In nave, su strada o in treno. l’Occidente vuole aiutare l’Ucraina col grano

In nave, su strada o in treno: i paesi dell’occidente stanno cercando di facilitare le esportazioni di grano dall’Ucraina.

Grano con bandiera ucraina
Grano con bandiera ucraina – NanoPress.it

L’Ucraina è considerata il granaio d’Europa e rischia di esplodere. Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, a seguito del blocco russo dei porti del Mar Nero, sono attualmente immagazzinate fino a 25 milioni di tonnellate di grano.

Nei magazzini ci sono 25 milioni di tonnelate di grano

In autunno, il numero potrebbe salire a 75 milioni di tonnellate. I prezzi sui mercati internazionali sono fortemente aumentati. Milioni di persone, soprattutto in Africa e in Asia, sono a rischio di fame. Il Cremlino chiede la revoca delle sanzioni per allentare il blocco, ma recentemente ha anche sollevato la possibilità di corridoi per le esportazioni agricole.

L‘Occidente accusa Mosca di usare la fame come arma e sta cercando modi per esportare cibo e altri beni dall’Ucraina. Il ministro federale dell’agricoltura, Cem Özdemir, ha promesso il sostegno della Germania durante la sua visita in Ucraina.

“Il successo dell’agricoltura ucraina non è importante solo per l’Ucraina, è importante per tutti noi”, ha affermato il politico dei Verdi in un istituto di agraria vicino a Kiev. Tutti i problemi con l’approvvigionamento alimentare in Ucraina e nel resto del mondo, per i quali tradizionalmente l’Ucraina svolge un ruolo importante, non esisterebbero senza la “guerra codarda e aggressiva” di Putin, ha affermato Özdemir.

Ha chiarito che la sua visita riguardava principalmente la solidarietà con l’Ucraina attaccata. Özdemir condivide lo scetticismo dell’Ucraina sul fatto che la Russia sia pronta ad aprire corridoi per le esportazioni agricole attraverso il Mar Nero.

L’Occidente: se non arriva il grano moriranno milioni di persone

Sarebbe kamikaze per l’Ucraina prendere la parola di Putin senza garanzie militari credibili ed efficaci che la sicurezza dei porti e delle navi ucraine sia in atto”. Una possibile garanzia potrebbe venire dalla Francia. Parigi sarebbe pronta a prendere parte a una possibile operazione per porre fine al blocco del porto ucraino di Odessa.

Grano
Grano – NanoPress.it

L’obiettivo sarebbe consentire il passaggio delle navi per esportare il grano immagazzinato in Ucraina, ha affermato l’Eliseo. “Siamo a disposizione delle parti per (…) avviare un’operazione che consentirà un accesso sicuro al porto di Odessa, ovvero il passaggio delle navi, sebbene il Mar [Nero] sia minato“, ha affermato un consigliere del presidente, secondo il quotidiano Le Monde.

Il blocco dei porti del Mar Nero potrebbe far morire di fame milioni di persone in più il prossimo anno. Ciò significa fame da 11 a 19 milioni di persone, ha affermato un direttore dell‘Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Tuttavia, anche gli sforzi dell’Ucraina e dell’Occidente stanno cominciando a dare i loro frutti: a quanto pare l’Ucraina sta lentamente riuscendo a esportare di nuovo più grano all’estero, come riporta l’agenzia di stampa Reuters, citando il commissario Ue all’Agricoltura Janusz Wojciechowski. Secondo questo, quasi due milioni di tonnellate potrebbero ora essere consegnate dall’Ucraina ad altri paesi ogni mese.