UEFA, il presidente Ceferin: "Covid-19 peggio della Seconda Guerra Mondiale"

Il presidente della UEFA, Aleksander Ceferin, dice la sua sulla crisi che colpito il calcio imponendo lo stop per l'epidemia da Covid-19

Continua a leggere

UEFA, il presidente Ceferin: “Covid-19 peggio della Seconda Guerra Mondiale”

Foto Getty images | di Alexander Hassenstein

Il presidente della UEFA, Aleksander Ceferin, non usa giri di parole per descrivere la situazione del calcio, costretto a fermarsi per l’epidemia di Covid-19 e ora ripartito tra mille difficoltà: “La Seconda Guerra Mondiale non ha fermato completamente il calcio, a differenza della crisi da Covid-19. Ma sono felice e sollevato che il calcio stia tornando in Europa” sono state le sue parole in un’intervista al sito ufficiale della UEFA.

Continua a leggere

Continua a leggere

Una ripartenza, quella del calcio in Europa, che ha portato alla compressione dei campionati nazionali e alla riprogrammazione delle coppe – Champions League ed Europa League – che si svolgeranno in un’unica sede e con partita secca. Le principali parti interessate hanno dovuto sacrificare qualcosa. La UEFA ha sacrificato parte della sua stagione per consentire il completamento dei campionati nazionali in corso entro la fine di luglio completando quindi la sua stagione delle competizioni per club 2019/20 in agosto. I campionati lo hanno concordato e la solidarietà dei club sarà ugualmente importante per la finestra delle squadre nazionali a settembre. C’è stata una reale volontà generale di raggiungere compromessi” ha sottolineato il numero uno del massimo organo continentale.

Leggi anche: Champions ed Europa League, come cambiano le competizioni internazionali

Continua a leggere

Continua a leggere

Una crisi economica, quella causata dal Covid-19, che avrà ripercussioni importanti su tutte le squadre. Ceferin, però, assicura il pieno supporto della UEFA: “Le squadre stanno affrontando una varietà di sfide. Abbiamo effettuato un pagamento anticipato di 236,5 milioni di euro che possono utilizzare per compensare le conseguenze delle perdite finanziarie causate dalla situazione COVID-19. Inoltre, i club possono essere certi che in futuro potranno contare sul nostro sostegno”. Infine sul ritorno dei tifosi allo stadio: “Al momento, giocheremo partite senza spettatori fino a nuovo ordine. Ma la mia grande speranza è che gli spettatori possano tornare alle nostre partite il prima possibile” ha concluso.

Nanopress ti aspetta su telegram

Nanopress è su Telegram. Vieni a scoprire il nostro canale, ricco di notizie e approfondimenti. Unisciti a noi!

Parole di Redazione

Da non perdere