Israele: il segreto di Pulcinella dell’arma nucleare

Mentre ormai tutti sono convinti che Israele possieda l’arma nucleae, il governo e gli analisti politici israeliani rifiutano categoricamente il patto che la Ue sta facendo con l’Iran, anche se i servizi segreti militari e gli esperti di sicurezza lo considerano un male minore.

Joe Biden e Yair Lapid
Joe Biden e Yair Lapid – NanoPress.it

L’Unione Europea vede come vicino l’accordo nucleare con l’Iran e spera di riattivarlo dopo 16 mesi di negoziati. Bruxelles considera “ragionevole” la risposta data al testo finale da Teheran, dove i vertici del regime islamico mostrano un moderato ottimismo, mentre gli Stati Uniti da martedì tacciono ufficialmente, in attesa di presentare una valutazione definitiva.

L’Unione Europea vede come vicino l’accordo nucleare con l’Iran

E l’arcinemico regionale, Israele, che vede lo sviluppo del programma atomico iraniano come una minaccia esistenziale, sta già osservando con sentimenti contrastanti di sospetto e rassegnazione l’andamento dei colloqui verso la ristampa del patto, che languisce da quattro anni dopo la porta fu sbattuta dall’allora presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per dissociarsi unilateralmente dal suo Paese.

In sostanza, il patto raggiunto con la mediazione dell’Ue dall’Iran nel 2015 con le grandi potenze (USA, Russia, Cina, Francia, Germania e Regno Unito) prevede la revoca delle sanzioni alla Repubblica islamica in cambio di portare il suo nucleare programma sotto controllo per impedirgli di essere equipaggiato con un’arma atomica. Israele teme soprattutto che Teheran rinunci agli impegni e continui ad arricchire rapidamente l’uranio dotandosi di missili per trasportare testate nucleari.

“Israele prende atto dei progressi nei colloqui e si rende conto che la palla non è più nel suo campo”, riconosce l’ex generale Tamir Hayman, che è stato capo della direzione dell’intelligence militare tra il 2018 e il 2021. “La posizione ufficiale del governo è contraria all’accordo nucleare”, precisa in uno scambio di messaggi l’attuale vicedirettore dell’Istituto nazionale per gli studi sulla sicurezza, “ma ultimamente è stato riferito che l’alto comando delle Forze armate, compreso l’attuale capo della Direzione dei servizi segreti militari, si sono espressi a favore dell’accordo”.

La decisione è nelle mani del presidente Joe Biden, a Washington, e del leader supremo della rivoluzione, Ali Khamenei. “Ogni opzione possibile è problematica per Israele, dove sia il governo che l’opinione pubblica sembrano preferire una realtà senza un accordo a un cattivo accordo”, riassume l’ex generale Ayman.Tra la classe politica, le opinioni sull’accordo nucleare iraniano sono generalmente più forti.

Yossi Shain, professore di scienze politiche all’Università di Tel Aviv e deputato del partito conservatore Israel Our House, sostiene che “non c’è motivo di fidarsi degli iraniani, che vogliono solo guadagnare tempo con i colloqui e portare avanti il ​​loro programma di Armi”. “Contrariamente a quanto sostengono alcune voci dietro le quinte, non siamo rassegnati all’idea che l’accordo sia inevitabile”, spiega in una conversazione telefonica.

“Non mi risulta che il JCPOA (Joint Comprehensive Plan of Action) sia già considerato un male minore dal governo, dalle forze armate o dai servizi di intelligence”. Tuttavia, secondo l’analista Ben Caspit, il Mossad, l’agenzia israeliana di spionaggio straniero, gestisce già l’ipotesi di lavoro che le potenze firmatarie raggiungano un patto con l’Iran. “Il Mossad continua a presumere che un accordo sarà finalmente raggiunto perché gli americani, gli iraniani e gli europei ne hanno bisogno”, sostiene in uno dei suoi ultimi articoli sulla rivista digitale Al Monitor.

Israele da decenni avrebbe l’arma nucleare

Lo spionaggio israeliano ora concentra la sua attività sull'”ottenimento di informazioni sulle intenzioni dell’Iran per assicurarsi che non si stia preparando a dotarsi di un’arma nucleare”, sostiene Caspit, citando fonti diplomatiche e di intelligence anonime. “Da bravi commercianti di bazar, gli iraniani non hanno ora presentato un’offerta finale (all’Ue) e hanno lasciato le frange in sospeso, come hanno fatto nell’ultimo anno e mezzo”, esprime l’ex generale Yossi Kuperwasser, ex direttore generale di il Ministero degli Affari Strategici ed ex capo della Direzione dei servizi segreti militari.

Esplosione nucleare
Esplosione nucleare

In una manifestazione della scorsa settimana presso la Commissione israeliana per l’energia atomica, il primo ministro Yair Lapid è andato vicino a rivelare un segreto di Pulcinella. “Abbiamo capacità sia difensive che offensive (militari) e, inoltre, ciò che alcuni media stranieri di solito chiamano ‘altre capacità'”, ha affermato il capo del governo, per insinuare che lo stato ebraico ha avuto armi atomiche per decenni.

“Queste altre capacità ci tengono in vita e continueranno a farlo finché i nostri figli saranno qui”, ha aggiunto Lapid. Il capo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane, il generale Hossein Salami, si è limitato a rispondere poco dopo che ci sono “più di 100mila missili pronti per essere lanciati contro Israele dal Libano” in caso di conflitto. L’esercito israeliano riconosce che la milizia sciita Hezbollah, stretto alleato dell’Iran, ha decine di migliaia di razzi nel suo arsenale, anche se solo poche centinaia possono essere considerati missili a guida di precisione.

Fonti politiche israeliane citate dal quotidiano Haaretz hanno ammesso che l’Iran ha già iniziato a preparare il suo parere per un rilancio del patto nucleare. “Stiamo vedendo che si sta avvicinando all’accordo”, hanno detto le stesse fonti. Alla luce dei notevoli divari che rimangono tra le parti, Israele prevede che Washington o Teheran dovranno scendere a compromessi sulle indagini dell’AIEA e sulle garanzie di conformità se vogliono chiudere un’intesa.

Ma, soprattutto, ritiene che l’attuale accordo sia pessimo e la firma della sua riattivazione comporti dei pericoli. Così giovedì pomeriggio il primo ministro Lapid lo ha inviato ad alti funzionari diplomatici e parlamentari degli Stati Uniti e, in una conversazione telefonica, al cancelliere tedesco Olaf Scholz.