Economia della guerra: ora dolore per l’Europa, poi per la Russia

In tutta Europa, i segnali di angoscia si stanno moltiplicando mentre la guerra della Russia in Ucraina si trascina.

Rubli russi
Rubli russi – NanoPress.it

I banchi alimentari delle associazioni che aiutan i poveri in Italia danno da mangiare a più persone. I funzionari tedeschi stanno abbassando l’aria condizionata mentre preparano piani per razionare il gas naturale e riavviare le centrali a carbone. Una gigantesca utility chiede il salvataggio dei contribuenti e altro potrebbe arrivare. I caseifici si chiedono come pastorizzeranno il latte.

La globalizzazione intreccia le sorti di Europa e Russia

L’euro è sceso al minimo da 20 anni rispetto al dollaro e le previsioni di recessione sono in aumento. Quei punti di pressione sono segni di come il conflitto – e il graduale soffocamento da parte del Cremlino del gas naturale che mantiene in attività l’industria – abbia provocato una crisi energetica in Europa e aumentato la probabilità di un ritorno alla recessione proprio mentre l’economia si stava riprendendo dal COVID-19 pandemia.

Nel frattempo, gli alti costi energetici alimentati dalla guerra stanno avvantaggiando la Russia, un importante esportatore di petrolio e gas naturale la cui agile banca centrale e anni di esperienza convivente con le sanzioni hanno stabilizzato il rublo e l’inflazione nonostante l’isolamento economico.

A lungo termine, tuttavia, gli economisti affermano che la Russia, pur evitando il collasso completo, pagherà un prezzo pesante per la guerra: aggravando la stagnazione economica attraverso la perdita di investimenti e minori redditi per la sua gente.

La sfida più urgente per l’Europa è a breve termine: combattere l’inflazione record dell’8,6% e superare l’inverno senza paralizzare la carenza di energia. Il continente fa affidamento sul gas naturale russo e i prezzi dell’energia più elevati stanno affluendo alle fabbriche, ai costi del cibo e ai serbatoi di carburante.

L’incertezza grava sulle industrie ad alta intensità energetica come l’acciaio e l’agricoltura, che potrebbero dover affrontare il razionamento del gas naturale per proteggere le case se la crisi dovesse peggiorare.

I guai economici compaiono anche a tavola. I gruppi di consumatori stimano che una tipica famiglia italiana quest’anno spenda 681 euro (dollari) in più per sfamarsi. “Siamo davvero preoccupati per la situazione e per il continuo aumento del numero di famiglie che sosteniamo”, ha affermato Dario Boggio Marzet, presidente del Banco Alimentare della Lombardia, che raggruppa decine di enti di beneficenza che gestiscono mense per i poveri e forniscono alimenti di base a il bisognoso. I loro costi mensili sono aumentati di 5.000 euro quest’anno.

Macron afferma che il governo mira a risparmiare energia spegnendo le luci pubbliche di notte

Il presidente francese Emmanuel Macron afferma che il governo mira a risparmiare energia spegnendo le luci pubbliche di notte e adottando altre misure. Allo stesso modo, i funzionari tedeschi stanno implorando persone e aziende di risparmiare energia e ordinando impianti di riscaldamento e condizionamento dell’aria più bassi negli edifici pubblici.

Macron
Macron – NanoPress.it

Segue la Russia che taglia o riduce il gas naturale a una dozzina di paesi europei. Anche un importante gasdotto è stato chiuso per manutenzione programmata la scorsa settimana e si teme che i flussi attraverso il Nord Stream 1 tra Russia e Germania non si riavviino.

Il più grande importatore tedesco di gas russo, Uniper, ha chiesto l’aiuto del governo dopo essere stato schiacciato tra i prezzi del gas alle stelle e quello che poteva addebitare ai clienti. Carsten Brzeski, capo economista della zona euro presso la banca ING, prevede una recessione alla fine dell’anno poiché i prezzi elevati indeboliscono il potere d’acquisto.

La crescita economica a lungo termine dell’Europa dipenderà dal fatto che i governi affrontino i massicci investimenti necessari per la transizione verso un’economia basata sulle energie rinnovabili. “Senza investimenti, senza cambiamenti strutturali, l’unica cosa rimasta è sperare che tutto funzioni come prima, ma non sarà così”, ha detto Brzeski.

Mentre l’Europa soffre, la Russia ha stabilizzato il tasso di cambio del rublo, il mercato azionario e l’inflazione attraverso un ampio intervento del governo. Il petrolio russo sta trovando più acquirenti in Asia, anche se a prezzi scontati, poiché i clienti occidentali si tirano indietro. Dopo essere stato colpito da sanzioni per il sequestro della regione ucraina della Crimea nel 2014, il Cremlino ha costruito un’economia fortificata mantenendo basso il debito e spingendo le aziende a procurarsi parti e cibo all’interno della Russia.

Sebbene le attività di proprietà straniera come IKEA abbiano chiuso e la Russia sia inadempiente sul suo debito estero per la prima volta in oltre un secolo, non c’è alcun senso di crisi imminente nel centro di Mosca.

I giovani benestanti vanno ancora al ristorante, anche se i negozi Uniqlo, Victoria’s Secret e Zara sono chiusi nel centro commerciale Evropeisky di sette piani. Il successore di McDonald’s, Vkusno-i Tochka, serve cibo più o meno identico, mentre l’ex Krispy Kreme nel centro commerciale ha cambiato marchio ma vende sostanzialmente le stesse offerte.

I giovani russi benestanti vanno ancora al ristorante

Nelle province meno abbienti, Sofya Suvorova, che vive a Nizhny Novgorod, a 440 chilometri (273 miglia) da Mosca, ha sentito la stretta sul bilancio familiare. “Praticamente non ordiniamo più cibo da asporto”, ha detto mentre faceva la spesa al supermercato. “Era molto comodo quando si hanno bambini piccoli. Andiamo nei caffè meno spesso.

Vladimir Putin
Vladimir Putin – Nanopress.it

Abbiamo dovuto ridurre alcuni intrattenimenti, come concerti e teatri; cerchiamo di tenerlo per i bambini, ma gli adulti hanno dovuto fare dei tagli”. Gli economisti affermano che il tasso di cambio del rublo – più forte rispetto al dollaro rispetto a prima della guerra – e il calo dell’inflazione presentano un quadro fuorviante.

Le regole che impediscono al denaro di lasciare il paese e obbligano gli esportatori a scambiare la maggior parte dei loro guadagni esteri da petrolio e gas in rubli, hanno truccato il tasso di cambio. E il tasso di inflazione “ha parzialmente perso il suo significato”, ha scritto in una recente analisi Janis Kluge, esperta di economia russa presso l’Istituto tedesco per gli affari internazionali e la sicurezza.

Questo perché non tiene conto della scomparsa dei beni occidentali e l’inflazione più bassa probabilmente riflette il calo della domanda. Secondo il politologo Ilya Matveev, nel 2020 circa 2,8 milioni di russi erano impiegati in società di proprietà straniera o mista. Se si prendono in considerazione i fornitori, ben 5 milioni di posti di lavoro, ovvero il 12% della forza lavoro, dipendono dagli investimenti esteri.

Le società straniere potrebbero trovare proprietari russi e il protezionismo e l’eccesso di posti di lavoro nel governo impediranno la disoccupazione di massa. Ma l’economia sarà molto meno produttiva, ha detto Kluge, “portando a un calo significativo dei redditi reali medi”.