La Ue si prepara a contenere le politiche dell’estrema destra in Italia

La Ue attenderà le “azioni” del nuovo governo italiano, anche se ha chiarito di avere strumenti per rispondere alle erosioni del progetto europeo, come ha dimostrato con Ungheria o Polonia.

Viktor Orban
Il presidente ungherese Viktor Orban – Nanopress.it

L’ascesa al potere dell’estrema destra in uno dei paesi fondatori dell’Unione Europea, l’Italia, scuoterà duramente Bruxelles. Per il momento, le autorità comunitarie sembrano scommettere sulla cautela e attendere di vedere le “azioni” del futuro gabinetto, presumibilmente guidato da Giorgia Meloni, prima di rilasciare una dichiarazione, come stanno ripetendo in questi giorni alcuni alti funzionari.

L’ascesa al potere dell’estrema destra in uno dei paesi fondatori della Ue, l’Italia, scuoterà duramente Bruxelles

Ma ciò non significa che non stiano affilando i coltelli in modo discreto. Perché l’Italia non è il primo Stato membro con un governo estremista con cui Bruxelles deve confrontarsi di fronte agli attacchi ai suoi valori fondamentali. E la sua reazione a paesi come l’Ungheria o la Polonia ha messo in chiaro che è disposta ad affilare i denti e, se necessario, a mordere, come ha ricordato questa settimana la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

Tuttavia, la parola d’ordine per il momento è cercare di non agitare ancora di più le acque già agitate, dopo il risultato raggiunto in Svezia questo mese dai Democratici di Svezia (DS). La formazione di estrema destra è stata il secondo partito più votato alle elezioni di appena due settimane fa e sarà quindi fondamentale per la formazione di un governo di destra in una Svezia che assumerà la presidenza di turno dell’UE a gennaio.

I successi dell’estrema destra in Italia e Svezia si verificano anche in un momento delicato per un’Europa alle prese con la guerra in Ucraina e le sue conseguenze in termini di crisi energetica ed economica (sebbene Meloni si sia recentemente convertita all’atlantismo, ai suoi alleati Matteo Salvini e Silvio Berlusconi stentano a nascondere le loro affinità con il Cremlino, come ha dimostrato l’ex presidente del Consiglio a fine campagna giustificando l’invasione russa).

A ciò si aggiunge la posizione radicale del leader dei Fratelli d’Italia (e dell’estrema destra svedese) contro l’immigrazione oi diritti della comunità LGBT. Con la vittoria di Meloni restano in sospeso anche il tema dei fondi europei e delle riforme e dei progetti ad essi collegati e questioni strutturali come la riforma della zona euro.

L’ultra avanzata in Italia e Svezia arriva dopo lo slancio raggiunto, poco prima dell’estate, dalla leader di estrema destra francese Marine Le Pen che, pur fallendo nel suo nuovo tentativo di conquistare la presidenza, è riuscita nelle elezioni legislative di giugno a passano da otto a 89 deputati e diventano uno dei principali pesi dell’emiciclo gallico.

I risultati in Italia, terza economia dell’Eurozona, confermano così che l’ultra destra è già nel cuore dell’Europa

I risultati in Italia, terza economia dell’Eurozona, confermano così che l’ultra destra è già nel cuore dell’Europa. Di fronte a questa situazione, nelle prime ore dopo aver appreso del grande vantaggio della coalizione guidata da Meloni, il silenzio è stato predominante tra i principali funzionari dell’Ue, quei “burocrati di Bruxelles” contro i quali il leader dei Fratelli d’Italia ha accusato durante una manifestazione incendiaria a favore dell’allora candidato Vox in Andalusia, Macarena Olona, ​​a giugno.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni – Nanopress.it

Dai vertici delle principali istituzioni europee — Commissione, Consiglio, Parlamento europeo — non è uscita domenica notte una sola dichiarazione, commento o tweet. La discrezionalità delle istituzioni europee risponde al mantra che Bruxelles ha ripetuto con insistenza in questi giorni: “Reagiamo alle azioni, agli atti concreti, alle decisioni che si prendono”, ha detto il commissario alla Giustizia alla vigilia del le elezioni italiane, Didier Reynders, ai giornalisti a Bruxelles.

Il che non significa, ha affermato, che la Commissione stia aspettando pigramente. “Non è la prima volta che corriamo il rischio di affrontare le elezioni per formare un governo con la partecipazione di movimenti estremisti, siano essi di estrema destra o di estrema sinistra, non è un fenomeno nuovo nell’Ue”, ha aggiunto.

La Ue “ha la capacità di reagire, ma dipende dalle azioni e dagli atti compiuti dagli Stati membri”, ha insistito. “Siamo disposti a lavorare con qualsiasi governo democratico, disposto a lavorare con noi”, ha affermato Von der Leyen, che ha anche ricordato, però, che l’Europa ha “strumenti” per correggere Stati con derive incompatibili con i principi europei. Una capacità di reazione che ha mostrato solo una settimana fa, quando l’Esecutivo della Comunità ha proposto la sospensione di 7.500 miliardi di euro dei fondi di coesione dell’Ue all’Ungheria per aver promosso la “corruzione sistematica” nella gestione dei soldi del bilancio comunitario.

Di fronte al silenzio istituzionale, alcuni eurodeputati e gruppi parlamentari a Bruxelles non hanno nascosto la gioia e lo sgomento per i risultati delle elezioni italiane. Mentre i deputati Vox in Europa li hanno celebrati ritwittando un messaggio di congratulazioni a Meloni del Primo Ministro polacco, Mateusz Morawiecki, uno dei primi a salutare la sua vittoria; L’eurodeputato francese dalla Francia Insumisa e il co-presidente del Gruppo della Sinistra al Parlamento europeo, Manon Aubry, hanno lamentato la “terribile” notizia: “Il neofascismo è installato alle nostre porte”, ha aggiunto. E ha avvertito che questo “conferma in tutta Europa l’impulso del veleno reazionario, xenofobo e autoritario”.