Premio Nobel per la Pace assegnato al World Food Programme

Il Premio Nobel è stato vinto dalla più grande organizzazione umanitaria nel mondo per l'assistenza alimentare

Premio Nobel

Foto Getty Images / Ragnar Singsaas

Si è appena concluso il quinto giorno della settimana dedicata ai prestigiosi Premi Nobel: l’Accademia Norvegese di Oslo ha assegnato il Premio Nobel per la Pace al World Food Programme delle Nazioni Unite, la più grande organizzazione umanitaria del mondo che si occupa di assistenza alimentare.

Il Comitato, nel momento dell’assegnazione del Premio, ha detto: “Il Premio Nobel per la Pace va al World Food Programme, per i suoi sforzi nel contrastare la fame, per il suo contribuito nel migliorare le condizioni di pace nelle aree interessate da conflitti e per essere determinante negli sforzi di prevenzione delle guerre che sfruttano la fame come arma“.

Premio Nobel per la Pace: di cosa si occupa l’Organizzazione

Nel 2019, l’Organizzazione umanitaria ha portato assistenza a oltre 100 milioni di persone in 88 Paesi.

La pandemia di Coronavirus ha contribuito nel generare un forte aumento del numero di vittime della fame nel mondo, in particolare nello Yemen, nella Repubblica Democratica del Congo, in Nigeria, in Sud Sudan e nel Burkina Faso: il World Food Programme ha dimostrato “un’abilità impressionante di intensificare gli sforzi. Finché non avremo un vaccino medico, il cibo sarà il miglior vaccino contro il caos“.

Il World Food Programme ha svolto un ruolo chiave nella cooperazione multilaterale, per fare della sicurezza alimentare uno strumento di pace. Ha fornito un forte contributo alla mobilitazione degli Stati Membri delle Nazioni Unite per combattere l’uso della fame come arma di guerra e di conflitto. L’Organizzazione, ogni giorno, ha continuato a far progredire la fraternità dei Paesi, in riferimento alle volontà di Alfred Nobel.

Premio Nobel per la Pace: le prime dichiarazioni

Con un tweet, il World Food Programme ha voluto ringraziare il Comitato per il Premio ricevuto: “Grazie di cuore al Nobel Committee per aver onorato il World Food Programme con il Nobel per la Pace 2020. Questo è un potente promemoria per il mondo che la pace e #famezero vanno di pari passo“.

Penso che sia la prima volta nella mia vita che sono rimasto senza parole“, ha detto David Beasley, Direttore Esecutivo del Programma, commentando la vittoria dal Niger, dove si trova in questo momento con l’agenzia Associated Press.

Il Programma Alimentare dell’Onu agisce in Paesi ad alto livello di rischio come Siria, Yemen e Nord Corea” ha detto la Presidente del Comitato, Berit Reiss-Andersen, che ha così continuato: “Nel 2019 il Pam ha fornito assistenza a quasi 100 milioni di persone in 88 Paesi vittime dell’insicurezza alimentare acuta e della fame. Nel 2015, l’eliminazione della fame è stata adottata come uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu“.

“Il Pam è lo strumento principale dell’Onu per realizzare questo obiettivo. Negli ultimi anni la situazione ha preso una piega negativa. Nel 2019, 135 milioni di persone soffrivano di fame acuta, il numero più alto da molti anni a questa parte. La maggior parte dell’aumento è stata causata dalla guerra e dai conflitti armati“, ha concluso la Presidente del Comitato.

La settimana dei Nobel

Dopo l’assegnazione, nei giorni scorsi, del Premio Nobel per la Medicina, del Premio Nobel per la Fisica, del Premio Nobel per Chimica e del Premio Nobel per la Letteratura, lunedì 12 ottobre verrà conferito il Premio Nobel per L’economia.

Parole di Alanews

Da non perdere