Rishi Sunak o Liz Truss per il posto di Boris Johnson

I due rivali andranno in tournée nel paese ad agosto per incontrare gli affiliati: “Hasta la vista, ‘baby”, dice il presidente del Consiglio Johnson nel suo ultimo intervento in Parlamento, con diversi accenni all’ex ministro dell’Economia.

Liz Truss
Liz Truss – Nanopress.it

I due rivali che si contenderanno la guida del Partito conservatore britannico sono proprio i due ministri che hanno maggiormente contribuito a definire il breve mandato di Boris Johnson a Downing Street. Il dottor Jekyll e il signor Hyde di un primo ministro che voleva essere responsabile e dispendioso in materia economica; moderato e aggressivo nei suoi rapporti con l’UE; impegnato e riluttante di fronte alla sfida del cambiamento climatico; aperto e liberale, ma anche reazionario e scontroso di fronte al cambiamento sociale.

Johnson lascia con un “Hasta la vista, ‘baby”

L’ex ministro dell’Economia Rishi Sunak e l’ancora ministro degli Esteri, Liz Truss, sono riuscite ad uscire trionfanti dalla prima fase delle primarie. Questo mercoledì, i loro colleghi deputati li hanno eletti “Sunak, al primo posto, con 137 voti; Truss, in seconda posizione, con 113― di fronte all’altro nella seconda fase.

Per tutto il mese di agosto, entrambi saranno in tournée nel Paese e saranno annunciati tra i 200.000 membri del Partito conservatore con diritto di voto. Le schede elettorali arriveranno gradualmente per posta al Comitato 1922 (l’organismo che riunisce i deputati conservatori senza incarichi nel governo, incaricato di organizzare il processo primario e l’elezione di un nuovo leader).

Il 5 settembre verrà annunciato ufficialmente il nome del nuovo – o nuovo – capogruppo della formazione e, quindi, del presidente del Consiglio. Penny Mordaunt, sorpresa delle primarie sin dal primo giorno, ha visto la sua candidatura sgonfiarsi lentamente. In parte, a causa dell’ambiguità e della confusione dei loro messaggi.

In parte, perché oltre a simboleggiare una certa normalità provinciale dell’Inghilterra centrale che inizialmente sedusse gli affiliati, aveva molti nemici all’interno del gruppo parlamentare che dubitavano della sua capacità di lavorare o della solidità del suo discorso, e hanno manovrato fino alla fine per vanificare il loro aspirazioni.

Nell’ultimo round è stata eliminata, anche se i suoi 105 voti dimostrano che fino alla fine è stata una seria rivale per una qualsiasi delle altre due contendenti.

Pragmatismo contro ideologia

È paradossale che Sunak, difensore della Brexit sin dal primo minuto e convinto sostenitore dell’ortodossia fiscale conservatrice promossa da Margaret Thatcher, sia arrivato a simboleggiare il candidato moderato, pacifico e pragmatico.

Rishi Sunak
Rishi Sunak – NanoPress.it

E intanto Truss, difensore ai tempi della permanenza del Regno Unito nell’UE, è ora il campione degli euroscettici, l’ala dura e il settore più ideologicamente destro dei Tory. Se Sunak ha cercato di difendersi fino in fondo, di fronte all’inflazione galoppante «9,4% a giugno, secondo i dati diffusi questo mercoledì― Truss alza la bandiera della riduzione immediata delle tasse e suggerisce che l’immenso debito accumulato durante la pandemia sia trattato come debito di guerra, con un termine più lungo per ripagarlo.

“Il fatto è che un aumento delle tasse in questo momento soffocherà la crescita dell’economia e ci impedirà di ottenere il reddito necessario per pagare il debito”, ha affermato Truss nell’ultimo dibattito televisivo dei candidati, domenica scorsa, in una manovra per incolpare direttamente Sunak della prossima recessione.Addio, Johnson Boris Johnson, capace di reinventare all’infinito la sua personalità e il suo stato d’animo, sembra in questi giorni il parlamentare conservatore più felice di tutti.

Martedì, durante una visita al Farnborough Air Festival, a sud-ovest di Londra, si è definito il Top Gun del Regno Unito – almeno fino all’inizio di settembre, quando viene sostituito come primo ministro – e ha postato un selfie all’interno di The cabina di pilotaggio del jet da combattimento Royal Air Force Typhoon.

Nella sua ultima sessione di controllo alla Camera dei Comuni, svoltasi mercoledì, Johnson ha affrontato l’opposizione laburista con l’impressione di essere un primo ministro che aveva un lungo mandato davanti a sé e ha scherzato con i deputati conservatori della sua panchina.

Le sue ultime parole d’addio sono state consigli al suo futuro successore, ma anche colpi appena velati a Rishi Sunak, il ministro delle finanze le cui dimissioni sono state viste da Johnson e dal suo team come la pugnalata fatale che ha accelerato la caduta del primo ministro.

“Stai sempre vicino agli americani, difendi l’Ucraina e difendi la democrazia e la libertà ovunque”, ha proclamato. “Riduci le tasse e deregolamenta ogni volta che puoi, in modo che questo Paese continui a essere il posto migliore per vivere e investire, come già è”, ha difeso, contro l’idea propagata dai suoi rivali che Sunak si rifiuti di fare tagli alle tasse.

“Missione in gran parte compiuta, arrivederci, piccola”, ha concluso Johnson, con le parole in spagnolo del personaggio di Arnold Schwarzenegger in Terminator 2. I deputati conservatori si sono alzati per salutarsi. Applausi per Johnson , con un misto di affetto sincero, ma anche di sollievo per la partenza del politico che negli ultimi tre anni ha abbattuto di più il partito conservatore e lo ha abbattuto di più.