Brittney Griner: Mosca accetta di discutere uno scambio prigionieri con gli USA

Proprio ieri Brittney Griner, cestista statunitense, è stata condannata a 9 anni di carcere in Russia, per possesso di stupefacenti. Ora, Mosca è disposta a parlare di uno scambio di prigionieri con gli Stati Uniti. 

Sergei Lavrov
Sergei Lavrov – Nanopress.it

Mesi da incubo per la cestista americana Brittney Griner, una delle più forti del suo campo, che lo scorso febbraio è stata arrestata in Russia per aver portato due cartucce di olio di cannabis per il suo vaporizzatore.

Ieri è stata condannata a 9 anni di carcere in territorio russo e ora il governo di Putin è disposto a trattare, solo per vie presidenziali. Ecco le ultime notizie.

Brittney Griner: condannata per possesso di stupefacenti in Russia

31 anni, una delle più grandi nel suo campo, sia in termini di gioco che di altezza (2 metri e più), attivista LGBQT+: Brittney Griner lo scorso 17 febbraio si è recata in Russia per giocare con l’Ummc di Ekaterinburg, durante la pausa della stagione USA di basket.

Brittney Griner arrestata in Russia
Brittney Griner arrestata in Russia – Nanopress.it

Arrivata nel territorio di Vladimir Putin, però, è stata fermata perché in valigia trasportava meno di un grammo di olio alla cannabis, che utilizza come palliativo per le sue lesioni muscolari permanenti. Una dimenticanza, un errore che le è costato il carcere, perché in Russia queste sostanze non sono legali.

Ieri, la giudice Anna Sotnikova del tribunale di Khimki ha confermato la sua condanna a 9 anni di carcere, causando lo sdegno del governo americano, nelle parole del Presidente Joe Biden che dichiara ingiusta la condanna e chiede alla Russia di rilasciarla prima possibile.

La ragazza, come dichiarano i suoi avvocati, sta molto male e si sente una pedina politica. Il suo team di legali, ora, ha 10 giorni di tempo per presentare appello al tribunale, per cercare di liberare Brittney.

Mosca pronta a una trattativa con gli USA per uno scambio di prigionieri

Intanto, arriva dalla Cambogia la notizia che la Russia sarebbe pronta a trattare con gli Stati Uniti d’America per uno scambio di prigionieri.

Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, durante una conferenza stampa in Cambogia, ha dichiarato che Mosca è pronta a trattare ma solo tramite il canale presidenziale concordato in precedenza tra Biden e Putin.

Ieri, il coordinatore delle comunicazione strategiche del Consiglio di sicurezza Usa, John Kirby, aveva già confermato che il segretario di Stato Americano Antony Blinken aveva intenzione di discutere con la Russia di questo argomento, per cercare di salvare la cestista Brittney Griner.

Alcune fonti della CNN, prevedono che le trattative saranno focalizzate sullo scambio della stella del basket e dell’ex marine Paul Whelan con il trafficante di armi russo Viktor Bout.