Zelensky a Severodonetsk: per la seconda volta al fronte dai suoi soldati

Volodimir Zelensky si è recato al fronte per supportare i suoi soldati nell’importante battaglia del Donbass. L’offensiva nella città di Severodonetsk è vissuta strada per strada tra intensi attacchi aerei e di artiglieria.

Zelensky al fronte
Zelensky al fronte – NanoPress.it

Per la seconda volta in una settimana, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha lasciato la capitale, Kiev, per incoraggiare le sue truppe nella parte dell’Ucraina dove i combattimenti sono più duri e dove si svolge gran parte del corso della guerra.

Zelensky appare a sorpresa in un avamposto ucraino vicino al fronte

Inaspettatamente, Zelensky ieri è apparso nella regione del Donbass per visitare le città di Soledar e Lisichansk, nella provincia di Lugansk. Questa è la seconda visita che fa su un fronte di guerra dopo essere passato da Kharkov la scorsa settimana, ma in questa occasione è arrivato a pochi chilometri, quasi metri, da Severodonetsk, già considerato il secondo Mariupol, data la ferocia dei combattimenti che hanno stanno vivendo e l’importanza strategica per il controllo del Donbass.

Lisichansk e Severodonetsk sono due città separate dal fiume Donetsk. Il primo, quello che Zelensky ha visitato domenica, è un paese che prima della guerra contava 100.000 abitanti, oggi una città desolata, attraverso la quale camminano solo gruppi di soldati e una popolazione locale spaventata composta principalmente da anziani che passano notte dopo notte a provare dormire sotto il rumore delle conchiglie.

Nella seconda, a Severodonetsk, dall’altra parte del fiume, sempre con circa 105.000 abitanti prima della guerra, da giorni si susseguono combattimenti strada per strada, a cui si aggiunge il martellamento dell’artiglieria pesante, aviazione e mortai delle truppe russe.

Vista la spinta russa degli ultimi giorni, l’arrivo di Zelensky è una spinta alle sue truppe in un momento delicato della battaglia del Donbass, dopo che a poco a poco l’esercito di Vladimir Putin è riuscito ad avanzare per chiudere la tenaglia orientale, che gli permette di controllare il 20% del territorio dell’Ucraina, secondo il presidente.

In attesa dell’arrivo di nuove armi dall’Europa e dagli Stati Uniti che si muovono lentamente lungo le strade del Paese, l’Ucraina sta vivendo un momento delicato sul fronte, dove ogni giorno si registrano tra i 60 ei 100 morti, come riconosciuto dal leader.

ll Presidente Ucraino: i russi sono molto potenti, ma noi non abbiamo paura

Nei video diffusi della sua visita al quartier generale di Lisichansk domenica, Zelensky stesso agisce come uno stratega militare, riconoscendo che il suo esercito “sta passando un brutto periodo a Zaporizhia e Severodonetsk”.

Zelensky visita le truppe al fronte
Zelensky visita le truppe al fronte – NanoPress.it

Sebbene i russi siano “sempre più potenti”, disse Zelensky ai suoi uomini, “abbiamo la possibilità di fermare l’invasore, perché riprenderla in seguito [Severdonetsk] dovrà essere fatta con grandissimi sacrifici”. La visita di Zelensky è avvenuta nella solita segretezza. La stampa ha saputo del suo arrivo solo quando era già partito, ma durante le ore trascorse nella regione ha riconosciuto di aver visitato una zona desolata.

“A Severodonetsk ora era rimasto il 10 o il 15% della popolazione ea Lisichansk lo stesso. Non ci sono persone nelle strade, solo il nostro esercito“, ha detto dopo la sua visita. Giorni prima, il governatore di Luhansk, Sergei Gaidai, aveva ammesso che i soldati inviati dal Cremlino avevano preso posizione alla periferia nord-occidentale e sud-orientale della città e che la scorsa settimana ci sono stati diversi morti e feriti.

Secondo le autorità, i pesanti combattimenti corpo a corpo impediscono l’evacuazione dei civili e la raccolta dei corpi, rendendo difficile la stima del numero reale delle vittime.Nel frattempo, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha parlato della possibilità che l’esercito ucraino si impossessi di missili a lungo raggio forniti dall’Occidente.

“Più è lunga la portata di quei missili, più respingiamo i nazisti”, ha detto Lavrov, riferendosi alla linea con i territori controllati dalla Russia. Questo lunedì, il Regno Unito ha annunciato che si unirà agli Stati Uniti e invierà sistemi missilistici in Ucraina con una portata fino a 80 chilometri.

Lavrov ha anche definito “ostile” e “senza precedenti” la chiusura dello spazio aereo decretata da Bulgaria, Macedonia del Nord e Montenegro che ha impedito la sua visita in Serbia.

Nel frattempo Lavrov si lamenta riguardo la visita in Serbia

“Se una visita in Serbia del ministro degli Esteri russo è vista in Occidente come qualcosa di simile a una minaccia su scala universale, allora le cose in Occidente sono chiaramente molto negative”, ha detto. Mentre lo scambio di accuse si concentra sul calibro delle armi che l’Ucraina dovrebbe o non dovrebbe ricevere, le vittime si susseguono da entrambe le parti.

Sergei Lavrov
Sergei Lavrov – NanoPress.it

Nella città di Sloviansk, controllata dall’Ucraina, la 63enne Irvina chiede urgentemente “un incontro di politici per porre fine alla guerra il prima possibile”, dice tra una sirena assordante che avverte dell’imminente arrivo di nuovi proiettili e che in città come questa è raro che smetta di squillare.

“Ho bisogno di fare una passeggiata perché sto per impazzire. C’è solo sofferenza e distruzione intorno. Non c’è più nessuno che conosci in città ed è difficile ottenere prodotti di base “, si lamenta sulle scale di un edificio in stile sovietico recentemente bombardato.

Le autorità ritengono che città come la loro, Sloviansk o Kramatorsk, potrebbero cadere in due o tre settimane se la guerra continuasse in questo modo, il che consentirebbe alla Russia di controllare gran parte del Donbass. Prima della guerra, l’Ucraina controllava i due terzi di questa regione, una grande potenza industriale per il paese popolata da immigrati russi introdotti durante l’era di Stalin.

Il restante terzo del Donbass, dove si trovano le città di Donetsk e Lugansk, è nelle mani delle cosiddette milizie di autodifesa filo-russe. Entrambe le popolazioni si sono autoproclamate “repubbliche indipendenti”, riconosciute solo da Mosca, che si unirà presto alla Russia se la grande operazione di conquista in corso sarà consumata. L’obiettivo di Putin è occupare tutto il Donbass, il che gli permetterebbe di tracciare un enorme corridoio che, attraverso l’Ucraina orientale, raggiunga la penisola di Crimea, già russa.

L’annessione del Donbass servirebbe a Putin per mostrare finalmente in patria una clamorosa conquista, che sta alla base della sua idea di vittoria.