Italia: elezioni politiche senza sorprese. Cosà farà il nuovo Governo?

In Italia le incognite sul prossimo governo, che dovrebbe entrare in carica verso la fine di ottobre, non si riferiscono a chi, cioè alla sua composizione, ma a come, e quindi alla sua azione.

Vertice Centrodestra accordo trovato
I principali leader del Centrodestra Berlusconi, Meloni, Salvini-Nanopress.it

Alla fine non ci sono state sorprese alle elezioni italiane. Dopo una campagna elettorale breve e sostanzialmente incolore, le elezioni parlamentari svoltesi in Italia hanno seguito abbastanza da vicino le previsioni dei sondaggi e anche l’umore disilluso e disinteressato dell’elettorato. Ma se l’esito della votazione in sé non sorprende, lo stesso non si può dire di ciò che accadrà dopo le elezioni.

Alla fine non ci sono state sorprese alle elezioni in Italia

In questo senso, l’Italia sta entrando in una terra sconosciuta che potrebbe avere conseguenze per la sua democrazia e anche per il futuro dell’Unione Europea. Tuttavia, prima di esplorare questo nuovo territorio, atteniamoci a ciò che sappiamo: i dati elettorali e il risultato complessivo della votazione. Anche questa volta, come praticamente in tutte le elezioni precedenti (soprattutto negli ultimi 15 anni), ci sarà chi griderà con preoccupazione per un altro “terremoto elettorale”: un evento imprevedibile al quale non eravamo preparati e che ha colpito l’Italia.

Non potrebbe essere più sbagliato. Se c’è qualcosa di prevedibile a questo punto nel sistema politico italiano, è la sua costante e stabile instabilità elettorale. Con un sistema partitico totalmente atomizzato e destrutturato, ogni elezione produce cambiamenti bruschi e radicali: nel 2013, e ancor di più nel 2018, il clamoroso successo del Movimento 5 Stelle (33%), alle elezioni europee del 2014 la prodezza elettorale di un leader del Pd, Matteo Renzi, nell’ambito del centrosinistra (40%), poi la vittoria del nazionalista Salvini con la Lega alle elezioni europee del 2019 (34%).

E adesso? Ora tocca a Giorgia Meloni e al suo partito postfascista di destra radicale, conservatrice e sovranità (Fratelli d’Italia), passato dal 4,4% al 26% (secondo i primi sondaggi) nel corso di quattro anni. È un partito, l’unico nella scorsa legislatura, da sempre all’opposizione di tutti i governi: sia i dirigenti (centrodestra e centrosinistra) guidati da Giuseppe Conte, sia il governo formato attorno alla dirigenza tecnocratica di Mario Draghi.

E stare all’opposizione mentre i venti della crisi (sanitaria, economica, militare) imperversano all’estero ha sicuramente dato i suoi frutti. Tuttavia, l’annunciata vittoria dei Fratelli d’Italia all’interno di una coalizione di destra, con una piccola appendice moderata, avrebbe potuto essere, se non vanificata, almeno ridotta. Invece lo “schema 3 contro 1” ha spianato la strada alla vittoria di Meloni e della sua coalizione.

L’unico polo di centrodestra, infatti, ha affrontato tre diverse varianti di centrosinistra: una di stampo populista-laburista (M5S), un’altra orientata al progressismo europeista (Partito Democrático) e l’ultima a carattere neoliberista formata dal nuovo partito di Renzi (Italia Viva) e la formazione dell’eurodeputato Carlo Calenda (Azione), che si sono uniti. Se queste tre formazioni, che insieme hanno ottenuto circa il 49% dei voti, avessero trovato il modo di coordinare i propri sforzi, il gioco elettorale nei collegi uninominali sarebbe stato meno prevedibile e la vittoria del centrodestra sicuramente più incerta.

L’unico polo di centrodestra ha affrontato tre diverse varianti di centrosinistra

Senza dubbio, una diversa strategia di coalizione nel campo del centrosinistra avrebbe trasformato il clima della campagna elettorale, favorendo una maggiore mobilitazione degli elettori. Al contrario, il crescente astensionismo, specie nelle regioni meridionali, osservato in questa manifestazione elettorale (dal 27% al 35% di ieri), costituita dalle fasce più povere ed emarginate della società italiana, ha punito selettivamente i vari partiti.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni – Nanopress.it

Il principale colpevole di questo errore strategico è, senza dubbio, il principale partito di centrosinistra (PD), che non solo non è riuscito a polarizzare lo scontro con la destra, ma è anche rimasto imprigionato nell’immagine di un partito schiacciato dalla governo dell’establishment, e sottratto alle questioni sociali che più preoccupano gli elettori (ei lavoratori) italiani.

Con questi risultati elettorali, le incognite e le sorprese sul prossimo governo (che dovrebbe entrare in carica verso la fine di ottobre) non si riferiscono a chi, cioè alla sua composizione, ma a come, e quindi alla sua azione. Per la prima volta nella storia d’Italia, è molto probabile che sarà una donna a guidare il primo governo dominato dai partiti di destra radicale (sia Fratelli d’Italia che La Lega), orgogliosamente euroscettico, filo-sovrano e con posizioni internazionali non del tutto allineate con le posizioni storicamente filo-NATO dell’Italia.

Dato questo scenario, emergono almeno due fronti di tensione: uno interno e l’altro europeo e internazionale. Sul primo fronte, considerando anche i forti limiti alla politica economica derivanti dalla partecipazione all’eurozona e lo stato dei conti pubblici, il nuovo governo potrebbe puntare su questioni di identità e diritti civili, favorendo questa lenta erosione illiberale dei regimi democratici che noi già visto al lavoro in Ungheria e Polonia.

Tutto ciò è rafforzato da una riforma della Costituzione in chiave presidenziale senza adeguati controlli democratici. Il secondo fronte riguarda il ruolo dell’Italia nell’UE. Già nel 2018 le istituzioni sovranazionali si trovavano di fronte a un governo italiano potenzialmente euroscettico che, però, si è rapidamente integrato nella corrente europea. Oggi, con un futuro governo apertamente sovrano, l’operazione di “integrazione” nel circuito decisionale dell’UE potrebbe essere più complicata. Con prevedibili danni per l’Italia e un’incertezza senza precedenti sul futuro del progetto europeo, proprio quando è più necessario.