Vaiolo delle Scimmie: astinenza sessuale e disinfezione degli indumenti

Riguardo il Vaiolo delle Scimmie, la OMS afferma che i casi sospetti dovrebbero essere sottoposti rapidamente all’osservazione medica, e che i contatti asintomatici possono continuare a mantenere le loro attività quotidiane. 

Vaiolo delle Scimmie
Vaiolo delle Scimmie – NanoPress.it

Vaiolo delle Scimmie: le linee guida dell’OMS

I casi sospetti di infezione da virus Monkeypox (VMPX – Vaiolo delle Scimmie) devono essere sottoposti rapidamente all’osservazione medica, ha definito oggi l’OMS, avanzando che i contatti asintomatici possono continuare a mantenere le loro attività quotidiane.

L’OMS ha aggiunto inoltre che l’indicazione e la possibilità di utilizzare antivirali sono in corso di valutazione insieme ad agenzie nazionali e internazionali e partner europei, perché a tutt’oggi non esiste in Europa, di un vaccino contro l’uomo Infezione da VMPX.

Il più recente vaccino contro il vaiolo è stato approvato nell’Unione Europea nel luglio 2013 per proteggere gli adulti e, nel settembre 2019, negli Stati Uniti d’America, è stato approvato il suo uso contro l’infezione umana da VMPX, sulla base di studi che hanno dimostrato che, per le sue proprietà, possiede una capacità protettiva contro altri virus della stessa famiglia. 

“In alcuni Paesi europei, il coordinamento del Programma Nazionale di Vaccinazione (PNV), e la Commissione Tecnica sulla Vaccinazione stanno valutando, di concerto con le autorità europee e internazionali competenti, gli aspetti inerenti l’autorizzazione, l’acquisizione, la disponibilità e le indicazioni del vaccino. 

L’OMS afferma inoltre che, nella sorveglianza di segni e sintomi, il contatto di un caso sospetto, probabile o confermato, dovrebbe essere di concerto alla comparsa di mal di testa, febbre, brividi, odinofagia (dolore durante la deglutizione del cibo), malessere, affaticamento, eruzione cutanea e adenomegalia.

Il periodo di incubazione varia da 5 a 21 giorni

I contatti asintomatici possono “continuare le attività quotidiane di routine, come il lavoro e la frequenza scolastica”, ma, durante il periodo di sorveglianza, si raccomanda di evitare lunghi viaggi e grandi distanze affinché “l’isolamento possa essere più fattibile e veloce, in caso di la comparsa di segni e/o sintomi”.

Il Vaiolo delle Scimmie
Il Vaiolo delle Scimmie – NnoPress.it

“Il periodo del contagio è correlato all’insorgenza dei sintomi, quindi non sarà necessario isolare i contatti mentre sono asintomatici”, aggiunge la guida dell’Autorità sanitaria. Per quanto riguarda le misure di sanità pubblica, l’OMS raccomanda che, in caso di caso sospetto, probabile o confermato, l’isolamento e il distanziamento fisico siano mantenuti fino alla risoluzione delle lesioni (caduta delle croste), nonché di astenersi dal rimanere nello stesso spazio per convivere con bambini piccoli, donne in gravidanza e persone immunodepresse.

Tra le altre misure deve essere mantenuta anche l’astinenza sessuale e la privazione dei contatti stretti (conviventi e familiari stretti), deve essere garantita l’igiene e la disinfezione degli oggetti personali, indumenti, lenzuola, asciugamani e superfici dello spazio domestico, devono essere garantite la pulizia delle superfici con detergenti clorurati e lasciando asciugare all’aria.

Le linee guida raccomandano di evitare il contatto ravvicinato con animali domestici e altri animali, in particolare roditori, e di lavare indumenti e tessuti con acqua calda e normali detersivi o, quando possibile, in lavatrice a temperatura superiore ai 60 gradi centigradi, utilizzando un ciclo di lavaggio prolungato.

Il periodo di incubazione varia da 5 a 21 giorni, con una media di 6-16 giorni e i sintomi iniziano con febbre, mal di testa, astenia, mialgia o adenomegalia, a cui segue la comparsa dell’esantema (rash cutaneo). La trasmissione da persona a persona di solito avviene attraverso uno stretto contatto con un paziente, soprattutto faccia a faccia senza un’adeguata protezione, e nel contesto di relazioni che implicano un contatto intimo e prolungato.