Pippo Baudo a Sanremo 2018: la lettera d'amore per il Festival

Continua a leggere

Pippo Baudo a Sanremo 2018

Pippo Baudo a Sanremo 2018

Continua a leggere

Continua a leggere

Pippo Baudo fa 14: al Festival di Sanremo 2018 lo storico conduttore di tredici kermesse canore si emoziona, prima nel ringraziare San Remo e poi nel presentare Elio e le storie tese e il maestro Beppe Vessicchio, tutti vecchie conoscenze del presentatore. L’Ariston diventa uno stadio per quello che viene definito ‘la storia della televisione‘: e Pippo Baudo non delude, facendo emozionare il pubblico.

A Sanremo devo la mia carriera, il Festival è nel cuore degli italiani‘: così esordisce Pippo Baudo, una commossa lettera per ringraziare San Remo, il Santo che gli ha permesso di arrivare al Festival e al quale scrive una lettera aperta con cui, dirà alla fine, ‘Vi ho raccontato una parte delle mie emozioni e della mia vita‘.

Pippo Baudo: ‘Il primo Sanremo? Nel 1958’

Continua a leggere

Continua a leggere

Claudio Baglioni e Pippo Baudo

Carissimo e amatissimo sanremo, ti ho conosciuto nel 1958, quando mio padre, cedendo a mia madre, comprò un televisore. Io – ricorda Baudo – rimasi stupito da quel cantante che, allargando le braccia, cantava Nel blu dipinto di blu‘.

Continua a leggere

Il celebre conduttore ricorda che fu proprio allora che decide di dover entrare in quella scatoletta e di condurre il Festival di Sanremo, cui arrivò nel 1968, quando ancora si faceva al Casinò.

Continua a leggere

E da qui è una carrellata di ricordi, dalla ‘cacciata’ di Louis Armstrong (il trombettista e cantante, dopo la sua esibizione in gara, voleva continuare a suonare), alla presentazione e scoperta di centinaia (Baudo sostiene migliaia: e ci possiamo anche credere) di cantanti e talenti.

Continua a leggere

LEGGI: Festival di Sanremo 2018, seconda serata in diretta su NanoPress

I Festival di Pippo Baudo

Continua a leggere

Baglioni Baudo e Hunziker

In Romagna scoprii Laura Pausini‘, ricorda Baudo, che commenta: ‘Che successo internazionale, Lauretta preparati per la quarta serata del Festival‘. E poi ancora Giorgia (‘Mamma mia Giorgia, venne qui al Festival con E poi, vinse con Come saprei, e nacque il mito di Giorgia‘) e un ragazzo romano di nome Eros Ramazzotti

Ai Festival di Sanremo di Baudo non sono mancate le risate, con (tra gli altri) Fiorello, Roberto Benigni (‘Quante risate e quanti dolori, eh’), il Trio Lopez-Marchesini-Solenghi.

Caro Sanremo, sei stato veramente buono con me, sono stato accanto a tanti personaggi che non avrei mai pensato di incontrare, Madonna, Sharon Stone (con cui ho ballato e ci siamo baciati; ho baciato anche Luciana Littizzetto, ma dalla vita non si può avere tutto), la grande Whitney Houston, che bissò All at once, Bruce Springsteen, che secondo alcuni era un po’ strano e non sarebbe mai venuto‘.

E il finale (posto che Pippo rimarrebbe volentieri sul palco a condurre il Festival: viene praticamente trascinato via) è un ringraziamento a ‘tutti coloro che mi hanno dato una mano affinché io diventassi Pippo Baudo‘.

E all’Ariston è, giustamente, ovazione…

CLICCA QUI PER RIVEDERE LA PERFORMANCE DI PIPPO BAUDO ALL’ARISTON

Nanopress ti aspetta su telegram

Nanopress è su Telegram. Vieni a scoprire il nostro canale, ricco di notizie e approfondimenti. Unisciti a noi!

Parole di Fulvia Leopardi

Da non perdere