L’Armenia denuncia l’esecuzione di prigionieri per mano dell’Azerbaigian

Il primo ministro dell’Armenia, Nikol Pashinián, ha denunciato questa domenica l’esecuzione di quattro prigionieri di guerra per mano di soldati azeri a seguito di un video con le immagini del presunto massacro che circola sui social network.

Conflitto Armenia Azerbaijan
Conflitto Armenia Azerbaijan – Nanopress.it

Il rappresentante dell’Unione Europea per il Caucaso meridionale, Toivo Klaar, ha chiesto un’indagine sul video. Le immagini sarebbero state registrate il mese scorso, al culmine dell’escalation della guerra tra Azerbaigian e Armenia sulla regione contesa del Nagorno-Karabakh, che ha provocato circa 200 morti.

A metà settembre Armenia e Azerbaigian avevano concordato un fragile cessate il fuoco

A metà settembre, dopo che Pashinyan aveva denunciato che Baku aveva attaccato aree riconosciute internazionalmente come territorio armeno, Armenia e Azerbaigian hanno concordato un fragile cessate il fuoco.”C’è un video orribile di prigionieri di guerra armeni apparentemente giustiziati”, ha detto Klaar in un tweet. “Se il video si dimostra autentico, è un crimine di guerra che deve essere indagato e gli autori devono essere puniti”.

Baku ha dichiarato che le accuse dell’Armenia di esecuzioni di prigionieri di guerra sono “un esempio di ipocrisia”, e ha accusato per decenni quella che ha definito la “politica aggressiva” del governo di Yerevan, che ha accusato di aver commesso “numerosi crimini di guerra ”. Il ministero degli Esteri azerbaigiano assicura che la procura militare ha annunciato un’indagine sui video pubblicati sui social network a metà settembre (quello emerso questa domenica non è il primo).

Il ministero della Difesa armeno ha assicurato che il video è “senza dubbio autentico”. Un portavoce ha affermato che al momento non può fornire dettagli specifici su dove è stato girato e quando. “Le autorità stanno studiando il video”, ha detto. “L’Armenia utilizzerà tutti i meccanismi internazionali disponibili per garantire indagini e responsabilità. Tali atti di violenza devono essere affrontati adeguatamente, con conseguenze per l’aggressore”, ha affermato il premier armeno, che ha parlato di “crimini di guerra”.

Anche il difensore civico armeno, Kristine Grigoryan, ha confermato la veridicità del video “orribile” che mostra il massacro di prigionieri di guerra. “È un crimine di guerra!”, ha scritto. L’escalation di settembre è la più grave dal 2020, quando il conflitto decennale si è nuovamente acceso nel Nagorno-Karabakh, un’enclave montuosa a maggioranza armena che fa parte del territorio dell’Azerbaigian, riconosciuto a livello internazionale.

Dal 1991, quella regione ha funzionato come uno stato indipendente – l’autoproclamata Repubblica del Nagorno-Karabakh (o Artsakh nel suo nome armeno) – con il sostegno dell’Armenia. La proclamazione dell’indipendenza ha causato l’escalation del conflitto in guerra nel 1991. Con il sostegno dell’Armenia, i separatisti hanno annesso più di 7.000 chilometri di territorio azero al di fuori del Nagorno-Karabakh.

Nel contesto della guerra russa in Ucraina, l’Azerbaigian sta ora cercando di cogliere l’attimo per conquistare terreno

Nel 1994 ea stato firmato un cessate il fuoco, che entrambi i paesi hanno successivamente accusato di violare fino allo scoppio, nel 2020, della seconda guerra del Nagorno-Karabakh. Questo nuovo conflitto di guerra si è concluso quando la Russia ha firmato un accordo di tregua con Armenia e Azerbaigian per porre fine a quasi 50 giorni di combattimenti, che hanno permesso a Baku di recuperare parte del territorio che aveva perso tra il 1991 e il 1994.

L'Armenia e l'Azerbaijan che si contendono il Nagorno Karabakh
L’Armenia e l’Azerbaijan che si contendono il Nagorno Karabakh – Nanopress.it

Nel contesto della guerra russa in Ucraina, l’Azerbaigian sta ora cercando di cogliere l’attimo per controllare più territorio in un’area che fa parte della sfera di influenza di Mosca. Dopo l’escalation di metà settembre, l’Armenia ha chiesto aiuto all’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO), un’alleanza militare eurasiatica guidata dalla Russia e che comprende anche Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan.

La CSTO non è intervenuta, il che ha causato ancora una volta la delusione di Yerevan. La Russia, che vende armi ad Armenia e Azerbaigian, non sembra voler entrare in un nuovo scenario di conflitto. Baku riceve un forte sostegno dalla Turchia e ha un notevole potenziale energetico che sostiene la sua economia: a luglio ha firmato un accordo per raddoppiare le forniture di gas all’UE.

Mentre la Russia osserva la situazione con la coda dell’occhio, gli Stati Uniti e l’UE, che avevano a malapena svolto un ruolo collaterale durante l’escalation del 2020, si sono fatti avanti per dare forma al dialogo tra Armenia e Azerbaigian e tessere un accordo di pace. I rappresentanti di entrambi i paesi dovrebbero incontrarsi al vertice della Comunità politica europea (progetto proposto dal presidente francese, Emmanuel Macron, che cerca di unire i Ventisette più i candidati e i paesi vicini e strategicamente importanti all’UE ) a Praga tra pochi giorni.