Alex Jones condannato per aver mentito sulla sparatoria di Sandy Hook: pagherà 4 milioni di dollari

Il conduttore radiofonico, Alex Jones, condannato al pagamento di 4 milioni di dollari per le bugie raccontate sulla strage della scuola elementare di Sandy Hook.

Strage della scuola elementare di Sandy Hook
Strage della scuola elementare di Sandy Hook – Nanopress.it

Aveva fatto della cospirazione la sua professione: Alex Jones, complottista americano, è stato condannato a pagare un maxi risarcimento da 4 milioni di dollari da un tribunale del Texas. Il conduttore radiofonico raccontò una serie di menzogne sulla strage della scuola elementare di Sandy Hook, avvenuta nel 2012.

Alex Jones, il cospiratore della strage di Sandy Hook dovrà pagare 4 milioni di dollari

Nascosto dietro il suo schermo, ha raccolto i soldi. Per anni, Alex Jones si è arricchito sulle spalle delle vittime di cui ha negato la sofferenza. Dopo aver approfittato di ogni dramma che ha scosso gli Stati Uniti per diffondere false informazioni, questo noto personaggio della sfera cospirativa americana ha finalmente ammesso la sua irresponsabilità.

Il 3 agosto, due settimane dopo l’inizio della causa per diffamazione contro lui e la sua azienda, l’uomo ha ammesso, davanti alla giuria, che l’uccisione della scuola elementare di Sandy Hook nel 2012 era effettivamente avvenuta.

Una confessione che mette fine a anni di inganni. Sul suo sito creato nel 1999, InfoWars, il cospiratore ha affermato che tale sparatoria, che ha portato alla morte di 26 persone , tra cui 20 bambini, era stata inscenata.

Per lui, quelli erano attori pagati usati per imporre il controllo delle armi. Una teoria lanciata senza alcuna prova, ma propinata abbastanza a lungo, tanto da avere ai suoi piedi milioni di seguaci.

Monumento commemorativo per le vittime della strage di Sandy Hook
Monumento commemorativo per le vittime della strage di Sandy Hook – Nanopress.it

La causa delle famiglie delle vittime contro il cospiratore

Le famiglie delle vittime hanno intentato, dunque, la causa contro il cospiratore di estrema destra e la sua società di media con sede ad Austin, Free Speech Systems. Al centro del processo, Neil Heslin e Scarlett Lewis, i genitori di Jesse Lewis, morto all’età di sei anni nella tragica sparatoria.

Hanno testimoniato il decennio di traumi che hanno dovuto affrontare. Primo, ovviamente, quello inflitto dall’omicidio del figlio. Poi, quelli causati dalle azioni dei seguaci di InfoWars.

Spari contro la loro casa, minacce online e telefoniche, molestie in strada da parte di estranei. Un odio diventato tanfibile, alimentato dalle teorie virali dello “show più censurato del mondo“.

La disinformazione del complottista

Le bugie erano davvero il core business di questo uomo. A capo di un impero dei media online, non ha mai smesso di usarle per fare disinformazione. Ha mentito sugli attentati di Oklahoma City e su quello della maratona di Boston, nonché sulle sparatorie di massa a Las Vegas e Parkland, in Florida.

Di recente, ha affermato che il Covid-19 non era pericoloso e che, al contrario, il vaccino era “un’arma di spopolamento“. Di fronte al preciso e feroce controinterrogatorio da parte degli avvocati dei querelanti, non riusciva a trovare le parole per giustificare il motivo per cui stesse cercando di nascondere le prove.

Pur non avendo ottemperato alla richiesta del tribunale di fornire alcuni sms, spiegando sotto giuramento di non essere “un esperto di tecnologia“, ha provato estremo imbarazzo, quando ha appreso che gli avvocati delle vittime avevano a disposizione – grazie a un errore da lui commesso – tutti i messaggi degli ultimi due anni.

Ha riconosciuto, dunque, che la sparatoria era reale: “Ho involontariamente partecipato a cose che feriscono i sentimenti di queste persone“, ha ammesso. Pur facendo attenzione a non far notare che questo “errore” gli aveva permesso di accaparrarsi una piccola fortuna. Cosa non sfuggita agli avvocati della famiglia.

Le somme guadagnate con le menzogne

L’avvocato Mark Bankston ha elaborato un’analogia particolarmente esauriente. Alla fine del processo, ha tirato fuori dalla tasca una banconota da un dollaro stropicciata, l’ha mostrata all’imputato e l’ha messa davanti ai genitori.

Il giorno in cui è accaduto il dramma di Sandy Hook, Alex Jones ha piantato un seme di disinformazione che è durato un decennio“, ha detto “e annaffiò quel seme, ancora e ancora, finché non portasse frutto. Quelli della crudeltà e del denaro“.

Nei documenti condivisi dalle famiglie delle vittime, la giuria ha infatti potuto scoprire che InfoWars ha raccolto – negli ultimi anni – più di 50 milioni di dollari all’anno, attraverso la pubblicità, ma anche mediante la vendita di prodotti ​​come t-shirt o pillole per la virilità, per un totale di 800 mila dollari lordi intascati in un solo giorno, che – tradotto in reddito annuo – equivale a 300 milioni di dollari.