Venezuela: mancano i vaccini per i bambini. Si rischia una strage

I funzionari della sanità pubblica hanno da tempo avvertito che il Venezuela, con un sistema sanitario in disfacimento e circa un decennio di disordini politici, ha tassi di vaccinazione allarmanti.

Nicolás Maduro
Nicolás Maduro – NanoPress.it

Al paese è vietato acquistare vaccini attraverso un sistema regionale che offre prezzi accessibili, fino a quando il Paese non ripagherà un debito di 11 milioni di dollari, in gran parte il risultato di una lotta di potere tra il governo e l’opposizione, sostenuta dagli Stati Uniti. I dati specifici sui tassi di vaccinazione sono stati elusivi in ​​Venezuela, dove le istituzioni sono avvolte nel segreto, nella corruzione e nella burocrazia.

La crisi delle vaccinazioni del Venezuela è in aumento

Ma un’analisi dell’Associated Press di dati governativi rari e stime delle agenzie di salute pubblica mostra che la crisi delle vaccinazioni del Venezuela è in aumento, ponendolo tra i peggiori paesi al mondo per vaccinare i bambini contro malattie potenzialmente letali. Molti bambini mancano di molti dei 10 vaccini raccomandati entro i 12 mesi di età, per proteggersi da 14 malattie tra cui poliomielite, morbillo e tubercolosi.

Due dei vaccini – uno che previene la diarrea grave e pericolosa per la vita e uno che protegge dai virus respiratori – non sono stati quasi mai somministrati negli ultimi anni. I funzionari del governo e dell’opposizione si scambiano la colpa, ma la maggior parte è d’accordo: non ci sono abbastanza vaccini per una popolazione che ne ha un disperato bisogno in un paese afflitto da problemi di approvvigionamento.

Gli esperti di vaccinazione affermano che la colpa è in gran parte dei disordini politici in Venezuela, con la pandemia di COVID-19 che ha esacerbato i problemi di accesso.”In situazioni di conflitto, si vede spesso una varietà di parti diverse che utilizzano la fornitura di servizi sanitari come un modo per generare favore”, ha affermato Katherine Bliss, direttrice del programma Immunizations and Health Systems Resilience presso il Center for Strategic and Health con sede a Washington Studi internazionali.

Ciò può anche manifestarsi in una mancanza di fiducia nelle autorità pubbliche e in una mancanza di fiducia nei programmi pubblici, come i programmi di vaccinazione”. Bliss ha affermato che i tassi di vaccinazione complessivi sono diminuiti a livello globale durante il blocco della pandemia e che molte nazioni sono in affanno totale. Non sorprende che i ritardi più evidenti appaiano al di fuori dei centri urbani, ha affermato Bliss, che ha esaminato la salute pubblica del Venezuela nel contesto della sua crisi.

“L’accesso equo alla salute è molto impegnativo“, ha affermato, osservando che le popolazioni rurali e indigene “affrontano sfide maggiori solo in termini di accesso allo stesso tipo di servizi di qualità che potrebbero avere le persone nelle regioni più popolate”. I dati del dipartimento sanitario venezuelano che scompongono la percentuale di bambini che sono stati immunizzati secondo il programma di vaccinazione nazionale – fornito all’AP da un medico in condizione di anonimato, per paura di ritorsioni – mostrano che circa il 70% dei bambini aveva ricevuto un vaccino contro il morbillo ma meno del 30% aveva la seconda dose standard richiesta.

I vaccini hanno iniziato ad arrivare all’inizio di giugno

Nei due stati del sud-est lungo il confine con il Brasile, il tasso per la seconda dose è del 15% per quella popolazione rurale più piccola. A livello globale, l’84% di tutti i bambini ha ricevuto una prima dose e il 70% ne ha ricevuto due, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dell’UNICEF. Il governo venezuelano non ha risposto a molteplici richieste di AP sulla crisi del vaccino, inclusa la carenza di vaccini nel paese, gli ordini imminenti e le esigenze di vaccinazione, le fonti delle dosi di vaccino e il suo debito o pagamenti. 

Vaccinazione in Venezuela
Vaccinazione in Venezuela

I vaccini hanno iniziato ad arrivare all’inizio di giugno attraverso l’Organizzazione Panamericana della Sanità, il braccio dell’OMS nelle Americhe, ma non è chiaro come siano stati acquistati. Per anni, il governo venezuelano ha tradizionalmente acquistato la maggior parte della sua fornitura attraverso il Fondo rotativo per l’accesso ai vaccini di PAHO.

Nonostante il debito del Venezuela, il governo e la PAHO sono riusciti a ottenere 4,4 milioni di vaccinazioni per la campagna di vaccinazione. PAHO ha salutato le spedizioni come risultato della cooperazione con l’agenzia sanitaria venezuelana, ma non ha risposto alle domande di AP sull’esatta fonte di pagamento. Un funzionario della PAHO ha insistito in una conferenza stampa di giugno sul fatto che al paese è ancora vietato acquistare vaccini.

Pochi bambini venezuelani vengono sottoposti a controlli regolari, quindi i genitori spesso vengono a conoscenza delle cliniche attraverso i social media o altri luoghi in cui le loro famiglie ricevono aiuti, come i programmi alimentari del governo. Una finestra sui dati del 2016 ha mostrato infezioni diarroiche e respiratorie responsabili di decessi significativi nei bambini.

E la ricerca della Johns Hopkins University ha sottolineato l’importanza dei vaccini contro il rotavirus e lo pneumococco per ridurre i tassi di mortalità infantile in generale allarmanti. Alcuni genitori sono consapevoli dei rischi di saltare i costosi vaccini, ma dicono di non avere scelta. “Non abbiamo il budget”, ha detto la mamma casalinga Yuberlim Salazar alla clinica di vaccinazione. “Non è giusto risparmiare i soldi per darle il vaccino e non dare da mangiare a mia figlia. Preferisco dare da mangiare a mia figlia”.