Valencia, crolla il palco di un festival musicale: un morto e 40 feriti

L’inaspettato crollo di una parte del palco in un festival musicale a Valencia ha provocato in soli tre minuti un morto e diversi feriti.

Scenario del Festiva di Cullera (Valencia)
Scenario del Festival di Cullera (Valencia) – Nanopress.it

Un morto e quaranta feriti è il provvisorio bilancio di un incidente avvenuto durante la celebrazione di un evento musicale nella località di Cullera, nella provincia di Valencia, in Spagna. Secondo le prime informazioni l’incidente sarebbe avvenuto di notte a causa di una forte raffica di vento.

Scenario crollato al Festival di Valencia

La vittima dell’incidente mortale è un giovane di 22 anni colpito in pieno da una parte dello scenario crollato a causa del forte vento. Tra i coinvolti dal crollo di materiale e oggetti ci sono almeno quaranta persone, di cui tre feriti in gravi condizioni e altri ricoverati con traumi e contusioni.

Secondo le prime testimonianze, raccolte dagli investigatori, si apprende che verso le quattro di mattina delle forti raffiche di vento hanno colpito l’interno della superficie dove erano radunati gli spettatori La forza del vento è stata talmente brutale che varie strutture dello scenario e un cartello di grandi dimensioni sono precipitate sopra il pubblico. L‘evento ha provocato una vittima.

Alcuni dei presenti hanno commentato di aver visto come una tempesta di sabbia e un fumo nero colpire la struttura del palco e ritorcere la copertura di alluminio. Il creatore dello scenario, Manolo Garcia, ha dichiarato che tutto è stato costruito in regola e rispettando la normativa di prevenzione e sicurezza. L’uomo, visibilmente toccato dalla tragedia, ha detto di non aver mai visto nulla di simile, “in soli tre minuti di pazzia” dice, “è accaduto di tutto”.

Recinto del festival di Cullera (Valencia)
Recinto del festival di Cullera (Valencia) – Nanopress.it

Chiuso il Festival

Gli organizzatori del Medusa Festival di Cullera, luogo del tragico incidente che è costato la morte a un ventiduenne spettatore, hanno deciso di fermare l’evento in corso. I responsabili del festival speravano riunire più di 300mila persone per fino a Ferragosto.

L’organizzazione dell’evento ha emesso un comunicato in cui ribadisce che la sicurezza è sempre stata una sua priorità in ogni edizione, e pone le condoglianze alla famiglia e i parenti del ragazzo morto.

Il corpo di polizia della “Guardia Civil” è stato incaricato d’ispezionare il recinto dell’evento musicale per determinare le circostanze che hanno prodotto l’incidente mortale del ragazzo di 22 anni. L’ipotesi iniziale è di omicidio colposo.