Yulia Tymoshenko, ex premier ucraina: “Putin non è pazzo”

Yulia Tymoshenko, il politico veterano, che ha incontrato e concordato con il presidente russo sulle questioni energetiche quando era alla guida del governo ucraino, sostiene di sfruttare “la debolezza della risposta collettiva dell’Occidente”.

Yulia Tymoshenko
Yulia Tymoshenko NanoPress.it

Alle cinque del mattino del 24 febbraio, la politica in Ucraina è finita. È così che Yulia Tymoshenko, ex Primo Ministro del Paese, descrive almeno quello che è successo poco dopo che la Russia ha iniziato la sua offensiva militare quella mattina in varie parti del territorio, inclusa la capitale, kiev, dove si trovava.

Yulia Tymoshenko racconta  6 mesi della guerra

Senza indugio quel giorno si è recata negli uffici di Volodymyr Zelensky, nel centro della città. “Io e il presidente”, ha raccontato in un’intervista al quotidiano spagnolo El Pais, “ci siamo incontrati e ci siamo stretti la mano”. Timoshenko, 61 anni, leader del partito Batkivshchina (Patria), difende che questa “unione” tra il capo dello Stato e oppositori come lei o l’ex presidente Petro Poroshenko è viva ed è la “forza” dell’Ucraina.

Con una sfumatura: “Dopo la vittoria [in guerra]”, prosegue dal quartier generale della sua formazione, in un quartiere della capitale sulle rive del fiume Dnepr, “l’Ucraina avrà bisogno di riforme, profonde trasformazioni, una diversa distribuzione di poteri affinché sia ​​un Paese degno della NATO e dell’Unione Europea; Non vediamo altro modo”.

Fino all’avvento al potere di Zelensky, attore comico, immerso in una guerra che lo ha costretto ad essere il volto della resistenza popolare, una sorta di eroe inaspettato contro Vladimir Putin, Tymoshenko, due volte primo ministro del Paese e candidato ostinato alla presidenza, è stata uno dei volti dell’Ucraina più conosciuti nel resto del mondo. La sua carriera politica negli ultimi due decenni, straordinaria, comprende anche quasi tre anni di carcere per corruzione da cui è stata finalmente riabilitata.

Ma tutto questo aiuta, senza dubbio, anche i suoi capelli intrecciati intorno alla corona, un segno distintivo indimenticabile per l’opinione pubblica. Nessuno in Ucraina sta bene. Ci sono decine di morti, città distrutte, 14 milioni di sfollati… È una tragedia, la vita è divisa tra prima e dopo la guerra, ecco perché ora nessun ucraino si sente bene.

È doloroso, ma allo stesso tempo è un orgoglio far parte di questo popolo coraggioso, parte di questa forza che ha unito il mondo contro il male. Timoshenko, originario di Dnipro, la quarta città più grande del paese, ora colpita dall’artiglieria russa sul fronte orientale, parla da un classico ufficio di legno nobile scuro.

Una bandiera ucraina con un’asta di più di due metri custodisce la sua scrivania accanto a due scaffali. In uno, decine di libri, comprese le biografie della signora di ferro Margaret Thatcher, dell’ex segretario di Stato americano Madeleine Albright, di Lady D e del senatore americano John McCain, con cui ha una foto incorniciata.

Sull’altro ripiano riposano dipinti religiosi, dall’alto verso il basso.La leader della Batkivshchina, con 24 seggi alla Verjovna Rada (Parlamento ucraino), si è sempre fatta notare per le sue critiche a Mosca. Ha guidato, tra gli altri politici, il movimento di protesta contro la frode alle elezioni tenutesi in Ucraina nel 2004.

“Nessuno in Ucraina sta bene. Ci sono decine di morti, città distrutte, 14 milioni di sfollati”

Grazie alla cosiddetta Rivoluzione arancione, Víktor Yushenko ha finalmente raggiunto la presidenza a scapito del candidato filo-russo, Víktor Yanukovich. Fu allora che Timoshenko esercitò per la prima volta, anche se solo per pochi mesi, il capo del governo. La rivista Forbes l’ha classificata come la quinta donna più potente del mondo. Fu anche allora che dovette incontrare Putin per impedire a Mosca di chiudere il rubinetto del gas.

Il Presidente Ucraino Zelensky
Il Presidente Ucraino Zelensky – Nanopress.it

Il capo di stato, politici emblematici, leader di partito, ministri, deputati, sono tutti in questa lista, ma io e la mia squadra siamo rimasti a Kiev e siamo sempre nei punti caldi della guerra. C’era una paura nei primi giorni, che non si può nascondere, ma si è trasformata nella sensazione che se non ci fossimo difesi, nessuno l’avrebbe fatto.

Nelle prime settimane e nei primi mesi, con l’offensiva di Kiev, nessuno sapeva come sarebbe andata a finire, ma né la mia squadra né io, né il presidente né i ministri hanno lasciato Kiev. Sappiamo come maneggiare le armi e se così fosse, combatteremmo per le strade.

Conosco molto bene questa persona perché abbiamo collaborato quando ero presidente del Consiglio, avevamo accordi e questioni in comune. Da quello che so di lui, i suoi obiettivi sono più ampi di quanto tu possa immaginare. Vuole un cambiamento nell’ordine mondiale, per impedire all’Occidente di continuare a guidare e, invece, questa coalizione [di paesi alleati] che ha formato e che è parzialmente pubblica per farlo. Vuole modificare i confini degli Stati deboli per avanzare e continuare l’offensiva del suo impero.

L’Ucraina è il primo passo ed è qui che dobbiamo fermare questa minaccia per il mondo intero. Putin è una persona con ambizioni eccessive, che vanno oltre la direzione della Russia. Aspirare alla leadership globale. Quello che abbiamo visto finora è solo un primo assaggio di queste ambizioni.

Alcuni dicono che è pazzo, ma non è corretto, è il male razionalizzato che agisce secondo un piano preciso. La sua forza sta nel fatto che attraversa facilmente tutte le linee rosse, viola tutte le regole, norme e standard internazionali, e anche nella debolezza della risposta collettiva dell’Occidente.