Europa: le grandi economie cercano di limitare inflazione e crisi energetica

In Europa Germania, Francia, Italia e Regno Unito stanno provando diverse politiche fiscali per far fronte agli effetti dell’aumento dei prezzi su cittadini e imprese.

Macron
Macron – NanoPress.it

L’inflazione sta aumentando e nessuno è disposto a restare a guardare. Mentre le banche centrali hanno trasformato la loro politica monetaria di 180 gradi, con un rialzo dei tassi senza precedenti nel caso della Banca centrale europea, i governi stanno preparando lo strumento a loro disposizione: la politica fiscale.

L’Europa si prepara al ‘gelido inverno’

Come la Spagna – che ha annunciato tasse temporanee sulle società bancarie ed energetiche, sconti sulle bollette di carburanti ed elettricità, o modifiche all’imposta sul reddito delle persone fisiche e alle società – tutte le grandi economie continentali hanno delineato i cambiamenti nelle ultime settimane.

Dal macropacchetto aiuti tedeschi, che ha destato perplessità nel resto dei partner, al taglio delle tasse annunciato dal Regno Unito, che ha generato turbolenze sui mercati e costretto all’intervento della Bank of England. Ecco come i paesi stanno rispondendo alla crisi energetica e inflazionistica:

Europa: Germania, il piano più ambizioso

Il ministro dell’Economia tedesco, il liberale Christian Lindner, ha presentato giovedì scorso a Berlino l’ultimo e potente fondo con cui intende combattere l’inflazione e aiutare aziende e cittadini ad alleviare i prezzi dell’energia in corsa. Il governo di Olaf Scholz ha tirato fuori il libretto degli assegni: utilizzerà 200 miliardi di euro (pari a un quarto dell’intero recovery fund europeo) soprattutto per mettere un tetto al prezzo dell’elettricità e un altro al gas.

Olaf Scholz
Olaf Scholz – NanoPress.it

Il meccanismo, che ha suscitato critiche tra i partner europei per l’impatto che potrebbe avere sulla concorrenza, deve ancora essere sviluppato. L’accordo iniziale prevede che, nel caso dell’elettricità, verrà stabilito un prezzo massimo per una parte dei consumi di base e verranno utilizzati i vantaggi extra delle società per finanziarla. Per il gas Scholz ha nominato una commissione di esperti che tra due settimane farà la sua proposta e prevederà anche un consumo base a prezzo limitato.

Ad agosto Berlino ha anche annunciato la riduzione dell’IVA sui carburanti, dal 19% al 7%. In linea di principio, si intendeva compensare il controverso sovrapprezzo sul gas che i consumatori avrebbero dovuto pagare in bolletta a partire dal 1 ottobre, ma questo è stato abolito. Gli importatori di gas che hanno problemi, come Uniper, che sta per essere nazionalizzata, riceveranno aiuti specifici.

Si stima che la riduzione dell’IVA costerà alle casse pubbliche circa 14.000 milioni. L’Esecutivo del socialdemocratico Scholz ha anche varato tre pacchetti di aiuti molto incentrati sui gruppi particolarmente colpiti dall’inflazione, che includono pagamenti diretti e unici a pensionati, studenti e lavoratori per far fronte alle bollette questo inverno.

Europa: la Francia contiene l’inflazione

La Francia, con tutto il peso del suo Stato onnipotente e una radicata tradizione interventista, si è mobilitata come pochi per contenere l’aumento dei prezzi. Finora ci è riuscito. È il paese dell’UE con l’inflazione più bassa, 6,2%, secondo gli ultimi dati Eurostat. Ci è riuscito, in buona parte, con il cosiddetto scudo energetico che ha varato a fine 2021. Ciò ha limitato l’aumento del prezzo dell’energia elettrica a un massimo del 4% entro il 2022 e ha congelato il prezzo del gas.

Mario Draghi
Mario Draghi – Nanopress.it

Nel 2023 limiterà al 15% l’aumento di gas ed elettricità. Il suo costo è stimato a 30.000 milioni quest’anno e, secondo il progetto di bilancio recentemente presentato, a 45.000 milioni nel 2023. Altre misure sono la riduzione di 30 centesimi al litro del prezzo della benzina (10 centesimi da novembre) e un limite del 3,5% per un anno per l’aumento dell’affitto.

Ci sono anche aiuti rivolti alle fasce più vulnerabili, come l’aumento del 4% degli assegni sociali (applicabili anche alle pensioni), o un assegno energetico compreso tra 100 e 200 euro che i 12 milioni di famiglie più modeste riceveranno fino alla fine del l’anno. I vincoli sui prezzi dell’energia hanno lasciato un buco nell’Électricité de France (EDF).

La società semi-pubblica, che sta per essere nuovamente nazionalizzata, ha portato il suo principale azionista, la Repubblica francese, davanti al Consiglio di Stato per le perdite arrecate. Il presidente, Emmanuel Macron, ha stabilito una linea rossa nella politica economica quando è salito al potere nel 2017: non aumentare le tasse.

