Mosca abbandona città chiave e Zelensky grida alla vittoria

Il sequestro di alcune roccaforti conquistate nella regione di Donetsk rappresenta una grave battuta d’arresto per Mosca.

Bombardamenti in Ucraina
Bombardamenti in Ucraina – NanoPress.it

Sabato l’Ucraina ha assicurato di essere riuscita a chiudere l’assedio intorno alla città di Liman, nel nord della provincia orientale di Donetsk. Ci sono dubbi su quanti soldati russi siano riusciti a fuggire da quell’assedio e quanti siano rimasti accerchiati in quella città dove fino a pochi giorni fa c’erano più di 5.000 soldati delle truppe invasori, secondo Kyiv. Il Ministero della Difesa russo ha riferito di un ritiro delle sue truppe da questo luogo prima che venissero bloccate dal nemico.

Questa cittadina era strategica per Mosca, che la utilizzava come centro logistico e di trasporto

Questo importante bastione era strategico per il Cremlino, che lo utilizzava come centro logistico e di trasporto, in quanto ospita un nodo ferroviario cruciale per il rifornimento delle truppe russe. “A causa del rischio di essere circondati, le forze alleate sono state ritirate dalla città di Liman in posizioni più vantaggiose”, ha riferito il portavoce della Difesa russa Igor Konashénkov in una conferenza stampa, secondo l’agenzia Tass.

La parte militare di questo sabato del ministero della Difesa russo indica che le unità ucraine avevano superiorità sia negli uomini che nelle armi e aggiunge che l’artiglieria russa aveva causato numerose vittime in due brigate meccanizzate ucraine, oltre a distruggere carri armati e altri veicoli militari. La parte ammette che “nonostante le perdite subite, avendo superiorità nelle forze e nelle risorse, il nemico ha introdotto rinforzi e ha continuato la sua offensiva in quella direzione”.

La riconquista di Liman (circa 20.000 abitanti, prima dell’invasione di febbraio) è un passo fondamentale nei tentativi di kyiv di recuperare il 15% del suo territorio dalle quattro province ucraine – Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhia – la cui annessione illegale alla Federazione Russa proclamava la Russia Il presidente Vladimir Putin a Mosca venerdì in una cerimonia definita una farsa da Ucraina e Occidente. Venerdì, il leader filorusso dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushilin, aveva ammesso la situazione “difficile” delle truppe russe a Liman e che queste forze erano “parzialmente” circondate.

In un video pubblicato da Andrii Yermak, capo di stato maggiore del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, due soldati ucraini sorridenti fissano con nastro adesivo la bandiera nazionale blu e gialla al cartello di benvenuto della città che porta il loro nome, Liman. Le immagini si sono diffuse a macchia d’olio per tutta la mattina di sabato. “1 ottobre. Stiamo spiegando la nostra bandiera nazionale e stabilendola sulla nostra terra. Liman sarà l’Ucraina”, dice uno dei soldati, in piedi sul cofano di un veicolo militare.

“Siamo già a Liman, ma si combatte ancora”, ha annunciato Cherevatii

Nell’esercito i comandanti devono essere nominati con un carattere fermo, coraggioso e di principi, che abbiano a cuore i loro uomini”, ha sottolineato. Serhii Cherevatii, portavoce delle forze militari ucraine nell’est del Paese, ha confermato in televisione che l’esercito russo nella zona di Liman “è circondato”. Secondo Cherevatii, la Russia aveva tra 5.000 e 5.500 soldati in quella città, ma il numero delle truppe accerchiate potrebbe essere inferiore a causa delle vittime subite nei combattimenti.

Il Presidente Ucraino Zelensky
Il Presidente Ucraino Zelensky – Nanopress.it

“Siamo già a Liman, ma si combatte ancora”, ha annunciato Cherevatii. Il sequestro di questo importante centro strategico segna la più grande vittoria sul campo di battaglia dell’Ucraina dalla fulminea controffensiva con cui ha riconquistato più di 8.500 chilometri quadrati della regione di Kharkov, secondo fonti ucraine, a settembre. Il portavoce militare ha assicurato che la cattura di Liman consentirà a Kiev di avanzare nella provincia di Lugansk, la cui cattura totale Mosca ha annunciato all’inizio di luglio, dopo settimane di lenti progressi. “Liman è importante perché è il prossimo passo verso la liberazione del Donbass ucraino.

È un’opportunità per spingersi oltre verso Kreminna e Severodonetsk, ed è psicologicamente molto importante”, ha affermato Cherevatii, che ha precisato che l‘operazione è ancora in corso e che le truppe russe continuano a tentare di rompere l’assedio di Liman senza successo. “Alcuni si stanno arrendendo, hanno molti morti e feriti, ma l’operazione non è ancora finita”, ha dichiarato.

Il governatore ucraino di Lugansk, Serhii Haidai, ha dichiarato, da parte sua, che le truppe russe hanno chiesto un’uscita sicura, ma che l’Ucraina ha respinto tale richiesta. “Hanno solo tre opzioni, provare a rompere [il recinto], arrendersi o morire”, ha detto Haidai.Le province di Donetsk e Lugansk costituiscono la vasta regione storica del Donbas, l’obiettivo numero uno del Cremlino, secondo le stesse dichiarazioni di Putin e dei suoi collaboratori, dall’inizio dell’invasione il 24 febbraio.