L’Onu avverte: moriremo tutti di sete, non solo i Paesi più poveri

L’umanità deve affrontare siccità sempre più gravi e dannose a causa del cambiamento climatico e del degrado del suolo, afferma un rapporto dell’Onu pubblicato mercoledì 11 maggio scorso. 

La 'Terra' in mano ad uomo
La Terra – NanoPress.it

Le nazioni devono intraprendere azioni urgenti per ridurre la minaccia della scarsità di acqua, con l’aumento immediata della domanda globale di cibo.

Rapporto Onu drammatico. Acqua e cibo sempre più a rischio

La Convenzione delle Nazioni Unite per combattere la desertificazione (UNCCD), afferma che il numero e la durata della siccità sono aumentati del 29% dal 2000 e, che circa 700 milioni di persone, saranno a rischio di essere sfollate, a causa della siccità entro il 2030, a meno che l’azione non si prendano provvedimenti.

Oggi più di 2,3 miliardi di persone devono già affrontare lo stress idrico, e questo è un problema enorme”, afferma nel rapporto Ibrahim Thiaw, segretario esecutivo dell’UNCCD. “Sempre più di noi vivranno in aree con estrema scarsità d’acqua, tra cui si stima che un bambino su quattro entro il 2040. Nessun Paese è immune dalla siccità”.

Si prevede che la siccità peggiorerà con il riscaldamento del pianeta, influenzando non solo le precipitazioni, ma anche facendo evaporare più rapidamente l’acqua, il che significa che i terreni si asciugheranno sempre più rapidamente.

A questo si aggiunge il diffuso degrado del suolo a causa di pratiche agricole inadeguate, deforestazione, estrazione mineraria e inquinamento. L’UNCCD ha recentemente affermato in un rapporto separato, che fino al 40% della superficie terrestre del pianeta è degradata, e necessita urgentemente di un ripristino.

1 miliardo e mezzo di persone colpite dalla siccità negli ultimi 20 anni

Siccità più lunghe e più gravi rischiano di tagliare i raccolti, uccidere il bestiame, ridurre le riserve idriche e trasformare foreste e praterie in deserti, preparandole a incendi mortali come quelli negli ultimi anni n Australia, Brasile, California, Indonesia e Siberia.

Una mano 'verde' tende la mano ad una arida
Siccità – NanoPress.it

Più di 1,4 miliardi di persone sono state colpite dalla siccità tra il 2000 e il 2019, afferma il rapporto, la maggior parte nelle nazioni più povere, ma la mancanza di acqua sta colpendo anche i paesi ricchi.

Attualmente, per esempio, una grave siccità sta colpendo il Corno d’Africa e gran parte degli Stati Uniti occidentali. L’Africa ne ha sofferto più frequentemente di qualsiasi altro continente, con 134 siccità negli ultimi 20 anni, di cui 70 si sono verificate nell’Africa orientale, afferma il rapporto.

Ma gravi siccità colpiscono anche l’Asia, tagliando i raccolti, danneggiando i redditi e provocando un aumento dei prezzi dei generi alimentari. La siccità crea e perpetua un circolo vizioso di povertà, in particolare nei paesi in via di sviluppo.

Ad esempio, gli agricoltori che prendono in prestito sementi e fertilizzanti per piantare raccolti, quando le piogge vengono a mancare, non possono ripagare i debiti accumulati. La siccità nelle nazioni più ricche, come l’Australia e gli Stati Uniti, può avere un impatto globale riducendo le esportazioni di cereali come grano, semi oleosi, carne e altri alimenti.

Durante la siccità del millennio in Australia, la produttività agricola totale è diminuita del 18% tra il 2002 e il 2010. La grave siccità nel 2019-20 ha anche contribuito a innescare incendi record sulla costa orientale dell’Australia.

Il rapporto Onu afferma che un’azione urgente può ridurre i rischi futuri. Le misure includono la riduzione delle emissioni di gas serra, sistemi di allerta precoce, il passaggio a diete a base vegetale e l’investimento in modi per coltivare più cibo su meno terra e meno acqua. “Dobbiamo costruire e ricostruire meglio i nostri paesaggi, imitando la natura ove possibile e creando sistemi ecologici funzionali”.