Report Iss: Indice Rt in Italia in calo da 0,97 a 0,84

Continuano a scendere l'indice Rt e l'incidenza ogni 100mila abitanti nel nostro Paese, ma l'epidemia resta ancora in una fase delicata

tram milano ragazzo mascherina

Foto Getty Images | Stefania D'Alessandro

Continua a scendere l’indice Rt nel nostro Paese. In Italia, infatti, l’indice scende per la seconda settimana di fila, passando da 0,97 a 0,84.

A rivelarlo la bozza del monitoraggio settimanale, che si riferisce al periodo 18-24 gennaio, dell’Istituto Superiore di Sanità e del Ministero della Salute.

Nel report si legge: “L’indice Rt medio calcolato sui sintomatici è stato pari a 0,84, in diminuzione e con il limite superiore del range sotto l’uno“.

Inoltre, dal report è emersa anche diminuzione dell’incidenza nelle ultime due settimane, a livello nazionale, passata da 339,24 per 100mila abitanti a 289,35 per 100mila abitanti.

L’indice Rt scende, ma siamo ancora in una fase delicata

Nonostante i segnali positivi, come si legge nella bozza del report, l’epidemia resta ancora “in una fase delicata“. Inoltre, “un nuovo rapido aumento nel numero di casi nelle prossime settimane è possibile, qualora non venissero mantenute rigorosamente le misure di mitigazione sia a livello nazionale che regionale”.

Come si legge sempre nella bozza del report dell’ISS e del Ministero della Salute, l’incidenza è “ancora lontana dai livelli che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti”.

Il servizio sanitario ha mostrato i primi segni di criticità quando il valore a livello nazionale ha superato i 50 casi per 100mila in sette giorni e una criticità di tenuta dei servizi con incidenze elevate”.

Bisogna continuare ad adottare misure rigide su tutto il territorio italiano

Secondo quanto emerso dal report, oltre alla discesa dell’indice Rt, esistono forti variazioni regionali. Infatti, alcune Regioni dovranno continuare ad adottare rigide misure restrittive per evitare che i ricoveri nelle strutture ospedaliere aumentino.

Si conferma pertanto la necessità di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone. È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile”.

Oltre a calare l’indice Rt, nel nostro Paese scendono anche i ricoveri in terapia intensiva. Il tasso di occupazione, a livello nazionale, è al 28%, quindi sotto la soglia critica (30%).

Parole di Benedetta Minoliti

Benedetta Minoliti, nata a Milano il 24 marzo 1993. Sono laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Milano e diplomata presso la Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano. Non esco mai di casa senza le cuffie, ascolterei la musica anche mentre dormo e adoro scattare polaroid. Collaboro con AlaNews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection.

Da non perdere