Zelensky, Erdogan e Guterres: incontro sull’esportazione di grano

Il presidente ucraino, Volodímir Zelensky, ha incontrato il suo omologo turco, Tayyip Erdogan, e il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, a Lviv (Ucraina occidentale) per discutere l’accordo per l’esportazione di cereali via mare Negro e sulla situazione in Zaporižia.

Erdogan, Zelensky e Guterres
Erdogan, Zelensky e Guterres – NanoPress.it

A pochi minuti dall’incontro, Zelensky ha chiesto ancora una volta all’Onu di farsi carico di “garantire la sicurezza” della centrale nucleare, occupata dalle forze russe. Di prima mattina, il ministero della Difesa russo ha accusato l’Ucraina di aver preparato “una provocazione” nello stabilimento di Zaporizhia in concomitanza con la visita di Erdogan e Guterres in Ucraina.

Zelensky alla continua ricerca di rapporti diplomatici

Secondo Mosca, l’esercito ucraino attaccherà l’impianto e in seguito incolperà la Russia per l’attacco. Non ha presentato alcuna prova per tale affermazione. Nel suo messaggio quotidiano, Zelensky ha chiesto ancora una volta alla Russia di ritirare i suoi soldati dalla centrale nucleare “incondizionatamente e il prima possibile” per garantire un ritorno alla normalità nel Paese.

Sul fronte della guerra, Kharkov è stata l’obiettivo dei peggiori attacchi russi delle ultime ore. Nella tarda serata di mercoledì, un bombardamento di un quartiere residenziale ha ucciso sette persone e ne ha ferite 17. Già giovedì mattina, altri due bombardamenti di case hanno causato quattro morti e altri 20 feriti, secondo il governatore regionale.

Erdogan e Guterres in Ucraina alla ricerca di un nuovo accordo sull’esportazione di grano

Il presidente ucraino, Volodímir Zelensky, ha incontrato il suo omologo turco, Tayyip Erdogan, e il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, a Lviv (Ucraina occidentale) per discutere l’accordo per l’esportazione di cereali via mare Negro e sulla situazione in Zaporižia. A pochi minuti dall’incontro, Zelensky ha chiesto ancora una volta all’Onu di farsi carico di “garantire la sicurezza” della centrale nucleare, occupata dalle forze russe.

Grano
Campo di grano – Nanopress.it

“Le Nazioni Unite devono garantire la sicurezza di questo oggetto strategico, la sua smilitarizzazione e la completa espulsione delle truppe russe”, ha affermato il presidente ucraino. Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres è arrivato mercoledì a Leopoli.

Dopo l’incontro di oggi, Guterres si recherà domani a Odessa, il principale porto ucraino sul Mar Nero, dove dovrebbe ispezionare le operazioni di carico del grano. Da lì si recherà a Istanbul, dove passerà attraverso il Centro di Coordinamento Internazionale dedicato alle operazioni di transito dei cereali attraverso il Mar Nero.

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, è volato da Ankara alla città polacca di Rzeszow, a circa 80 chilometri dal confine ucraino, e da lì ha viaggiato su strada fino a Leopoli, un viaggio di circa 150 chilometri in totale, dove è arrivato giovedì.

Alla fine di luglio, la Turchia e le Nazioni Unite hanno mediato tra Kiev e Mosca per raggiungere un accordo che consenta al traffico marittimo nel Mar Nero di esportare tutto il grano che l’Ucraina tiene in deposito e su cui gran parte dei paesi in via di sviluppo dipendono, come l’Asia, l’Africa e il Medio Oriente.

La consegna di milioni di tonnellate di grano era stata sospesa da quando la Russia aveva invaso l’Ucraina il 24 febbraio. kyiv, temendo ulteriori attacchi, aveva minato gli accessi ai suoi porti sul Mar Nero.