Figliuolo: dal 10 maggio aperte agli over 50 le prenotazioni per il vaccino

Apertura alle prenotazioni ai nati dal 1971 in poi significa che tocca alla popolazione sempre più giovane venire immunizzata. Il 25% della popolazione ha già ricevuto la prima dose

Figliuolo

Foto Getty Images | Stefano Guidi

Il commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo ha annunciato che da lunedì 10 maggio saranno aperte le prenotazioni per il vaccino per i nati nel 1971 in poi, ovvero agli over 50.

In concomitanza con la velocizzazione della campagna vaccinale, con la copertura sempre più ampia delle categorie più fragili, compresi ottantenni i novantenni, gradualmente si darà la possibilità di prenotarsi anche alle persone più giovani: la fascia 50-59 è una delle più “popolose” nel nostro paese.

Come sempre avrà la priorità chi ha particolari patologie, è immunodepresso o in generale chi potrebbe avere gravissimi problemi se dovesse entrare in contatto con il virus del Covid.

Figliuolo: ora tocca agli over 50. Campagna procede spedita

Figliuolo a dichiarato che l’apertura over 50 è la dimostrazione che la somministrazione dei vaccini sta finalmente andando alla giusta velocità, come dimostra il fatto che il 25% degli italiani ha ricevuto almeno la prima dose, tre quarti dei quali hanno più di 70 anni. C’è però ancora qualche resistenza tra i più anziani tra no vax e anziani difficili da raggiungere o che hanno difficoltà nel prenotarsi: secondo l’Istat, le regioni migliori sono Lazio e Lombardia, dove si conta solo un 10% di “astenuti” dal vaccino, mentre maggiori resistenze sono state incontrate in Sicilia, Campania, Calabria e Sardegna.

Ad aiutare l’operazione ci pensano le 4.7 milioni di dosi sparse sul territorio, delle quali 2 milioni di Pfizer sono arrivati ieri; in totale nel mese di maggio dovrebbero arrivarne 17 e a giungo 25. Ad oggi ne sono state somministrate 22 e si prospetta che siano 7 milioni i cittadini che hanno già ricevuto la seconda dose.

L’obiettivo di Figliuolo di vaccinare 500mila persone al giorno è stato raggiunto solo il 30 aprile scorso, per ora il ritmo si attesta però intorno alle 400 mila, comunque un risultato soddisfacente.

Parole di Carlotta Tosoni

"Una cosa bella è una gioia per sempre" diceva John Keats. Provo ad applicare questi versi nella pratica cercando e studiando tutto ciò che è esteticamente e intellettualmente interessante. Infatti arte, bellezza e comunicazione sono sempre stati la mia guida nello studio, nel lavoro e nella vita: ricercare contenuti validi da esprimere in maniera piacevole e da comunicare efficacemente. Solo così si può provare a cambiare le cose. La mia formazione è stata economica e artistica, la scrittura il mio mezzo preferito per raccontare il mondo, le mie passioni la storia dell’arte, il beauty, lo sport. Dal 2020, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.

Da non perdere