Zelensky negozierà la pace solo se la Russia abbandonerà l’Ucraina

Il presidente turco e il segretario generale dell’Onu chiedono, insieme a Zelensky, il rispetto dell’integrità territoriale del Paese invaso da Putin (la Ucraina) e chiedono la smilitarizzazione della centrale nucleare di Zaporizhia.

Erdogan, Zelensky e Guterres
Erdogan, Zelensky e Guterres – NanoPress.it

L’Ucraina assicura che non aprirà negoziati di pace con la Russia finché sul suo territorio sono presenti soldati russi. Ciò include non solo le regioni che le truppe di Mosca hanno conquistato dall’invasione lanciata il 24 febbraio, ma anche quelle che controllano dal 2014, come la penisola di Crimea e la maggior parte delle province orientali del Donbass.

“Non vogliamo un’altra Chernobyl”, avverte Erdogan

Lo ha affermato giovedì il presidente ucraino, Volodímir Zelenski, davanti al presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, e al segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres. “I negoziati futuri possono aver luogo solo quando la Russia abbandonerà tutto il territorio ucraino”, ha affermato Zelensky.

Il vertice, tenutosi a Leopoli, una città ucraina vicino al confine con la Polonia, è servito a Erdogan e Guterres per mostrare a Zelensky la loro determinazione a porre fine alla guerra al tavolo dei negoziati. Entrambi sono i principali sostenitori della via diplomatica per porre fine alla guerra. “Il punto principale del dialogo con il Segretario generale delle Nazioni Unite è come raggiungere la fine della guerra”, ha affermato Erdogan.

“Dobbiamo trovare la via più breve e veloce per avviare il tavolo dei negoziati”, ha aggiunto il capo di Stato turco. Poco prima, in una conferenza stampa congiunta, Zelensky ha dichiarato: “Non abbiamo fiducia che la Russia adempirà ai suoi impegni”. I tre leader hanno mostrato armonia nel difendere l’integrità territoriale dell’Ucraina.

La parte ucraina ha alzato il tono nelle ultime settimane sulla sua volontà di espellere militarmente le truppe russe, anche dai territori interrotti nella guerra del 2014, sia le aree separatiste filo-russe del Donbass che la penisola di Crimea, annesse quell’anno dalla Russia dopo un referendum non riconosciuto dalla comunità internazionale. Un altro punto su cui hanno concordato è la necessità per la Russia di smilitarizzare la centrale nucleare di Zaporizhia, la più grande d’Europa, e dove sono in corso gli scontri a fuoco tra i due eserciti.

Non vogliamo un’altra Chernobyl”, ha detto Erdogan, ricordando la tragedia nucleare del 1986 avvenuta durante l’Unione Sovietica sul suolo ucraino. Guterres ha mostrato la sua “enorme preoccupazione” per il fatto che la Russia abbia dispiegato truppe, artiglieria e mezzi militari all’interno dello stabilimento: “L’area deve essere smilitarizzata, qualsiasi altra opzione sarebbe suicida”.

Guterres ha approvato la proposta dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica di inviare una missione di monitoraggio a Zaporizhia

Il segretario generale delle Nazioni Unite ha approvato la proposta dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) di inviare una missione di monitoraggio a Zaporizhia, anche se ha sottolineato che deve essere sotto la giurisdizione di kyiv.Il presidente ucraino, dalla faccia più tesa di Erdogan e Guterres, ha persino corretto l’interprete che ne ha tradotto le parole in inglese perché aveva omesso una parte della sua dichiarazione in cui ricordava che i civili ucraini muoiono ogni giorno sotto le bombe russe.

Missili a Zaporizhzhia
Missili vicino Zaporizhzhia-Nanopress.it

Il vertice si è tenuto presso il Palazzo Potocki, residenza del conte Alfred Josef Potocki, nobile polacco ed ex Primo Ministro dell’Impero Austro-Ungarico. Dal cortile d’ingresso al palazzo si potevano distinguere le scatole degli aiuti umanitari che si accumulano nei padiglioni d’arte attigui. Per strada, un gruppo di cittadini ha chiesto alla Russia di liberare i prigionieri di guerra ucraini che hanno resistito fino all’ultimo all’assedio di Mariupol, città ora sotto il controllo del Cremlino.

Erdogan ha garantito il suo sostegno a Zelensky per riportare i prigionieri di guerra in Ucraina. Ha anche sottolineato che trasmetterà le conclusioni dell’incontro al presidente russo Vladimir Putin. Erdogan ha incontrato il 5 agosto con Putin. Secondo i media russi e turchi, Putin era favorevole all’incontro con Zelensky, sebbene la parte russa non sia disposta a fare marcia indietro dal 20% dell’Ucraina che ha occupato militarmente. Questa è stata la prima visita di Erdogan in Ucraina dallo scoppio della guerra.

“Ci impegniamo per la diplomazia e allo stesso tempo siamo al fianco dei nostri amici ucraini”, ha affermato il leader turco. Ha insistito sul fatto che il modello da seguire è l’accordo firmato a fine luglio a Istanbul tra Russia, Ucraina, Turchia e ONU affinché la flotta russa consenta l’esportazione di cereali ucraini attraverso il Mar Nero. “L’accordo di esportazione alimentare dimostra il successo della diplomazia.

Questo è solo l’inizio”, ha aggiunto Guterres. “Ma le iniziative [diplomatiche] in una situazione di guerra sono inevitabilmente fragili”, ha avvertito il Segretario generale delle Nazioni Unite. La vicinanza di Leopoli al confine polacco, un’ora e mezza di strada, era comoda per la visita vorticosa del leader turco. Zelensky, d’altra parte, ha giustificato che la nomina avvenisse a Leopoli perché Hersch Lauterparcht e Raphael Lemkin, i due accademici che hanno sviluppato i concetti legali di genocidio e crimini contro l’umanità, si sono formati in questa città.

Zelensky ha nuovamente chiesto un tribunale internazionale per giudicare possibili crimini di guerra russi. Erdogan è rimasto impassibile nell’ascoltare le spiegazioni di Zelensky, nonostante il fatto che il leader turco si rifiuti di riconoscere i massacri e le deportazioni di armeni dall’impero turco all’inizio del XX secolo come genocidio. Questo genocidio fu decisivo negli studi di Lemkin e Lauterpacht.