Coronavirus, Usa: Donald Trump torna alla Casa Bianca e toglie la mascherina

Il presidente degli Stati Uniti, dopo le dimissioni dall'ospedale, è tornato alla Casa Bianca: "Con prudenza, uscite senza farvi condizionare dal virus"

Donald Trump

Foto Getty Images / Win McNamee

Verso le sette di ieri sera, ora americana, Donald Trump è atterrato alla Casa Bianca in seguito alle dimissioni dall’ospedale Walter Reed Medical Center, alle porte di Washington, presso il quale era ricoverato da venerdì corso dopo essere risultato positivo al test per il Coronavirus.

Già nella giornata di ieri, il presidente degli Stati Uniti aveva fatto discutere per la decisione di uscire dall’ospedale in automobile per salutare i propri sostenitori e, anche una volta rientrato alla Casa Bianca, ha nuovamente catalizzato su di sé l’attenzione dei media. Uscito sulla balconata della sua residenza ufficiale, alla presenza di altri membri del proprio staff, si è tolto la mascherina per rivolgere un saluto militare al Paese.

Le dichiarazioni di Donald Trump e del suo Staff

Poco prima delle dimissioni dall’ospedale militare e il rientro alla White House in elicottero, Donald Trump, via Twitter, aveva parlato delle sue condizioni di salute: “Sono un eroe invincibile, sopravvissuto a democratici e virus. Mi sento davvero bene. Non abbiate paura del Covid. Non lasciategli dominare la vostra vita. Abbiamo sviluppato, con l’Amministrazione Trump, alcune conoscenze e farmaci davvero grandiosi. Mi sento meglio di 20 anni fa”, il suo commento.

Presto tornerò in campagna elettorale“, ha assicurato in un altro tweet Donald Trump, che ha poi aggiunto: “Mostrerò all’America che non dobbiamo avere più paura, vincerà comunque“.

Prima della parole del presidente degli Stati Uniti, erano arrivate quelle del Capo Gabinetto della Casa Bianca, Mark Meadows: “Grazie per tutte le preghiere e il vostro supporto. Il Presidente ha continuato a migliorare nella notte ed è pronto a tornare alla normale routine di lavoro“.

Il medico della Casa Bianca, Sean Conley, intervistato dai giornalisti nel corso di una conferenza stampa, ha aggiunto: “Sta bene, è tornato. Non ha febbre da 24 ore e respira normalmente. Non si è del tutto ripreso e dunque continuerà la terapia a base di remdesivir e dexamethasone. Può farlo da casa. Lo facciamo anche con altri pazienti. Non saremo davvero tranquilli prima di una settimana“.

Gli auguri di Joe Biden e i dubbi di Anthony Fauci

Lo sfidante democratico alle prossime elezioni presidenziali, Joe Biden, ha rilasciato, via Twitter, i propri personali auguri di pronta guarigione al rivale repubblicano: “Spero che il Presidente, con tutto quello che ha passato, comunichi la giusta lezione al popolo americano: le mascherine contano, salvano la vita. E’ il momento di seguire la scienza”.

Nonostante l’entusiasmo e le polemiche che accompagnano Donald Trump in questi giorni, il noto virologo americano, Anthony Fauci, ha affermato che “il Presidente potrebbe avere una ricaduta”, dopo aver appreso la notizia del suo rientro alla Casa Bianca.

Non sono coinvolto nelle sue cure, ma il problema è che è ancora abbastanza presto nella malattia e non è un segreto che, se si guarda al decorso clinico delle persone a volte, quando si è nel lasso di tempo di cinque-otto giorni, si può avere una ricaduta. È improbabile che accadrà, ma hanno bisogno di essere avvisati“, ha concluso Fauci.

Parole di Alanews

Da non perdere