Putin: il reclutamento forzato prende di mira le minoranze etniche

Putin è amato ma anche odiato in patria. Dopo decenni di razzismo, tartari, burati, tuvani e altre comunità non slave stanno ora vedendo le loro comunità sopportare un onere sproporzionato per fornire soldati per la guerra in Ucraina. “È una tragedia. O vengono mandati a morire o sono costretti ad andarsene”, dice un attivista.

Cittadini russi reclutati nella città di Rostov
Cittadini russi reclutati nella città di Rostov – NanoPress.it

Solo slavi. Queste due parole di molti annunci di appartamenti in affitto nella capitale russa mostrano il razzismo di cui sono vittime alcuni gruppi etnici del Paese. Un requisito di segregazione che, tuttavia, nessuno ha accettato in nessuna delle lettere di mobilitazione per combattere in Ucraina. Le minoranze etniche sono state un terreno di pesca per i soldati nel primo massiccio prelievo intrapreso dal Cremlino – alcuni dei quali risarciti con una pecora per la famiglia della recluta – che ha riaperto ferite in un Paese ancora fresco dalle guerre nel Caucaso.

Putin sembra non rispettare le minoranze etniche presenti in Russia

Ci sono 461.000 buriati in Russia, che rappresentano lo 0,3% della popolazione totale. “Il loro reclutamento, come quello degli yakuti e dei daghestani, è stato sproporzionato rispetto a quello di altri popoli”, ha affermato in un’intervista telefonica la presidente della Free Buryatia Foundation, Alexandra Garmayapova. L’attivista racconta di una pesca alla rinfusa nella sua terra, con diversi casi di conoscenti presso le cui case i reclutatori si sono presentati alle quattro del mattino.

Secondo il censimento del 2010, l’ultimo che comprende i gruppi etnici, le minoranze in Russia rappresentano circa il 20% dei suoi 144 milioni di abitanti. Il tartaro, che rappresenta il 3,8%, e l’ucraino, il 2%, sono i più numerosi.

Da Ulan Ude, capitale della repubblica russa di Buriazia, un funzionario locale che è stato per anni membro di Russia Unita, il partito di governo, dice con sgomento che la mobilitazione in questa zona della Siberia orientale si nutre praticamente solo dell’etnia asiatica dei buriati e non gli slavi che ci abitano. La Buriazia è una delle regioni più povere della Russia ed è stata anche un enorme granaio per i militari per la guerra in Ucraina prima della mobilitazione.

Nella repubblica di Tuva (al sud), da cui è originario il ministro della Difesa, Sergei Shoigú, i parenti del popolo mobilitato di Tuva hanno ricevuto una pecora o un carbone in cambio del reclutamento. “La cosa più importante è supportare i propri cari”, ha detto il governatore di Tuva su Telegram.

A Tuva il governo da una pecora o un po’ di carbone in cambio di un soldato al fronte

Il gruppo etnico dei buriati aveva già una presenza di spicco nella guerra del Donbass nel 2014 e nel 2015, quando il Cremlino inviò segretamente truppe in Ucraina, per consolidare quello che voleva disegnare come movimento separatista filo-russo nelle province di Donetsk e Lugansk.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.it

“Nel 2014 la Buriazia è stata una delle regioni che ha subito il maggior numero di perdite”, lamenta l’attivista della Free Buryatia Foundation, che ritiene che la mancanza di opportunità per questi gruppi etnici sia una delle ragioni principali del loro massiccio reclutamento. “In Buriazia puoi trovare lavoro solo se hai uno sponsor. In caso contrario, l’alternativa è il servizio militare e la Russia non sembrava essere in guerra con nessuno su larga scala.

Gli slavi incolpano quelli di altre etnie che parlano male e con accento. Li caratterizzano anche negativamente. Nel trasporto sono chiamati chúrki (molto offensivo) o ‘asini neri’. E gli appartamenti vengono affittati solo agli slavi. Garmayapova denuncia anche il razzismo istituzionale.

A differenza dell’Unione Europea, la Mongolia ha iniziato a rilasciare permessi di soggiorno a tutti i russi in fuga dalla guerra. Il suo ex presidente Tsajiagiin Elbegdory ha invitato nel paese in particolare i buriati, i tuvani e i mongoli calmucchi. “Ho saputo fin dall’inizio di questa sanguinosa guerra che le minoranze etniche russe hanno sofferto di più. Vengono usati come carne da cannone. Centinaia sono scomparsi; migliaia di persone sono morte”, ha denunciato Elbegdory in un messaggio diffuso dalla Mongolian World Federation.

Il caso Tartaro e la Convenzione di Ginevra

I tartari di Crimea, che da anni subiscono la repressione del regime di Putin nella penisola che Mosca ha annesso illegalmente nel 2014, denunciano di essere ora un altro focus prioritario della mobilitazione. L’organizzazione per i diritti umani CrimeaSOS stima che “un’enorme percentuale” di quelli reclutati nella penisola sono tartari, quando rappresentano a malapena il 15% della sua popolazione della penisola.

Una guardia della frontiera della Mongolia
Una guardia della frontiera della Mongolia – NanoPress.it

Tamila Tasheva, fondatrice della Ong e rappresentante permanente del presidente ucraino per la Crimea, afferma di aver contato almeno 1.500 convocazioni a persone di quella minoranza, quando il numero totale delle convocazioni nell’area è di circa 3.000.

“Durante tutto questo tempo di occupazione ci hanno spinto a lasciare la nostra patria storica con le loro politiche repressive, ci hanno perseguitato e imprigionato perché siamo tartari, come terroristi; ora arriva il reclutamento”, lamenta telefonicamente un membro di questa minoranza dalla Crimea.

Il fondatore di CrimeaSOS denuncia che i reclutatori gettano la rete nelle località dove si concentrano i tartari, nei loro mercati, con la citazione preparata. “Fermano le persone che si adattano all’età militare, chiedono i loro nomi e li scrivono sul documento. Poi viene detto loro di andare all’ufficio di arruolamento”, spiega Tasheva al telefono. “E’ una tragedia. O vengono mandati a morire o sono costretti ad andarsene”, aggiunge. E sembra che è quello che vuole Putin: mandarli in guerra o cacciarli.