Quello che ha fatto è rallentare il tasso di riduzione dell’imposta sulla produzione delle imprese. E per pagare il conto delle misure approvate spera di ottenere maggiori entrate dal meccanismo di compensazione che consente allo Stato di recuperare parte degli eccessivi profitti che, grazie all’aumento dei prezzi, percepiscono le aziende di energia rinnovabile. Le future riforme dell’assicurazione contro la disoccupazione e delle pensioni dovrebbero servire anche a ridurre il disavanzo e ad attenuare il debito.

Europa: l’Italia abbassa i prezzi

Il governo italiano, sotto la guida del presidente del Consiglio uscente Mario Draghi, ha approvato in estate un pacchetto di misure straordinarie volte a mitigare gli effetti dell’elevata inflazione, che nel Paese d’oltralpe ha toccato a settembre il 9%. L’Italia spenderà 17.000 milioni di euro in questo piano, incentrato sulla protezione delle imprese e delle famiglie dall’aumento dei prezzi dell’energia e dei consumatori.

Liz Truss
Liz Truss – Nanopress.it

Si aggiungono ai 35.000 milioni preventivati ​​da gennaio per mitigare l’impatto degli altissimi costi di elettricità, gas e benzina. Del totale, 1.200 milioni andranno a ridurre il cosiddetto cuneo fiscale, la differenza tra lo stipendio pagato dal datore di lavoro e quello che percepisce il lavoratore dipendente. In questa linea i contributi dei lavoratori saranno ridotti del 2%, che non è un vero e proprio aumento salariale, ma in pratica significherà un effettivo aumento della busta paga percepita dai lavoratori con reddito annuo fino a 35.000 euro.

Anche Roma ha prorogato fino a metà ottobre lo sconto di 30 centesimi sul prezzo del carburante; ha sospeso le “modifiche unilaterali dei contratti di fornitura” ed ha eliminato i cosiddetti oneri di sistema, che rappresentavano fino al 20% della bolletta energetica. Ha inoltre ridotto al 5% l’IVA sul gas metano per uso domestico e industriale. Le misure sono temporanee, molte sono prorogate e scadono a dicembre.

Si prevede che il nuovo Esecutivo, ancora da formare dopo le elezioni della scorsa settimana, possa estenderle se necessario

Regno Unito, controcorrente

Il nuovo Primo Ministro del Regno Unito, Liz Truss, ha vinto la scorsa estate nella lotta per la guida del Partito conservatore, promettendo un taglio delle tasse che tutti gli esperti hanno sconsigliato, ma quella era musica per le orecchie di poco più che 80.000 affiliati che lo hanno portato a Downing Street.

ursula von der leyen
ursula von der leyen – NanoPress.it

Il ministro dell’Economia, Kwasi Kwarteng, convinto come il suo capo della necessità di rilanciare le politiche neoliberiste degli anni ’80 per rilanciare un’economia in letargo da più di un decennio, ha presentato il 23 settembre la più grande proposta per abbassare le tasse l’ultimo mezzo secolo. Il piano, del valore di oltre 50.000 milioni di euro, prevede lo storno dell’aumento degli oneri sociali approvato dal precedente governo e destinato a finanziare il malconcio Servizio Sanitario Nazionale.

Annulla anche l’aumento per il 2023 dell’imposta sulle società dal 19% al 25%; pone fine all’aliquota massima del 45% dell’imposta sul reddito delle persone fisiche per i redditi più alti; e, infine, abbassa l’aliquota di base dell’imposta sul reddito dal 20% al 19%. Se la decisione ha già lanciato un messaggio politicamente tossico, avvantaggiando fiscalmente i più ricchi con un taglio generalizzato delle tasse, il tutto è stato ulteriormente aggravato dalla decisione del nuovo Governo di destinare quasi 150.000 milioni di euro agli aiuti diretti alle famiglie e alle imprese per far fronte agli alti bollette luce e gas.

Tutti quei soldi, insieme al taglio delle tasse, proverrebbero direttamente dal debito pubblico, perché anche il Primo Ministro Truss si è rifiutato di ritassare i profitti straordinari delle compagnie energetiche. Immediatamente, i mercati hanno percepito che il livello di indebitamento atteso, con inflazione galoppante (9,9%) e tassi di interesse in aumento, era insostenibile.

Il valore della sterlina è crollato al suo livello peggiore in quasi quarant’anni e il premio per il rischio sulle obbligazioni a lungo termine è salito alle stelle. La Bank of England, che appena sei settimane prima aveva annunciato la sua decisione di smettere di concedere ingenti liquidità con il famoso quantitave easing (quantitative easing), ha dovuto prendere una svolta drastica e annunciare che avrebbe ripreso ad acquistare, “nella scala necessaria ”, di obbligazioni del debito pubblico a lungo termine.

Il Fmi, le principali banche e fondi di investimento e molti deputati conservatori hanno iniziato ad aggiungere voci nelle ultime ore affinché il governo faccia marcia indietro. La risposta, per ora, è stata quella di rimanere fermi nella sua decisione. La Banca d’Inghilterra ha promesso di spendere oltre 70.000 milioni di euro fino al 13 ottobre. Da quel momento in poi, i mercati determineranno se la credibilità economica di Truss reggerà.