Germania: sanzioni UE per vietare l’assunzione di lavoro in aziende russe

La Germania intende introdurre una “clausola Schröder”, che impedirebbe agli europei di assumere posizioni nelle aziende statali russe.

Gerhard Schröder e Vladímir Putin
Gerhard Schröder e Vladímir Putin – NanoPress.it

La Germania ha imparato la lezione dal caso di Gerhard Schröder, un ex cancelliere tedesco diventato lobbista di Vladimir Putin nell’Unione Europea e un politico che ha guadagnato decine di migliaia di euro nel corso degli anni come consigliere di società controllate dal Cremlino. Ora, Berlino sta cercando che il nuovo pacchetto di sanzioni che l’UE dibattiti impone alla Russia per la sua aggressione contro l’Ucraina includa un punto che vieti ai cittadini dei Ventisette di ricoprire posizioni nell’impero economico di Putin.

La Germania ha imparato la lezione dal caso di Gerhard Schröder

Offrire posizioni ben retribuite negli organi di governo delle società statali ai sostenitori politici negli Stati membri dell’UE è stato a lungo un elemento importante degli sforzi dell’esecutivo russo per ottenere “influenza indebita” negli Stati membri, afferma il testo tedesco, che parla di porre fine ai “tentativi di corruzione strategica” con il nuovo provvedimento.

La bozza della proposta del governo socialdemocratico di Olaf Scholz, che sarà presto discussa dai rappresentanti dei Ventisette, propone un periodo di transizione di tre mesi per attuare il veto e propone che riguardi solo le imprese con sede in Russia e non le sue filiali al di fuori; molti di loro hanno filiali in Germania, come Gazprom, che Berlino sta ora valutando di nazionalizzare a causa della crisi energetica innescata dalla guerra di Putin.

Scholz e il suo partito sono stati criticati per le loro iniziali tiepide reazioni alla Russia, e sono stati segnati dal caso dell’ex cancelliere socialdemocratico Schröder, che ha dovuto lasciare gradualmente i suoi incarichi nelle società del Cremlino, ma che ad agosto ha trascorso alcuni giorni in vacanza a Mosca, da dove ha ribadito che la Russia cerca una “soluzione negoziata del conflitto” e che la Germania “non sta facendo abbastanza” per porre fine alla guerra lanciata unilateralmente da Vladimir Putin e che ha già scontato sette mesi.

Dopo la nuova escalation contro l’Ucraina di Putin, che ha ordinato la mobilitazione di decine di migliaia di uomini per mandarli al fronte e che è a un passo dall’annessione illegale di quattro regioni ucraine occupate parzialmente o totalmente dalle truppe russe con la detenzione di pseudo referendum, i Ventisette hanno deciso di imporre un nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia. Il suo contenuto è ora in discussione.

C’è un certo consenso nell’inserire un limite di prezzo per il petrolio russo, in linea con il provvedimento approvato dal G-7, e nell’aggiungere più nomi della cerchia del Cremlino e quelli legati all’invasione all’elenco delle persone che hanno visto il loro ingresso nella Comunità di terreni e dei suoi beni congelati. Ci sono anche proposte che fanno un passo avanti, come quella tedesca.

Mentre si dibatte sul nuovo pacchetto di sanzioni, c’è una divisione tra gli Stati membri su come accogliere i russi in fuga dal reclutamento

O con contenuti più duri, come quello dei Paesi baltici e della Polonia, che si sono uniti in uno dei fronti più forti contro la Russia di Putin e chiedono che più banche siano espulse dalla rete di messaggistica Swift – strumento chiave per le relazioni economiche internazionali – e che vogliono prendere di mira le nuove industrie della tecnologia e della sicurezza informatica (ad esempio chiedono il divieto di Kaspersky Lab nell’UE).

Olaf Scholz
Olaf Scholz – NanoPress.it

Nonostante l’escalation di Putin e le sue minacce nucleari contro l’Occidente, non sarà facile far passare questo nuovo pacchetto di sanzioni. C’è una certa resistenza da Cipro e dalla Grecia, secondo fonti della Commissione europea. E grandi timori dall’Ungheria. Infatti il ​​premier ultraconservatore Víktor Orbán, vicino a Putin, che ha denunciato le sanzioni, assicurando, senza prove, che non operano contro la Russia, ma contro l’UE, vuole avviare una consultazione popolare su di loro per cittadini ungheresi.

Gli analisti si aspettano che colga l’occasione, come ha fatto in altre occasioni con consultazioni simili, per lanciare una massiccia campagna di propaganda e poi affermare la sua retorica. Mentre si dibatte sul nuovo pacchetto di sanzioni, si approfondisce una certa divisione tra gli Stati membri su come accogliere i russi in fuga dal reclutamento forzato di Putin, che ha aumentato le pene detentive per chi non rispetta e chi si arrende e diserta.

Mentre la Germania ha assicurato che accoglierà coloro che stanno così affrontando il regime di Putin, i paesi baltici stanno proteggendo il loro confine dai russi e dopo averlo chiuso a coloro che hanno visto Schengen, assicurano che non rilasceranno visti umanitari a coloro che chiedere asilo, violando la legislazione europea, come ha ricordato questa settimana la Commissione europea.

Bruxelles non vuole che l’arrivo dei profughi (possibilità ancora piccola, dal momento che la maggior parte di coloro che tentano di partire su strada lo fa attraverso la Georgia, il Kazakistan o la Moldova, conoscendo la difficoltà di essere accolti attraverso i Paesi baltici e la Finlandia) provoca una frattura nella unità che i Ventisette hanno avuto contro la Russia ea sostegno dell’Ucraina. Per questo motivo ha convocato lunedì una riunione dei rappresentanti degli Stati membri nell’ambito della cosiddetta Risposta politica integrata alla crisi (IPCR) dell’UE, che è stata utilizzata durante la pandemia.