Addio Rousseau: che cosa sta succedendo a M5S

Alessandro Di Battista lascia la piattaforma M5S. Il futuro del Movimento è vago: i dissidenti vogliono impugnare l'espulsione, potrebbe nascere una fazione del gruppo Misto e Conte potrebbe essere il nuovo vertice

Alessandro di battista

Getty Images | Antonio Masiello

Alessandro Di Battista ha dato l’addio a Rousseau: il suo nome non risulta più nell’elenco della piattaforma del Movimento 5 Stelle. Sembra quindi che l’arrivo del neo premier Mario Draghi sia stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso pentastellato. Il Movimento infatti non va d’accordo con Silvio Berlusconi, come riportano fonti interne al partito. Una crisi acuita dalla fiducia a Draghi, che Di Battista ha pubblicamente e più volte sottolineato. 

L’emorragia M5S: si passa al gruppo Misto

Già tra oggi e domani alcuni dei dissidenti M5S potrebbero entrare a far parte del gruppo Misto della Camera. Perché ciò accada, occorrono 10 firme per 40 espulsi, ma si pensa che in realtà saranno il doppio quelli che già la prossima settimana potrebbero dar vita ad un nuovo gruppo di opposizione al governo Draghi.

Alessandro Di Battista, però, non c’entra con la nuova formazione. “Proveremo a farla nascere nei prossimi giorni, domani o dopodomani. Per partire dobbiamo essere almeno 10, domani ci riuniamo e vedremo“, ha annunciato all’Adnkronos il deputato Andrea Colletti. Per quanto riguarda nome, prosegue Colletti, “dovrebbe essere ‘L’alternativa c’è“.

Qualcuno vuole impugnare l’espulsione

Nei giorni scorsi, alcuni esponenti M5S avevano ricevuto una lettera: avendo votato contro il sentimento comune del Movimento sul tema della fiducia a Draghi, veniva loro annunciata l’espulsione. I pentastellati di Palazzo Madama, però, non lo accettano: “Valuterò con un avvocato le modalità con le quali adire le vie legali, in quanto non siamo stati noi a non rispettare il codice etico“, spiega la senatrice espulsa Luisa Angrisani.

Ritornerà Giuseppe Conte?

Per raccogliere i cocci, il Movimento potrebbe riunirsi intorno a Giuseppe Conte. Se l’ex premier dovesse decidere di tornare in campo con M5S, spiegano fonti pentastellate a AdnKronos, “potremmo modificare lo statuto per creare un ruolo all’altezza“. 

Per il momento, comunque, quello di Conte è un ruolo solo ipotetico. Il Movimento quindi si sta organizzando per istituire un nuovo organigramma. A capo, in sostituzione di Di Battista, dovrebbe esserci il Comitato direttivo, un organo collegiale che però non ha ancora raccolto candidature.

Parole di Elena Pavin

Mi chiamo Elena Pavin, classe 1994, ho conseguito il diploma artistico solo prima di scoprire di non voler fare l’architetto né la designer. Così ho cambiato radicalmente i miei piani: all’Università di Milano-Bicocca ho studiato giapponese e mi sono laureata in Comunicazione interculturale, ho terminato i miei studi diplomandomi alla Scuola di Giornalismo. Amante dell’arte, incuriosita dalle tendenze, fanatica dell’enogastronomia (tanto da decidere di diventare sommelier). Nel 2020 ho iniziato a collaborare con Alanews e Deva Connection

Da non perdere