Vittoria dem in Georgia: Biden sempre più vicino alla Casa Bianca

Negli Stati Uniti ancora si stanno contando i voti, ma la vittoria sembra andrà all'oppositore di Donald Trump, che intanto continua ad accusare di brogli

Trump e Biden

Foto Getty Images | Sarah Silbiger

Joe Biden sarà il prossimo presidente degli Stati Uniti d’America? È molto probabile visto il risultato ottenuto in Georgia, stato tradizionalmente conservatore dove l’ultimo democratico a vincere fu Clinton nel 1992: qui, è più avanti di Trump per 917 voti. Devono essere però contati ancora quelli della zona di Atlanta (circa 15 mila), che si prospettano favorevoli a Biden, mentre potrebbero essere pro Trump quelli provenienti dall’estero e dai militari, a loro volta ancora da contare.

Per vincere servono 270 voti elettorali: al momento Biden ne conta 264 mentre Trump 214 secondo Associated Press. Altre fonti dicono che la situazione sia 253 vs 214, ma è probabile che per un dato certo bisognerà attendere ancora diversi giorni.

Biden certo della vittoria, Trump non si rassegna

Mentre Biden dichiara di essere assolutamente certo di vincere, Trump continua la sua battaglia contro presunti brogli elettorali e ingiustizie.

Alcune ore fa, mentre in Italia era notte, il presidente in carica ha tenuto un discorso alla Casa Bianca in cui ha continuato ad accusare di scorrettezze nello spoglio, invitando chi di dovere a contare solo i cosiddetti “voti legali”. Il discorso non è stato addirittura mandato in onda da alcuni canali televisivi vista l’elevata tensione che già caratterizza tutto il paese. Inoltre, lo staff di Trump ha condiviso una serie di tweet a sostegno della teoria complottistica che sono stati censurati dal social network con tanto di disclaimer sul contenuto fake dei post, facendo innervosire ancora di più l’imprenditore prestato alla politica.

Ma alla luce dei voti già contati, secondo un calcolo del New York Times Biden avrebbe a disposizione 27 combinazioni per vincere mentre Trump solo 4. Il sistema di voto americano si basa non sui voti, ma sulle vittorie nei singoli Stati, che hanno più o meno peso nel conteggio finale. Perciò, se Biden dovesse vincere in Pennsylvania, si aggiudicherebbe 20 voti elettorali: se pensiamo che ne servono 270 e lui è già a quota 253-264, capiamo che la vittoria sarebbe a un passo. Il NY Times sostiene che c’è anche una possibilità di pareggio, ma è altamente improbabile.

La situazione negli altri Stati

Gli Stati ancora in bilico sono Arizona, Nevada, North Carolina, Alaska, e Pennsylvania.

In Arizona, che vale 11 voti elettorali, manca il conteggio di circa il 10% delle schede ma al momento pare che avanti ci sia Biden. Ci sono 200mila schede arrivate per posta, che gli analisti assegnano già a Trump, non intaccando però il vantaggio. I risultati dovrebbero arrivare nelle prossime ore.

In Nevada (6 voti elettorali), dopo lo spoglio dell089% dei voti, Biden è avanti di 11mila voti. Ma qua ancora mancano 190mila schede da contare, che però provengono da una contea dove il democratico è in vantaggio, e i voti per posta, ma lo stato sembra già assegnato.

North Carolina (15 voti) e Alaska (3) dovrebbero già essere di Trump nonostante non sia ancora conclusa la conta.

I risultati saranno probabilmente resi noti domani.

Biden in vintaggio in Pennsylvania

Secondo quanto riferito dalla CNN, il candidato democratico è passato in vantaggio su Trump in Pennsylvania: è al 49,4% contro il 49,3% del presidente, con 5.587 voti.

Sempre secondo il network, Biden potrebbe vincere la corsa alla Casa Bianca con 306 voti totali.

Aggiornamento ore 15:40

Parole di Alanews

Da non perdere