La Bosnia alle urne rischia la sua unità di Stato multietnico

In Bosnia una vittoria per l’inedita alleanza tra nazionalisti della Serbia e della Croazia potrebbe rilanciare la sfida indipendentista contro le istituzioni nate dagli accordi di pace di Dayton nel 1995.

Milorad Dodik
Milorad Dodik – NanoPress.it

A pochi mesi dal 30° anniversario dell’inizio della sua devastante guerra, la Bosnia Erzegovina ha tenuto questa domenica le elezioni decisive per il suo futuro di Stato multietnico. Le richieste di sovranità dei nazionalisti serbi e croati, che in queste elezioni hanno suggellato un’alleanza senza precedenti, minacciano la stabilità delle istituzioni nate dagli accordi di pace di Dayton del 1995.

La Bosnia divisa tra unità e nazionalismi

Nonostante le tensioni tra i principali partiti politici serbi, croati e bosniaci —bosniaci della religione musulmana— hanno sempre segnato la politica del Paese, la Bosnia sta attraversando la sua più grave crisi politica dalla fine della guerra. I primi dati sul conteggio dei voti suggeriscono che i partiti multietnici potrebbero prevalere sui nazionalisti in alcune importanti contese.

Il principale leader nazionalista serbo, Milorad Dodik, ha annunciato lo scorso anno un processo di secessione in risposta all’approvazione di una legge che criminalizza la negazione del genocidio avvenuto a Srebrenica nel 1995, dove le forze paramilitari serbe hanno massacrato migliaia di civili. Tuttavia, Dodik, stretto alleato del presidente russo Vladimir Putin, ha tirato il freno a mano dopo il contraccolpo occidentale sotto forma di sanzioni contro l’invasione russa dell’Ucraina.

Tuttavia, gli esperti temono che una netta vittoria del suo partito, il SNSD, possa rilanciare la sua sfida indipendentista. “Per quanto strano possa sembrare, il più grande pericolo imminente per lo Stato bosniaco è il comportamento dei nazionalisti croati. I suoi risultati in queste elezioni saranno fondamentali”, afferma l’analista Reuf Bajrovic. L’ostilità del nazionalismo serbo verso il progetto di una Bosnia multietnica è stata una costante sin dalla sua creazione a seguito del sanguinoso smembramento della Jugoslavia.

Negli ultimi anni il principale partito croato, l’HDZ, è stato quello che ha bloccato le istituzioni per chiedere una modifica degli accordi di Dayton. La sua alleanza con il nazionalismo serbo ha risvegliato vecchi demoni, perché in una fase della guerra degli anni ’90, i presidenti di Croazia e Serbia, Franjo Tudjman e Slodoban Milosevic, hanno deciso di dividere il territorio bosniaco.

Tuttavia, le pressioni della comunità internazionale hanno frustrato il patto.A Mostar, una città amaramente divisa dalla guerra tra metà croati e metà bosniaci, non è difficile trovare cittadini che dettagliano le lamentele croate. “Non è giusto che i rappresentanti croati non siano eletti solo dagli elettori croati. Per come è fatto il sistema, ogni gruppo bada ai propri interessi”, commenta Dario, giovane professionista, mentre lascia un seggio elettorale in una zona croata.

Il sistema si basa su una distribuzione delle posizioni politiche basata su quote etniche

Il “sistema” è il disegno istituzionale contenuto negli accordi di Daytona, patrocinato da Washington, e che si basa su una distribuzione delle posizioni politiche basata su quote etniche. Così, ad esempio, la presidenza del Paese è un organo collegiale composto da un rappresentante di ciascuno dei tre “popoli costituenti”, cioè un serbo, un croato e un bosniaco.

Radovan Karadzic
Radovan Karadzic – NanoPress.it

Inoltre, gli accordi di pace hanno creato due entità substatali autonome, la Republika Srpska e la Federazione di Bosnia Erzegovina, che riunisce le aree a maggioranza croata e bosniaca. Mentre i croati sono solo il 15% della popolazione totale del Paese, i bosniaci superano il 50%, il che consente al rappresentante croato nella presidenza tripartita di essere scelto dagli elettori bosniaci, all’origine dei disordini croati.

Il principale partito bosniaco, l’SDA, anche lui nazionalista, ha usato in questa campagna una retorica non meno incendiaria di quella dei suoi omologhi serbi e croati. Sefia Itzebegovic, moglie del leader dell’Sda e candidata parlamentare, ha descritto i bosniaci che votano per altri partiti a una manifestazione come “perdenti che ci riporteranno su strade orrende… verso i campi di concentramento, i luoghi delle esecuzioni e i bracci della morte”.

Le menzioni della guerra che costò la vita a più di 100.000 persone sono comuni nelle campagne dei partiti nazionalisti. Sebbene, elezione dopo elezione, abbiano ottenuto una netta maggioranza di oltre il 70% dei voti, ogni volta si rileva una maggiore stanchezza nei confronti della classe politica tradizionale. Così l’astensione ha preso piede, e nell’ultima gara elettorale si è avvicinata al 50%.

Secondo la classificazione dell’organizzazione Transparency International, che misura la percezione della corruzione nei cittadini di diversi paesi, la Bosnia Erzegovina è il secondo paese più corrotto d’Europa, uno dei motivi che le ha impedito di raggiungere il suo status di candidato l’UE.

Da un altro anno i social denunciano l’acquisto di voti da parte dei principali partiti, proprietari di fitte reti clientelari. Nel frattempo, l’economia resta stagnante e la disoccupazione giovanile si avvicina al 25%. Negli ultimi cinque anni sono emigrate più di 300.000 persone, la maggior parte giovani. “Se i nazionalisti vincono ancora, prenderò in considerazione l’idea di emigrare.