La guerra della Russia in Ucraina fa fare un salto di qualità alle armi NATO

Il cambiamento derivato dalla aggressione della Russia in Ucraina è uno dei tanti risultati non intenzionali della guerra, che vanno contro gli obiettivi di Putin e rinforzano la Nato.

Vladimir Putin
Vladimir Putin, presidente della Russia – Nanopress.it

Il conflitto in Ucraina sta guidando una modernizzazione degli armamenti della NATO, affinando la capacità dell’alleanza di affrontare la Russia e aggiungendo all’elenco delle conseguenze non intenzionali dell’invasione di Mosca del suo vicino più piccolo. Gli ex membri della NATO del blocco orientale hanno armato l’Ucraina con attrezzature di progettazione sovietica simili a quelle esistenti di Kiev. 

Il conflitto della Russia in Ucraina ammodernizza gli armamenti della NATO

Ciò ha consentito una pulizia militare dei propri arsenali su una scala che sarebbe stata inimmaginabile mesi fa. A sua volta, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico aiuterà i suoi membri orientali a sostituire quelle armi con altre nuove, migliorando notevolmente l’efficienza. “Una conseguenza della guerra in Ucraina è che stiamo accelerando la transizione dall’era sovietica al nuovo e moderno equipaggiamento della NATO”, ha affermato il segretario generale Jens Stoltenberg.

Il cambiamento incombente è uno dei tanti risultati della guerra che vanno contro gli obiettivi del presidente russo Vladimir Putin. Altri includono domande di adesione alla NATO da Finlandia e Svezia, che per decenni avevano respinto l’idea, ma sono state influenzate dall’aggressione della Russia. Un altro è la decisione dei membri della NATO di espandere notevolmente le proprie forze lungo i confini della Russia.

Al di fuori della NATO, la guerra di Putin ha rafforzato i legami transatlantici, ha spinto l’Unione Europea per la prima volta a finanziare l’acquisto di armi da usare in guerra, e ha spronato l’Occidente a unirsi per sanzioni senza precedenti e dolorose contro la Russia. I 30 paesi della NATO utilizzano apparecchiature di una varietà di produttori, in progetti che spesso abbracciano decenni di livelli di sofisticatezza.

Uno dei compiti principali dell’alleanza è anche il suo più basilare, ha affermato Stoltenberg: “assicurarsi che le forze della NATO possano operare insieme”. I membri cercano di raggiungere questo obiettivo standardizzando il più possibile parametri di base, come il calibro dei proiettili e dei proiettili di artiglieria, in modo che le munizioni e altri elementi base del campo di battaglia possano essere condivisi tra gli alleati.

L’equipaggiamento dell’era sovietica utilizzato dai 14 membri della NATO che un tempo si trovavano nell’orbita di Mosca, ha complicato questi sforzi perché è stato costruito utilizzando parametri completamente diversi. Il fastidio e il costo aggiuntivo di quella differenza rispetto agli standard NATO non erano tuttavia sufficienti per meritare una sostituzione all’ingrosso in tempo di pace. Ciò è cambiato con l’attacco di Putin all’Ucraina, e la decisione dei membri della NATO di sostenere la sua difesa.

Stoltenberg: “assicurarsi che le forze della NATO possano operare insieme”

I paesi dell’Europa centrale che un tempo erano dominati da Mosca sono ansiosi di armare l’Ucraina perché vedono un’opportunità storica per indebolire il loro ex signore. La Polonia ha inviato almeno 240 carri armati in stile sovietico, sufficienti per due brigate di carri armati, oltre a obici semoventi, lanciarazzi Grad, dozzine di veicoli da combattimento di fanteria e altre attrezzature dell’era sovietica.

Jens Stoltenberg
Jens Stoltenberg – NanoPress.it

Nelle telefonate con le controparti americane, alti funzionari polacchi affermano di essersi offerti di essere il “Peshawar” dell’Ucraina, riferendosi alla città pakistana che era una base posteriore per i combattenti afgani che combattevano le forze di invasione sovietiche negli anni ’80. I funzionari cechi nei primi giorni della guerra hanno istituito una linea diretta con il ministero della Difesa ucraino e hanno offerto circa 500 milioni di dollari in vecchie apparecchiature sovietiche, che vanno dalle munizioni di base ai sistemi più pesanti.

Quando gli Stati Uniti hanno affermato che Washington e i suoi alleati della NATO avevano inviato 17.000 armi anticarro durante i primi sei giorni di guerra, la maggior parte di queste proveniva dalla Repubblica Ceca, che ha donato 10.000 granate a propulsione a razzo. Subito dopo, il paese ha lanciato dozzine di carri armati T72 in Ucraina, insieme a elicotteri d’attacco di progettazione sovietica. Anche paesi molto piccoli come la Lettonia, al confine con la Russia, hanno inviato parti di elicotteri d’attacco.

“I paesi dell’Europa orientale si trovano in una situazione specifica in cui utilizziamo vecchi tipi di armi sovietiche, che si adattano perfettamente all’esercito ucraino”, ha affermato il ministro degli Esteri ceco Jan Lipavský. Per sostituire rapidamente le attrezzature inviate, Praga e altre capitali della regione vogliono che i loro alleati più a ovest prestino, diano o vendano loro moderne attrezzature occidentali, attraverso un processo chiamato riempimento.

“Fornire armi all’Ucraina significa che abbiamo bisogno di quei riempimenti”, ha affermato Lipavský. Ha riconosciuto che la situazione è difficile perché viene inviata così tanta attrezzatura e gli alleati occidentali non hanno enormi scorte di scorta. Tutti i paesi della NATO devono partecipare, ha detto. “Ovviamente, non possiamo essere gli unici a fare il lavoro pesante”. Il riempimento è visto come una soluzione a breve termine, e nei prossimi anni i paesi dell’Europa centrale mirano a modernizzare le proprie apparecchiature in modo più completo.

I loro arsenali assomiglieranno più da vicino a quelli in Occidente, facilitando la cooperazione sul campo di battaglia. Una maggiore interoperabilità avrà conseguenze profonde, affermano i funzionari militari, perché la standardizzazione non riguarda solo lo sparo degli stessi proiettili. L’utilizzo di apparecchiature simili semplifica la logistica di fornitura e manutenzione, perché sono necessari meno pezzi di ricambio o strutture di riparazione.

Questo fa la differenza sia dal punto di vista tattico, nei combattimenti, sia per quanto riguarda i budget militari. Quando più eserciti utilizzano lo stesso equipaggiamento, hanno anche una maggiore flessibilità nello schieramento delle forze e possono sviluppare meglio le capacità offerte da specifici pezzi di equipaggiamento.

I sistemi missilistici a lancio multiplo come l’HIMARS statunitense che l’Ucraina sta ora iniziando a dispiegare offrono un esempio, ha affermato un alto funzionario della NATO. Poiché HIMARS può colpire bersagli a distanze maggiori rispetto ad altri sistemi, il suo utilizzo offre opzioni ai comandanti.