Vaccino Covid, Oms: "Arriverà tra inizio e metà 2021"

Quelle dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sono però solo stime, perché al momento non esiste un farmaco sicuro. Poi ogni Paese deciderà se e quando somministrarlo

Siringa vaccino

Getty Images | Leonardo Fernandez Viloria

Non sappiamo ancora esattamente quando un vaccino per Covid-19 sicuro ed efficace sarà pronto per la distribuzione, ma stimiamo che potrebbe essere tra l’inizio e la metà del 2021“: questo è quello che dichiara l’Organizzazione mondiale della sanità. La stima è stata avanzata sul focus dell’sms ‘domande e risposte’ dedicato ai vaccini anti-Covid.

Vaccino Covid: deve superare i test prima della somministrazione

Prima che i farmaci contro Covid-19 possano essere somministrati, “è necessario superare diverse sfide importanti si deve dimostrare che i vaccini sono sicuri ed efficaci in ampi studi clinici (fase III). Molti potenziali vaccini per Covid-19 sono allo studio e alcuni dei grandi studi clinici potrebbero riportare risultati alla fine del 2020 o all’inizio del 2021“.

I test, inoltre, hanno bisogno dell’ok di più di un team di esperti, come spiega la stessa Organizzazione: “è necessaria una serie di revisioni indipendenti dell’efficacia e delle prove di sicurezza, inclusa la revisione normativa e l’approvazione nel Paese in cui viene prodotto il vaccino. Parte di questo processo coinvolge anche il Comitato consultivo globale sulla sicurezza dei vaccini“.

Una volta ricevuto l’ok, ogni Paese deciderà se usare il vaccino

Dopo questo primo step scientifico, che si conclude con l’approvazione del gruppo di esperti chiamato Sage, l’Oms fornirà delle linee guida riguardo se e come i vaccini debbano essere utilizzati. Ma saranno i funzionari dei singoli Paesi a decidere in merito all’approvazione nazionale e svilupperanno politiche sull’uso nella singola regione.

Le fasi finali: produzione e distribuzione delle dosi

I vaccini “devono essere prodotti in grandi quantità, il che rappresenterà una sfida importante e senza precedenti, continuando nel contempo a produrre tutti gli altri importanti vaccini salvavita già in uso“, evidenzia l’Oms.

Infine, i vaccini saranno distribuiti. L’Oms “sta lavorando con partner in tutto il mondo per accelerare ogni fase di questo processo, garantendo allo stesso tempo il rispetto dei più elevati standard di sicurezza“.

Parole di Alanews

Da non perdere