Fantacalcio. I nostri consigli per la 7a giornata

Chi schierare al Fantacalcio nella 7a giornata di Serie A? Ecco certezze, scommesse e giocatori da evitare.

Fantacalcio. I nostri consigli per la 7a giornata

Nemmeno 24 ore dopo la fine delle gare europee è già tempo di Serie A con l’anticipo del venerdì tra Sassuolo e Udinese. Nonostante le molte incognite legate a turnover, infortuni e casi Covid (più o meno accertati) i fantallenatori sono già chiamati a schierare la formazione per la 7a giornata di Serie A e di Fantacalcio. Ecco tutti i nostri consigli per non sbagliare le scelta dello schieramento per questa giornata.

5 CERTEZZE

Quali sono i giocatori da schierare senza pensarci due volte nella 7a giornata di Fantacalcio? Ecco cinque uomini che non vi faranno rimpiangere di avergli affidato le chiavi della vostra fantasquadra.

1- Edin Dzeko: il bomber bosniaco ha riposato in Europa League ed è pronto a tornare in campo da titolare nella sfida contro il Genoa. L’attaccante bosniaco è in un buon momento e l’intesa con i compagni di reparto sta crescendo di partita in partita. Contro il Grifone Dzeko è pronto a lasciare il segno.

2Alvaro Morata: L’attaccante spagnolo è in un momento di forma strepitosa. Segna a ripetizione sia in campionato che in Champions (anche se più di una volta è stato fermato per fuorigioco di pochi centimetri) e non ha certo intenzione di fermarsi. Impossibile lasciarlo fuori nel big match in un big match, come quello contro la Lazio, in cui ha sempre dimostrato di sapersi esaltare.

3- Allessio Romagnoli: Il Milan in Europa League ha subito la prima sconfitta stagionale, ma nella sfida con il Verona vorrà subito riscattarsi. Romagnoli è pronto a guidare al difesa rossonera e pensiamo che il duello con le punte scaligere sia ampiamente alla sua portata. Attenzione anche alla sua pericolosità in zona bonus sulle palle inattive.

4- Gaetano Castrovilli: In una Fiorentina deludente e chiamata a reagire una delle poche certezze rimane il centrocampista con il numero 10. Già 4 goal all’attivo e prestazioni sempre convincenti per Castrovilli. Le sue incursioni contro la non perfetta difesa del Parma possono essere letali.

5- Lorenzo Insigne : L’esterno napoletano è pronto a tornare in campo dopo l’infortunio e a riprendere il controllo della sua fascia sinistra. Il Napoli deve riscattare la brutta sconfitta contro il Sassuolo e molte delle speranze partenopee passano per i piedi dello Scugnizzo. Contro una squadra che spesso concede spazi come il Bologna potrebbe essere la partita perfetta per lui.

5 SCOMMESSE

Ecco a voi cinque giocatori che in questa giornata potrebbero sorprendervi positivamente. Il loro rendimento qualche volta può essere altalenante, ma stavolta non vi deluderanno.

1- Gianluca Lapadula: L’attaccante del Benevento è stato protagonista di un ottimo inizio di stagione e la gara contro lo Spezia gli offre la possibilità di continuare a far bene. La sua capacità di inserirsi negli spazi e il suo istinto del goal potrebbero risultare decisivi. Ci sentiamo di scommettere su un suo +3 in questa giornata.

2- Diego Godin: il centrale del Cagliari è reduce da qualche prestazione deludente ma siamo convinti che in questa giornata potrà riscattarsi. La gara contro la Sampdoria si adatta perfettamente alle sue caratteristiche e potrebbe portarlo anche ad essere pericoloso in zona goal. E in carriera ha sempre dimostrato di saperci fare.

3- Maxime Lopez: Il giovane centrocampista del Sassuolo sta stupendo tutti nelle sua prime apparizioni in Serie A. Le sue caratteristiche si sposano con le idee di De Zerbi e il suo adattamento è stato molto più veloce del previsto. Nella sfida contro l’Udinese dovrebbe partire titolare e potrebbe trovare ancora la via del bonus.

4- Luis Muriel: La scorsa settimana lo avevamo inserito tra le certezze ma questa volta, visto l’avversario (Inter) e il fatto che potrebbe non partire titolare, lo inseriamo nelle sorprese. Il colombiano viene da una doppietta e ha dimostrato di saper essere molto pericoloso contro chiunque e con qualunque minutaggio. Noi crediamo in lui.

5- Simy: Per l’attaccante nigeriano vale un discorso simile a quello fatto per Lapadula: spesso sottovalutato perchè gioca in una neopromossa, è stato protagonista di un grande avvio di stagione condito da 3 goal. Contro un Torino in grande difficoltà, seppur reduce dalla prima vittoria stagionale nel recupero col Genoa, Simy potrebbe trovare la via del +3.

5 DA EVITARE

Infine ecco i giocatori da schierare solo se l’alternativa è quella di giocare in 10. Altrimenti evitate accuratamente di affidargli un posto da titolare perchè potrebbe rivelarsi una pessima idea.

1- Wesley Hoedt: Il centrale della Lazio non sembra essere più lo stesso che tanto bene aveva fatto 3 anni fa prima di essere ceduto. Apparso spesso in difficoltà, in questa giornata si troverà davanti due pezzi da 90 come Cristiano Ronaldo e Morata. Si profila una partita da incubo per l’olandese.

2- Ivan Ilic: Il centrocampista del Verona sta ben figurando in questo avvio ma stavolta si troverà davanti un Milan in grande forma e voglioso di riscatto dopo la sconfitta europea. Il serbo potrebbe essere risucchiato nel palleggio rossonero senza riuscire a trovare il bandolo della matassa.

3- Gerard Deulofeu: L’attaccante spagnolo non ha ancora trovato il giusto feeling con i compagni nella sua nuova avventura italiana. Spesso spaesato e poco lucido sotto porta l’ex Watford non sta di certo convincendo. La partita con il Sassuolo non sembra quella giusta per invertire la rotta. Possiamo aspettarlo ancora un po’.

4- Bosko Sutalo: Il centrale croato dovrebbe essere schierato titolare nella gara contro l’Inter per dare respiro a Toloi. La partita si preannuncia però proibitiva per un giocatore poco mobile come lui e il rischio di brutte figure, nonostante la probabile assenza di Lukaku, è molto alto.

5- Johan Mojica: L’esterno colombiano avrà l’ingrato compito di non far rimpiangere Robin Gosens sulla fascia destra dell’Atalanta. Mojica però non sembra ancora ben integrato negli schemi di Gasperini e il duello sulla fascia con Hakimi rischia di creargli moltissimi problemi. Possiamo tranquillamente lasciarlo in panchina.

Parole di Valerio Malfatto

Valerio Malfatto, nato a Roma il 6 settembre 1995 e diplomato al Liceo Classico statale Luciano Manara. Laureato in Ingegneria Chimica all’Università La Sapienza di Roma e attualmente studente di Ingegneria dei Materiali presso l’Università degli Studi di Padova. Le sue più grandi passioni sono lo sport, in particolare il calcio, e l’ecologia.

Da non perdere