Il Vaticano contro la legge Zan: "Fermatela, viola il concordato"

Per la prima volta la Santa Sede interviene con una richiesta formale nell'approvazione di una legge italiana

bandiera arcobaleno

Foto Pexels | Markus Spiske

Il Vaticano prende posizione e chiede formalmente al governo italiano di modificare la legge Zan, attualmente in commissione Giustizia del Senato, in quanto violerebbe il Concordato. A presentare una nota formale all’ambasciata italiana è stato il monsignor Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati della Santa Sede, in altre parole il ministro degli Esteri del Vaticano. Per la prima volta, la Chiesa interviene durante il percorso di approvazione di una legge, esercitando le facoltà previste nei Patti Lateranensi.

Leggi anche: Omofobia, Mattarella, “Rifiuto assoluto di ogni forma di intolleranza”

Perché il Vaticano contesta la legge Zan contro l’omofobia

Secondo il Vaticano, alcuni contenuto dell’attuale proposta legislativa in esame presso il Senato riducono la libertà garantita alla Chiesa Cattolica dell’articolo 2, commi 1 e 3 dell’accordo di revisione del Concordato. L’articolo 2 recita come segue: “La Repubblica italiana riconosce alla Chiesa la piena libertà di svolgere la sua missione pastorale, educativa e caritativa, di evangelizzazione e di santificazione“.

Leggi anche: Elodie e Fedez si espongono a favore del ddl Zan

E ancora: “In particolare è assicurata alla Chiesa la libertà di organizzazione, di pubblico esercizio del culto, di esercizio del magistero e del ministero spirituale nonché della giurisdizione in materia ecclesiastica“. Il comma 3 garantisce “ai cattolici e alle loro associazioni e organizzazioni la piena libertà di riunione e di manifestazione del pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione“.

Zan: “Il testo non limita la libertà di espressione”

Con l’approvazione del ddl Zan, il Vaticano teme una limitazione della libertà di aggregazione e di pensiero della comunità cattolica. Per questo motivo, chiede “che siano accolte le nostre preoccupazioni“, dal momento che l’approvazione della legge potrebbe comportare rischi di natura giudiziaria per alcune associazioni cattoliche. D’altra parte, i promotori della legge hanno ribadito in più occasioni che la libertà di espressione non è messa in discussione dal ddl contro l’omofobia, come ha ribadito il deputato Alessandro Zan con un Tweet.

Parole di Linda Pedraglio

Mi chiamo Linda Pedraglio. Sono nata e cresciuta in un piccolo paese vicino al lago di Como, ma, fra studio e lavoro, ho avuto modo di vivere città diverse: l’Erasmus a Helsinki, gli anni dell’università a Milano, il corso di giornalismo a Firenze. Sogno una piccola casa sul lago, piena di libri, che sono il mio affaccio sul mondo, e un orto di pomodori e peperoncini. Attualmente, collaboro con Alanews nella produzione di contenuti per il network Deva Connection, dove mi occupo di donne, salute e benessere, con qualche incursione nel percorso di emancipazione femminile.

Da non perdere