La Ue imporrà un price cap sul petrolio e uno stop ai prodotti russi

La Commissione Ue sta preparando un ottavo pacchetto di misure contro Mosca. Dovrebbero esserci anche divieti all’importazione di prodotti russi per un valore di sette miliardi di euro.

ursula von der leyen
Ursula von der leyen – NanoPress.it

Ulteriori restrizioni su importazioni ed esportazioni, un tetto massimo del prezzo del petrolio e il divieto di accettare lavori in Russia: ieri la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha presentato a Bruxelles i dettagli dell’ottavo pacchetto di sanzioni contro il Paese.

La presidente della Commissione Ue ha presentato i dettagli dell’ottavo pacchetto di sanzioni contro la Russia

L’autorità aveva già annunciato questo passaggio la scorsa settimana in risposta alla mobilitazione parziale e ai referendum illegali con cui il presidente russo Vladimir Putin sta intensificando la guerra in Ucraina. I presunti attacchi ai gasdotti nel Mar Baltico, invece, non hanno ancora avuto un ruolo.

Gli Stati membri devono accettare all’unanimità le proposte; questo venerdì ne discuteranno i 27 ambasciatori dell’UE. Ma già nel fine settimana la commissione ha esplorato quali misure i governi sosterrebbero. Ora dovrebbero esserci ulteriori divieti all’importazione di prodotti russi per un valore di sette miliardi di euro, come ha affermato von der Leyen.

Di conseguenza, si tratta, tra l’altro, di metalli preziosi e pietre per gioielli, prodotti chimici, cosmetici, plastica, sigarette e altri prodotti siderurgici.Inoltre, l’UE vuole limitare ancora di più l’esportazione di tecnologie e componenti importanti dei fornitori verso la Russia. Il capo della commissione ha citato come esempi “prodotti per l’aviazione, componenti elettronici e prodotti chimici speciali”.

Ciò “indebolerà la base economica e la capacità di modernizzazione della Russia”. L’autorità accoglie anche il suggerimento del governo federale di vietare ai cittadini dell’UE di accettare incarichi nel consiglio di sorveglianza o nel consiglio di società statali russe. Allora non sarebbe più possibile per uno come l’ex cancelliere Gerhard Schröder essere stato per anni a capo del consiglio di sorveglianza della compagnia petrolifera russa Rosneft.

Inoltre, ad altri 29 funzionari russi sarà vietato l’ingresso nell’UE; i loro beni saranno congelati. Questa bozza della commissione è disponibile anche per la Süddeutsche Zeitung. Di conseguenza, ciò riguarda i dipendenti di alto rango del Ministero della Difesa e funzionari che hanno contribuito a organizzare i referendum illegali nei territori occupati dell’Ucraina.

E coloro che cercano di aggirare le sanzioni dovrebbero in futuro essere soggetti a tali sanzioni anche come deterrenti. Il pacchetto include anche un disegno di legge per porre un tetto massimo alle esportazioni di petrolio della Russia in tutto il mondo. Quattro settimane fa i ministri delle finanze del G7, ovvero Germania, Francia, Italia, Gran Bretagna, Giappone, Canada e Stati Uniti, hanno concordato di lavorare su tale tetto.

La proposta della Commissione introdurrebbe il divieto agli armatori di trasportare petrolio russo

Ora l’UE nel suo insieme potrebbe aderire. Il piano inizia con gli assicuratori navali: le petroliere che trasportano merci russe dovrebbero essere autorizzate a stipulare assicurazioni e utilizzare altri servizi nei paesi del G-7 e dell’UE solo se il petrolio non è stato venduto a un prezzo troppo alto, ad esempio in Asia o Africa.

Barili
Barili su banconote da dieci euro – Nanopress.it

Inoltre, la proposta della Commissione introdurrebbe per la prima volta il divieto agli armatori dell’UE, come quelli greci, di trasportare petrolio russo in qualsiasi parte del mondo, a meno che la materia prima non sia venduta a un prezzo sufficientemente basso.Alcuni paesi emergenti hanno bisogno del petrolio russo Ciò non ha conseguenze per i consumatori nell’UE, perché a dicembre entrerà comunque in vigore un divieto di importazione del petrolio russo trasportato da petroliere.

Il petrolio può continuare a fluire verso Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia solo attraverso l’oleodotto Druzhba, ma ciò rappresenta solo un buon decimo delle esportazioni verso l’UE. Commentando il tetto massimo del prezzo del petrolio, von der Leyen ha affermato che alcuni mercati emergenti hanno ancora bisogno del petrolio russo.

Il cap quindi “da un lato contribuirà a ridurre i ricavi della Russia, e dall’altro manterrà stabili i mercati energetici globali”. Secondo la proposta della Commissione, un comitato del G7 e i suoi partner determineranno quanto è alto il limite di prezzo.Tuttavia, alcuni governi dell’UE, come quello greco, sono critici nei confronti delle restrizioni sulle flotte marittime.

E l’autoritario primo ministro ungherese Viktor Orbán ha recentemente chiarito che preferirebbe far scadere le sanzioni contro la Russia. Quindi potrebbe essere difficile trovare l’unanimità necessaria. Nel frattempo, in una telefonata al presidente ucraino Volodymyr Zelensky, il cancelliere Olaf Scholz ha promesso che la Germania non avrebbe accettato referendum nei territori occupati dalla Russia.

“Riguardo alla situazione nelle regioni di Luhansk, Donetsk, Cherson e Zaporizhia occupate illegalmente dalla Russia, il cancelliere ha sottolineato che la Germania non avrebbe mai riconosciuto i risultati dei referendum fittizi”, ha affermato un portavoce del governo.