Empire State Building, la storia dell’edificio che tocca il cielo di New York

L’Empire State Building è stato per molto tempo il grattacielo più alto del mondo. La sua costruzione inizia intorno al 1930; la sua fama è mondiale. Eccone la storia.

Empire State Building
Empire State Building – Nanopress.it

Manhattan senza l’Empire State Building non sarebbe più Manhattan. Tra tutti i grattaceli, questo è sicuramente il più famoso al mondo e l’edificio simbolo per eccellenza di New York. Con i suoi 443 metri d’altezza, è stato il grattacelo più alto in assoluto, ma fino al 1971: con la costruzione delle Torri Gemelle e dell’One World Trade Center, infatti, ha perso il primato.

Alla base della sua storia c’è la grande esplosione demografica di New York avvenuta nei primi anni del ventesimo secolo: i suoi abitanti raggiunsero i dieci milioni e New York diventò inevitabilmente la città dai grattaceli più alti in tutto il globo.

Il grattacelo dei record

Nel punto in cui oggi si eleva l’Empire State Building, si trovava il primo grande albergo ottocentesco della città, il Waldorf-Astoria, che chiuse definitivamente nel 1929.

Proprio qui, il progetto per la costruzione del grattacelo più alto del mondo affidato all’ agenzia Shreve, Lamb & Harmon Associates, prevedeva la costruzione di quello che presto sarebbe diventato un’icona mondiale. Il progetto venne presentato in tempi record (in due settimane) e i lavori terminarono straordinariamente in sole 23 settimane il 1° maggio 1931.

Nonostante la profonda crisi del 1929 e i primi anni difficili, l’edificio divenne presto famoso per la sua altezza e per la terrazza del 86° piano, dove fu girata una scena di King Kong nel 1933.

L’Empire State Building in numeri

Al cantiere di costruzione lavorarono ben 3.400 operai, tra italiani e irlandesi, scelti tra quelli con più equilibrio e che non soffrivano di vertigini.

Ogni settimana venivano innalzati ben 4 piani e mezzo, cosa che nessun altro cantiere al mondo era mai riuscito a fare.

A costruzione ultimata, si stima che l’edificio pesi totalmente ben 365.000 tonnellate, sostenuti da fondamenta posizionate a 17 metri di profondità e composte da 210 forti pilastri.

Il progetto iniziale dell’Empire State Building prevedeva la costruzione di un edificio di 80 piani, ma si raggiunsero infine i 102 piani totali, distribuiti in 443 metri d’altezza e illuminati da 6.514 finestre.

Per spostarsi da un piano all’altro, l’edificio ospita 73 ascensori che percorrono tra i 180 e 430 metri al minuto. I più audaci, però, potranno pur sempre raggiungere il 103° piano senza ascensore affrontando 1.872 scalini.

Empire State Building
Empire State Building – Nanopress.it

Visitare l’Empire State Building

L’Empire State Building si trova tra la 5th Avenue e la West 34th Street, nel cuore di Manhattan. Questo grande capolavoro del design moderno in stile art déco, accoglie ogni anno milioni e milioni di visitatori dal tutto il mondo che restano affascinati dai suoi giochi di luce, dalle decorazioni e i marmi eleganti, dal grande murale sul soffitto dell’atrio decorato con oro 23 carati, dalle incantevoli luci notturne che lo fanno brillare e dalle esperienze che offre.

L’edificio è visitabile dalle 11 alle 23, dando così la possibilità ai turisti di ammirare il panorama su New York alla luce del sole o di notte, quando la città è spettacolarmente illuminata da milioni di luci. È possibile salire alla terrazza panoramica del 86° piano al costo base di 44 dollari, oppure continuare fino al 102° a 77 dollari.

Con l’opzione Premium Experience, invece, è possibile acquistare un tour completo dell’edificio accompagnati con una guida con tanto di passeggiata su tappeto rosso, coppa di champagne e la possibilità di scoprire tutti i segreti del grattacelo più alto del mondo. Tutto questo però ha certo un prezzo: potrete averlo alla “modica” cifra di 500 dollari.