Pasqua in zona rossa: cosa è possibile fare e cosa è vietato

Messa nella chiesa più vicina , visite ad amici e parenti consentite dentro la Regione e possibilità di asporto fino alle ore 22: tutte le regole valide dal 3 al 5 aprile 2021

messa Covid

Foto Getty Images | Robert Barca

Anche quest’anno le festività di Pasqua e Pasquetta saranno celebrate in pieno lockdown. Ma rispetto allo scorso anno, il governo ha previsto qualche concessione, per permettere visite a parenti ed amici, nei limiti consentiti dalla legge. Ad ogni modo, da sabato 3 aprile a lunedì 5 aprile, tutta l’Italia diventa zona rossa, sulla scia di quanto accaduto per le festività di Natale e Capodanno. Vediamo, dunque, cosa è consentito e cosa no durante le prossime festività di Pasqua.

Leggi anche: Governo al lavoro sul nuovo decreto Covid in vigore da dopo Pasqua

Spostamenti in zona rossa: divieto di spostamento tra Regioni

Il divieto di spostamento tra le Regioni rimane in vigore. Sarà possibile spostarsi dalla regione di residenza solo per motivi di lavoro, salute o per urgenze. In questo caso, gli spostamenti andranno giustificati con autocertificazione. Rimane sempre consentito il ritorno al proprio domicilio o residenza.

Coprifuoco: in vigore dalle 22 alle 5

In tutto il territorio rimane in vigore il coprifuoco, tra le 22 e le 5, eccezion fatta per motivi di lavoro, di salute o urgenze, da comprovare con l’autocertificazione.

Leggi anche: Atteso per oggi il vertice tra Governo e Regioni

Seconde case, consentito il rientro anche se ubicate fuori Regione

Per quanto riguarda le seconde case, è consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, compreso il rientro nelle seconde case ubicate dentro e fuori Regione. Si può recare presso la seconda casa soltanto un nucleo familiare e solo se la casa non è abitata da altri. Bisogna inoltre dimostrare di essere proprietari o affittuari della casa da una data antecedente il 14 gennaio 2021. Tuttavia, si prevedono ulteriori misure restrittive in diverse Regioni, come Sardegna, Valle d’Aosta, provincia autonoma di Bolzano, Campania, Toscana e Sicilia.

Pasqua 2021, visite ad amici e parenti consentite nella stessa Regione

Nei giorni di Pasqua e Pasquetta, nelle zone interessate dalle restrizioni, gli spostamenti verso altre abitazioni private abitate saranno possibili solo una volta al giorno, restando all’interno della stessa Regione. Il provvedimento consente gli spostamenti per visite private a un massimo di due persone, che potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni, le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi.

Possibile recarsi a messa, ma nella chiesa più vicina

Sarà possibile recarsi a messa con l’autocertificazione e in una chiesa vicino a casa. Le regole prevedono inoltre l’ingresso contingentato dei fedeli, l’obbligo di mascherina e la distanza di sicurezza. Il segno della pace sarà sostituito da un inchino guardandosi negli occhi. Ad ogni modo, la Cei consiglia ad anziani e soggetti a rischio di seguire la messa in streaming. Per quanto riguarda i rituali della Settimana Santa, si consiglia la consegna in mano dell’ulivo benedetto, meglio se in buste, preventivamente confezionato.

Ristoranti chiusi: consentito l’asporto

Durante le festività di Pasqua, bar e ristoranti saranno chiusi, ma resta consentito l’asporto fino alle ore 22 per i ristoranti e fino alle ore 18 per i bar, a condizione che il consumo non avvenga sul posto o nelle vicinanze.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.

Da non perdere