Usa: pillola del giorno dopo, nuovo fronte nella guerra contro l’aborto

Il Segretario alla Salute degli Usa presenta un piano per proteggere questo metodo dagli attacchi proibizionisti, che era già utilizzato nel 50% dei casi prima della controversa sentenza della Corte Suprema.

Protesta per il diritto all'aborto negli USA
Protesta per il diritto all’aborto negli USA – Nanopress.it

Nel paesaggio lasciato dalla decisione della Corte Suprema di abrogare il precedente Roe v. Wade, sentenza che ha conferito statuto costituzionale al diritto all’aborto negli Stati Uniti nel 1973, le due metà inconciliabili in cui è stato diviso il Paese hanno citato in un nuovo fronte della sua feroce battaglia: il controllo dei farmaci che consentono di interrompere la gravidanza senza intervento chirurgico.

Il Segretario alla Salute USA: “Questi sono trattamenti sicuri per i pazienti”

Prima della controversa sentenza dell’Alta corte venerdì scorso, le pillole erano già utilizzate in oltre il 50% dei casi. Nell’America post-Roe, gli esperti di salute riproduttiva prevedono che questa percentuale aumenterà notevolmente. Saltando sul carro delle loro conquiste, gli States (almeno 26 su 50) che intendono limitare la salute riproduttiva delle 36 milioni di donne che vi abitano, stanno studiando come perseguire anche l’uso di queste pillole.

Si prevede che gli altri, che stanno predisponendo meccanismi per garantire la tutela della libertà di decisione delle donne, tuteleranno anche i loro consumi. Xavier Becerra, segretario alla Salute, ha presentato questo martedì il piano con cui il governo intende proteggerne l’uso dagli attacchi proibizionisti. “Questi sono trattamenti sicuri per i pazienti”, ha detto Becerra in una nota.

La sentenza della Corte Suprema aumenterà il rischio per la salute e causerà persino la morte di alcuni pazienti. Lavorare per aumentare l’accesso a questi medicinali è un imperativo nazionale e nell’interesse pubblico. Lavoreremo con il procuratore generale e il Dipartimento di giustizia per garantire che gli stati non li vietino”. Questi trattamenti sono legali dall’inizio del secolo.

L’equivalente dell’agenzia farmaceutica (FDA, per il suo acronimo in inglese) consente di combinare due pillole (mifepristone e misoprostolo), in dosi separate da 24 o 48 ore, durante le prime 10 settimane. Il primo blocca il progesterone. Il secondo provoca contrazioni simili a quelle di un aborto spontaneo e pone fine alla gravidanza.

“La FDA ha approvato questo limite sulla base delle ricerche del tempo”, si legge in uno studio del Guttmacher Institute, agenzia indipendente di riferimento in materia di salute riproduttiva negli Stati Uniti, che ha fissato gli aborti con questa procedura al 54% in 2020 (vs. 39% nel 2017). “Ricerche più recenti mostrano che assumerle dopo quel momento è sicuro ed efficace, motivo per cui alcuni fornitori li somministrano”, afferma il rapporto Guttmacher.

Molte donne preferiscono questa alternativa alla chirurgia

Molte donne preferiscono questa alternativa alla chirurgia, che è più costosa e fisicamente gravosa. Le pillole garantiscono inoltre una maggiore intimità; vengono prescritti dopo un breve consulto di persona, in videochiamata, dopo aver compilato un questionario online o telefonicamente, casi in cui ai pazienti viene risparmiata una visita in clinica, dove normalmente i gruppi di antiabortisti li aspettano, molestandoli per tentare per fargli cambiare idea.

Pillole
Pillole – NanoPress.it

La pandemia in Usa ne ha innescato l’uso: durante il parto, molte donne hanno preferito evitare di recarsi in un centro medico per paura di essere contagiate dal covid. Queste consultazioni a distanza devono essere effettuate da uno stato in cui le pillole sono legali, secondo Yamelsie Rodriguez, CEO dell’organizzazione no-profit Planned Parenthood per la regione di Saint Louis e Southwest Missouri, uno stato che ha impiegato esattamente 20 minuti per vietare l’aborto venerdì, dopo che la sentenza era nota.

Questo porta alcuni pazienti ad attraversare il confine per, una volta dall’altra parte, chiamare o consultare online da un IP (qualcosa come la carta d’identità di un computer) la cui posizione rende legale la procedura. Ci sono già 19 Stati le cui leggi vietano queste consultazioni a distanza, e richiedono di andare dal medico, nonostante la FDA non lo richieda (né l’American College of Obstetricians and Gynecologists lo ritenga necessario).

E il Texas sta cercando un modo per criminalizzare, quando entro un mese entrerà in vigore la legge che vieterà qualsiasi tipo di interruzione della gravidanza, l’invio di questi medicinali (il suo parlamento ha approvato a settembre una norma, già famosa, nota come legge del battito cardiaco, che fissava il limite per abortire in sei settimane, quando iniziano a essere rilevati i segni vitali del feto).

Non è chiaro se possano raggiungerlo. Dopo aver appreso della risoluzione della Corte Suprema, Joe Biden si è affrettato ad assicurare che non permetterà che ciò accada. Il ragionamento legale è il seguente: se il mifepristone è autorizzato dalla FDA, un’autorità federale, non è nel potere delle autorità statali perseguirne l’uso. Il procuratore generale degli Stati Uniti Merrick Garland è andato ancora oltre: “Gli stati non possono vietare il mifepristone contro il giudizio di esperti della FDA sulla sua sicurezza ed efficacia”.