Zelensky: evacuazione nelle aree di Donetsk che la Russia non controlla

“Più persone lasciano la regione ora, meno persone la Russia avrà il tempo di uccidere”, afferma il presidente ucraino Zelensky. Il vice primo ministro afferma che i civili dovranno partire prima dell’inverno perché le forniture di gas naturale sono state distrutte.

Zelensky Ucraina
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky – Nanopress.it

Il presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelenski, ha annunciato questo sabato l’approvazione da parte del suo governo dell’evacuazione obbligatoria della popolazione nelle aree di Donetsk che la Russia non controlla. “Più persone lasciano la regione di Donetsk ora, meno persone la Russia avrà il tempo di uccidere”, ha detto il presidente ucraino in un discorso a tarda notte.

Zelensky: “Più persone lasciano la regione di Donetsk ora, meno persone la Russia avrà il tempo di uccidere”

Citato dalla stampa locale, il vicepremier ucraino, Irina Vereshchuk, ha indicato che l’evacuazione deve essere effettuata prima dell’inverno perché le forniture di gas naturale sono state distrutte. Questa provincia in prima linea nell’Ucraina orientale è teatro di pesanti combattimenti e le sue città sono sotto il costante bombardamento russo. “È stata presa una decisione del governo sull’evacuazione obbligatoria della regione di Donetsk […].

Per favore, evacuate”, ha insistito il presidente, che ha accusato Mosca di usare il “terrore” come arma principale in questa fase della guerra, iniziata il 24 febbraio. Zelenski ha precisato che i residenti saranno risarciti per l’evacuazione. “Non siamo la Russia, proprio perché ogni vita è importante per noi […]

E coglieremo ogni opportunità per salvare quante più vite possibili e limitare il più possibile il terrore russo”, ha aggiunto. Donetsk è – insieme alla già controllata dalla Russia Lugansk – una delle due oblast (unità amministrative) che compongono la regione del Donbas, in cui Zelensky ha calcolato che ci sono ancora centinaia di migliaia di persone nelle zone di combattimento. Il presidente ha chiesto la collaborazione dei cittadini per garantire che questi civili si spostino in aree sicure.

“Molti si rifiutano di partire, ma bisogna farlo”, ha detto prima di rivolgersi direttamente ai suoi connazionali: “Se ne avete l’opportunità, parlatene con coloro che sono ancora nelle zone di combattimento del Donbas. Per favore, convincili della necessità di andarsene”. Dalla guerra che è iniziata lì nel 2014, il Donbass è stato diviso in due zone: quella controllata dai separatisti sostenuti dalla Russia e quella ancora sotto il controllo delle forze armate ucraine, a ovest.

Secondo l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, i separatisti filo-russi sostenuti dal Cremlino, che rivendicano tutta Donetsk e Lugansk, controllavano solo un terzo della loro area, circa 10.400 chilometri quadrati, all’inizio dell’invasione di febbraio, secondo l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. La sua posizione al confine con la Russia è strategica: Donetsk offre l’accesso al Mar Nero, le cui acque consentono l’accesso al Mediterraneo.

Fino alla guerra del 2014, il Donbass era noto soprattutto per la sua ricchezza mineraria e per essere un importante centro di produzione industriale di acciaio e carbone. Lo stesso sabato, le autorità ucraine hanno denunciato anche diversi attacchi nel sud e nell’est del Paese, che hanno causato almeno un morto.

La decisione del governo arriva mentre Kiev e Mosca si accusano a vicenda della morte lo scorso venerdì di decine di prigionieri ucraini

Un civile è morto e altri sei sono rimasti feriti dopo un bombardamento avvenuto la mattina presto in una zona residenziale di Mikolaiv, nel sud del Paese, ha spiegato in un messaggio sulla rete Telegram il governatore regionale, Vitali Kim. A Kharkov, nell’est, tre missili hanno colpito anche un centro educativo che ha preso fuoco all’alba, ha riferito il sindaco della città, Igor Terejov.

Sergei Lavrov
Sergei Lavrov – NanoPress.it

La decisione del governo arriva mentre Zelensky e Putin si accusano a vicenda della morte lo scorso venerdì di decine di prigionieri ucraini – tra i 40 ei 50, secondo diverse fonti – in una prigione nella parte occupata dai russi di Donetsk. L’Ucraina chiede un’indagine internazionale sulla questione, mentre fonti del ministero della Difesa russo affermano che le forze ucraine hanno lanciato l’attacco con un missile di fabbricazione statunitense Himars (High Mobility Artillery Rocket System), come riportato dall’agenzia Reuters citando i media russi.

La stessa fonte ha aggiunto che 40 prigionieri sono morti e altri 75 sono rimasti feriti, oltre a otto guardie delle strutture. Come è emerso questo sabato, il Segretario di Stato degli Stati Uniti, Antony Blinken, ha promesso che la Russia pagherà per l’attentato mortale nella prigione, situata nella città di Olenivka, e ha espresso le sue condoglianze al suo omologo ucraino, Dmitro Kuleba.

Anche la Francia ha espresso il suo “orrore” per l’attentato alla prigione e ha sottolineato che i responsabili di questi crimini “devono rispondere delle loro azioni”. L’ordine di evacuazione avviene anche lo stesso giorno in cui il colosso russo Gazprom ha annunciato la sospensione delle forniture di gas alla Lettonia “per aver violato le condizioni di consegna”, si legge in una nota.

La Lettonia ha risposto dicendo che ha abbastanza scorte per l’inverno nonostante il taglio. È il sesto Paese a cui la Russia chiude il rubinetto del gas, dopo Polonia, Bulgaria, Finlandia, Paesi Bassi e Danimarca.