Elezioni USA: Iran e Russia minacciano il voto. Obama: “Reputazione Usa a pezzi”

L’Intelligence statunitense accusa Mosca e Teheran di aver rubato i dati degli elettori americani per interferire nelle elezioni. L'Iran avrebbe inviato delle mail minatore agli elettori democratici

Elezioni USA: Iran e Russia minacciano il voto. Obama: “Reputazione Usa a pezzi”

Getty Images | Stephen Maturen

Le elezioni Usa del 3 novembre sono al centro degli interessi di Russia e Iran. Il direttore dell’Intelligence John Ratcliffe avrebbe infatti rilevato interferenze da parte di Mosca e Teheran. Le accuse sono pesantissime, soprattutto quelle a Teheran che avrebbe inviato delle mail, firmate dal gruppo di estrema destra Proud Boys, agli elettori democratici: “Vota per Trump all’Election Day o ti verremo a prendere”, hanno minacciato. 

John Ratcliffe: “Dati rubati dalle liste elettorali, servono a inviare false informazioni”

Alla conferenza stampa, convocata a sorpresa e durata dolo pochi minuti, insieme a Ratcliffe era presente anche il direttore del Federal Bureau of Investigation (FBI), Chris Wray. “I due Paesi hanno ottenuto informazioni prese dalle liste di registrazione elettorali“, ha dichiarato il numero uno dell’Intelligence, sottolineando anche che “questi dati possono essere usati da attori stranieri per inviare false informazioni, con l’obiettivo di creare confusione, generare caos e minare la fiducia nella democrazia americana“.

Minacciate le elezioni degli Stati decisivi per l’elezione del Presidente

Queste mail intimidatorie, sottolinea l’Intelligence, non sarebbero frutto di uno “scherzo”, prodotte artigianalmente da qualche hacker, ma il lavoro di un sistema più strutturato. Cnn riporta che nonostante il mittente fossero i Proud Boys, le mail sono state inviate dagli Stati Uniti. Da qui le accuse a Teheran. Inoltre, i messaggi non sono stati inviati a tappeto, ma sarebbero stati indirizzati in particolare ai votanti decisivi: quelli degli Stati ancora in bilico, tra i quali Florida e Pennsylvania

Possibili frodi alle elezioni Usa: “Vogliono danneggiare Trump”

Le mail sarebbero, secondo le dichiarazioni di John Ratcliffe, un modo per “intimidire gli elettori, incitare rivolte sociali e danneggiare il presidente Trump”. Alcuni messaggi infatti suggerivano agli elettori possibili frodi nel voto. Dalla Russia, ha sottolineato Ratcliffe, non sono giunte minacce, Mosca però avrebbe comunque avuto accesso alle informazioni sui dati degli elettori, prefigurando uno scenario simile a quello delle elezioni del 2016 che già vedevano protagonista l’attuale presidente Donald Trump.

Cremlino: accuse “assolutamente infondate”

Dal Cremlino non è tardata ad arrivare una risposta. Mosca infatti ha definito gli addebiti “come assolutamente infondati”. “Possiamo commentare la cosa con rammarico. Le accuse si riversano ogni giorno, sono tutte assolutamente infondate, non si basano su nulla. Piuttosto, si tratta di un tributo ai processi politici interni associati alle prossime elezioni“, ha detto il portavoce di Vladimir Putin, Dmitri Peskov

Barack Obama: “Donald Trump è incapace. La presidenza Usa non è un reality show”

L’ex presidente Barack Obama non le ha mandate a dire all’attuale amministrazione, nonostante la consuetudine statunitense sia quella di non sbilanciarsi sui successori alla Casa Bianca. “La nostra reputazione nel mondo è a pezzi. Donald Trump è incapace di prendere seriamente l’incarico, la sua presidenza è come un reality show. Non ha mostrato interesse verso nessuno se non se stesso“, ha dichiarato Obama

Continuando nella sua invettiva ha poi citato Savannah Guthrie, la moderatrice che ha durante l’ultimo town hall si è scontrata proprio con il presidente in carica Trump: “Ma ci pensate? Questo è il presidente degli Stati Uniti. Non è un comportamento normale, se non forse quello di uno zio pazzo”, ha detto Obama.

Parole di Alanews

Da non perdere