Dovizioso si ritirerà dopo il Gran Premio di Misano

La carriera in Moto GP di Andrea Dovizioso finirà prima del previsto, il campione emiliano ha infatti deciso di anticipare il proprio ritiro e quella di domenica sarà la sua ultima corsa ufficiale prima di appendere definitivamente il casco al chiodo

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso – Nanopress.it

Andrea Dovizioso aveva recentemente annunciato che questa sarebbe stata la sua ultima stagione in Moto GP, ieri ha deciso di tornare a parlare del suo futuro comunicando di voler anticipare i tempi salutando il mondo delle corse già al termine del Gran Premio di Misano

Dovizioso concluderà dunque la propria carriera a 36 anni dopo aver vinto il titolo nella classe 125 con la Honda ormai nel 2004 ed essere stato per ben tre volte vice campione mondiale con la Ducati tra il 2017 ed il 2019.
La stagione in corso è stata fin qui avara di soddisfazioni per il pilota italiano che ha raccolto appena 10 punti nelle 11 gare disputate senza mai riuscire a conquistare un podio.

Dovizioso, il saluto di un campione

Lo sport italiano il prossimo 4 settembre saluterà dunque un grande campione che ha regalato tante soddisfazioni questi anni di Moto GP dove è riuscito a mettere in mostra tutto il suo straordinario talento.

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso – Nanopress.it

Dovizioso ha parlato di una stagione difficile all’interno della quale non è mai riuscito a sentirsi a proprio agio con la moto riscontrando enormi difficoltà in tutte le piste.
Il pilota si è detto comunque estremamente soddisfatto della propria carriera lasciando il mondo delle due ruote sereno e consapevole di aver sempre dato il massimo per se stesso e per le scuderie con le quali ha collaborato.

Tanti i messaggi di ringraziamento per il pilota romagnolo che è riuscito a farsi amare da tutti i tifosi italiani grazia alla sua simpatia e ad un talento non comune alla guida della moto.

I saluti ad Andrea Dovizioso erano già in programma e saranno soltanto anticipati quando il 4 settembre il pilota saluterà ufficialmente e definitivamente il mondo delle corse.
La Yamaha, per le ultime sei gare della stagione, sostituirà il pilota italiano con Cal Crutchlow che avrà a disposizione il finale di stagione per cercare di guadagnarsi una conferma per l’inizio del prossimo motomondiale.

Dopo Valentino Rossi dunque il motociclismo italiano perde in pochi anni un altro grande interprete al quale vanno i ringraziamenti di tutti i tifosi italiani per quanto fatto ed un grande in bocca al lupo per il prossimo futuro che, ad oggi, è ancora sconosciuto.