USA: trovato il relitto della ‘Sammy B’ a 7km di profondità nelle Filippine

Secondo gli esploratori, il ‘Sammy B’, un cacciatorpediniere della Marina degli USA, che aveva ingaggiato un conflitto con la flotta giapponese, nella più grande battaglia navale della seconda guerra mondiale nelle Filippine, è diventato il relitto più in profondità mai scoperto.

Sammy B
Sammy B – NanoPress.it

La USS Samuel B. Roberts, popolarmente conosciuta come “Sammy B”, è stata identificata mercoledì spezzata in due pezzi su un pendio a una profondità di 6.985 metri (22.916 piedi). Ciò lo pone a 426 metri (1.400 piedi) più profondo della USS Johnston, il precedente relitto più profondo scoperto l’anno scorso nel Mar delle Filippine anche dall’esploratore americano Victor Vescovo, fondatore della Caladan Oceanic Expeditions con sede a Dallas.

Gli Usa e il ritovamento più in profondità della storia

Vescovo ha annunciato l’ultima scoperta insieme a EYOS Expeditions, con sede nel Regno Unito. “È stato un onore straordinario individuare questa nave incredibilmente famosa e, così facendo, avere la possibilità di raccontare la sua storia di eroismo e dovere a coloro che potrebbero non sapere della nave e del sacrificio del suo equipaggio”, Vescovo, un ex comandante della Marina, detto in una dichiarazione.

Il Sammy B. prese parte alla battaglia al largo di Samar, la fase finale della battaglia del Golfo di Leyte nell’ottobre 1944, in cui la Marina imperiale giapponese subì la più grande perdita di navi e non riuscì a rimuovere le forze statunitensi da Leyte, che invasero in precedenza come parte della liberazione delle Filippine.

USS Samuel B. Roberts
USS Samuel B. Roberts NanoPress.it

Secondo alcuni documenti, il cacciatorpediniere USA ha disabilitato un incrociatore pesante giapponese con un siluro e ne ha danneggiato in modo significativo un altro. Dopo aver esaurito praticamente tutte le sue munizioni, fu gravemente colpita dalla corazzata principale Yamato e affondò.

Di un equipaggio di 224 uomini, 89 morirono e 120 furono salvati, incluso il capitano, il tenente comandante. Robert W. Copeland. Secondo Samuel J. Cox, ammiraglio in pensione e storico navale, Copeland affermò che non c’era “un onore più grande” di aver guidato gli uomini che mostravano un coraggio così incredibile andando in battaglia contro probabilità schiaccianti, dalle quali non ci si poteva aspettare la sopravvivenza.

Questo sito è una sacra tomba di guerra e serve a ricordare a tutti gli americani il grande costo sopportato dalle generazioni precedenti, per la libertà che diamo per scontata oggi”, ha affermato Cox in una nota. Gli esploratori dissero che fino alla scoperta, le registrazioni storiche di dove giaceva il relitto non erano molto accurate.

La ricerca ha comportato l’uso del più profondo sonar a scansione laterale mai installato e operato su un sommergibile, ben oltre i limiti commerciali standard di 6.000 metri (19.685 piedi), ha affermato EYOS.