Putin mobilita 300mila riservisti per affrontare la controffensiva ucraina

La misura decisa da Putin riguarderebbe appunto 300.000 riservisti con esperienza militare, secondo il ministro della Difesa russo.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.it

Il presidente russo Putin assicura che utilizzerà “tutti i mezzi disponibili”, compreso il nucleare, per difendere il suo PaeseIl presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto che ordina e apre le porte alla mobilitazione generale in Russia per fronteggiare la controffensiva lanciata dalle forze ucraine.

Putin non si rassegna a perdere i territori conquistati in Ucraina

Sette mesi dopo l’inizio della guerra e costretto dalle battute d’arresto subite per mano delle truppe ucraine, ha decretato un provvedimento tremendamente impopolare tra i cittadini. Putin si è rivolto ai suoi cittadini mercoledì per la prima volta da quando ha annunciato l’offensiva il 24 febbraio.

In questa apparizione, il presidente ha precisato che la mobilitazione sarà di riservisti con esperienza militare ―cosa che non compare nel testo del decreto, di carattere più generale e che potrebbe consentire un reclutamento più ampio―. Il suo ministro della Difesa, Sergei Shoigú, ha stimato che inizialmente saranno convocati 300.000.

Il presidente russo, che accusa l’Occidente di voler “distruggere” la Russia, ha anche lanciato un avvertimento: “Di fronte a una minaccia all’integrità territoriale del nostro Paese, useremo tutti i mezzi a nostra disposizione [compreso il nucleare] per proteggere la Russia e il nostro popolo, questo non è un bluff”. “Solo i cittadini che sono attualmente nella riserva e, soprattutto, quelli che hanno prestato servizio nelle forze armate e hanno qualche specializzazione militare, saranno soggetti al servizio militare obbligatorio”, ha precisato il presidente.

Tuttavia, questo non è incluso nel decreto. “Secondo questo testo, chiunque può essere chiamato tranne i dipendenti del complesso militare-industriale”, ha avvertito la politologa Ekaterina Shulman. Inoltre, secondo la norma sanzionata da Putin, i combattenti che stanno già combattendo in Ucraina e i cui contratti stanno per scadere, li vedranno prolungati a tempo indeterminato “fino al termine del periodo di parziale mobilitazione”.

Dopo Putin, è stato il turno di Shoigú, in un’intervista a una rete russa registrata in precedenza. Il ministro della Difesa russo ha offerto per la prima volta da marzo un numero ufficiale di vittime da parte russa. “Le nostre perdite fino ad oggi sono 5.937 morti”, ha detto. Un numero che impallidisce davanti agli “oltre 100.000 morti” che ha attribuito alle forze armate ucraine nonostante l’evoluzione dei combattimenti sulla mappa.

Inoltre, il numero di vittime da parte russa è circa 10 volte inferiore alle stime occidentali. Putin ha firmato il decreto e ha promesso che i riservisti riceveranno “una formazione aggiuntiva” prima di essere inviati al fronte. Potranno evitare il loro destino solo per motivi di età, stato di salute o se sono stati condannati al carcere. Obiettivo del Cremlino è anche impedire le dimissioni degli otkazniki, gli obiettori che fino ad ora avevano approfittato del vuoto giuridico per rifiutarsi di andare al fronte perché non vincolati da contratto.

Secondo i russi il numero di vittime da parte russa è circa 10 volte inferiore alle stime occidentali

La Duma di Stato ha approvato martedì una serie di emendamenti che aggiungono al codice penale gli scenari di mobilitazione e stato di guerra. La riforma punirà con diversi anni di carcere casi come riservisti che non rispondono alla loro chiamata o soldati che si rifiutano di combattere o arrendersi. “La liberazione dell’intero territorio del Donbas rimane l’obiettivo incrollabile dell’operazione”, ha detto Putin, riferendosi a loro come “il territorio storico della Novorossiya [nuova Russia]”.

Volodymyr Zelensky
Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

Per giustificare il suo ordine, ha affermato che la sua offensiva deve coprire più di 1.000 chilometri di fronte e che dietro le truppe ucraine c’è il sostegno degli Stati Uniti. “Le formazioni delle Forze armate ucraine operano effettivamente sotto il comando dei consiglieri della NATO”, ha sottolineato. Putin ha dato una chiave nel suo discorso su un problema che la mobilitazione non risolverà, secondo gli stessi veterani filorussi del Donbas.

Il presidente ha sottolineato che “la NATO effettua ricognizioni in tutta la Russia meridionale in tempo reale, utilizzando sistemi moderni, aerei, navi, satelliti, droni strategici”. Per alcuni analisti e militari russi che difendono la guerra, è stata questa intelligence a favorire l’Ucraina e non la forza bruta.

Da prte sua il governo del presidente ucraino, Volodímir Zelenski, aveva già assicurato che l’organizzazione di consultazioni in quattro regioni del suo paese da parte dei filorussi non avrebbe cambiato i loro piani. In questo senso, kyiv è determinata a continuare con la controffensiva militare dispiegata nell’est del Paese dall’inizio del mese.

Il prossimo obiettivo, dopo aver recuperato quasi tutta la regione di Kharkov, che confina con la Russia, è che le sue truppe guadagnino terreno nel Donbas, dove le regioni di Lugansk e Donetsk rappresentano un bastione fondamentale dei piani della Russia di annettere illegalmente parte del paese vicino.

“La Russia è stata e rimane l’aggressore che occupa illegalmente parti del territorio ucraino. L’Ucraina ha tutto il diritto di liberare i suoi territori e continuerà a liberarli indipendentemente da ciò che la Russia ha da dire”, ha affermato il ministro degli Esteri ucraino, Dmitro Kuleba.