce dei golpisti, in un messaggio televisivo. Poche ore dopo, le frontiere aeree sono state riaperte.

Il tenente colonnello Damiba, salito al potere lo scorso gennaio con un colpo di stato, aveva già firmato le dimissioni dopo che il capitano Traoré aveva accettato le sue condizioni: continuità delle operazioni militari in corso, garanzie di sicurezza per lui e per le sue forze fedeli e rispetto degli impegni presi con Cedeao (Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale), in riferimento allo svolgimento delle elezioni nel 2024.

Lo stesso Traoré, in un’intervista a Radio Omega, ha assicurato che non intende restare al potere e che la transizione potrebbe essere anche più breve.L’innesco del colpo di stato, come hanno dichiarato gli stessi ribelli, è stata la mancanza di mezzi e i problemi logistici incontrati dai militari burkinabé nel tentativo di fermare l’avanzata dei gruppi jihadisti armati, legati ad Al Qaeda e allo Stato Islamico, che controllano il 40% del territorio nazionale, soprattutto nelle zone rurali, e sottopongono la popolazione a rapine, ricatti, estorsioni e stragi.

Con circa 8.000 morti dal 2015 e quasi due milioni di persone in fuga dalle proprie case, la crisi della sicurezza è enorme. Il fallimento dell’intervento a guida francese nella regione per affrontare questo problema alimenta il crescente sentimento antifrancese, già evidente con il blocco di un convoglio militare francese da parte di cittadini sia in Burkina che in Niger lo scorso novembre.

In questo contesto, la Russia ha acquisito influenza in tutta la regione. Nel vicino Mali, dove due colpi di stato hanno portato alla presidenza anche il colonnello Assimi Goïta, le autorità militari hanno interrotto i loro rapporti con la Francia, che ha ritirato tutte le sue truppe dal Paese, e dalla fine del 2021 collaborano apertamente con La Russia come nuovo partner antiterrorismo. Centinaia di istruttori e mercenari della compagnia privata Wagner operano in Mali, come nel caso della Repubblica Centrafricana, della Libia o del Mozambico.

Migliaia di cittadini hanno applaudito al passaggio del mezzo blindato da cui il nuovo uomo forte ha salutato la folla

Il tenente colonnello Damiba era stato riluttante a seguire questa strada, ma le nuove autorità del Burkinabe hanno già mostrato la loro intenzione di avere nuovi alleati per affrontare il jihadismo, hanno affermato in una nota. Dopo gli incidenti di sabato, in cui i sostenitori del colpo di stato hanno attaccato con pietre e bastoni l’ambasciata francese e la sede dell’Istituto francese a Ouagadougou e Bobo-Dioulasso e hanno cercato di dar loro fuoco, questa domenica i ribelli hanno cercato di abbassare il tensione.

Soldati del Burkina Faso in sosta in una piazza della capitale
Soldati del Burkina Faso in sosta in una piazza della capitale – NanoPress.it

“Vi invitiamo a svolgere liberamente i vostri affari e ad evitare qualsiasi atto di violenza e vandalismo che possa offuscare gli sforzi compiuti dalla notte del 30 settembre 2022”, ha aggiunto Sorgho. In mattinata, la rappresentanza francese ha subito nuovamente molestie da parte di decine di giovani che sono stati dispersi dai lacrimogeni lanciati dall’interno.

Qualche istante dopo, il capitano Traoré ha fatto il suo primo bagno di massa quando si è recato al quartier generale della televisione RTB con i suoi soldati per leggere la dichiarazione, che alla fine ha delegato al suo portavoce.

Migliaia di cittadini hanno applaudito al passaggio del mezzo blindato da cui il nuovo uomo forte del Burkina Faso ha salutato la folla, tra la quale si sono viste sventolare bandiere russe come in altre concentrazioni questo fine settimana, e si sono sentite di nuovo grida contro la Francia, assicurano testimoni oculari su WhatsApp.

Gli attacchi al quartier generale francese sono iniziati sabato dopo che i golpisti hanno assicurato in un comunicato letto alla televisione che l’ex presidente Damiba si stava rifugiando nella base militare francese di Kamboinsin, alla periferia di Ouagadougou, preparando “una controffensiva” contro il colpo di stato . Pochi istanti dopo, il ministero degli Esteri francese ha negato che Damiba fosse stato accolto in quella base o altrove, il che non ha fermato la rabbia dei manifestanti. Lo stesso ex presidente ha rilasciato una dichiarazione pubblica per negarlo.