USA, il Senato contro il diritto all’aborto. Biden: “Continueremo a combattere”

I Repubblicani hanno bocciato il provvedimento sul diritto di aborto. Rabbia dalla Casa Bianca. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden: “Continueremo a combattere”. 

Legge aborto in USA
Legge aborto in USA – Nanopress.it

I Democratici del Senato degli Stati Uniti non hanno approvato un disegno di legge per trasformare il diritto all’aborto in una legge federale: la corte suprema della nazione è, inoltre, pronta a ridimensionarlo. La mossa, intesa a contrastare l’attesa sentenza della Corte Suprema secondo cui gli aborti possono essere vietati, è stata vista come condannata sin dall’inizio.

USA, il Senato contro il provvedimento sul diritto all’aborto

La Camera, guidata dai Democratici, ha approvato il disegno di legge, ma al Senato è stato respinto con 49 voti favorevoli e 51 contrari. Il tema dell’aborto è diventato un punto molto importante della politica, visto che – a breve – ci saranno le elezioni.

Purtroppo, il Senato non è riuscito a difendere il diritto di una donna di prendere decisioni sul proprio corpo“, ha detto la vicepresidente Kamala Harris, democratica, fuori dall’aula del Senato dopo il voto.

Il voto è arrivato un giorno prima che i nove giudici della Corte Suprema si riunissero per la prima volta da quando è trapelata la scorsa settimana una bozza di sentenza sul diritto all’aborto. Il documento fa capire che la corte annullerà la Roe v Wade, la sentenza del 1973 che garantiva alle donne il diritto costituzionale all’aborto. Tale azione non comporterebbe un divieto nazionale della procedura, ma consentirebbe agli stati di vietare completamente l’aborto.

Le proteste delle democratiche negli Stati Uniti

Prima del voto, un gruppo di Democratici alla Camera – per lo più donne – ha attraversato il Campidoglio fino al Senato, cantando “il mio corpo, la mia decisione” (My body, my choice) in segno di sostegno alla legislazione. Il disegno di legge, chiamato Women’s Health Protection Act, impedirebbe agli stati di emanare restrizioni ritenute “non necessarie dal punto di vista medico“, come periodi di attesa obbligatori e regolamenti sulle cliniche per l’aborto.

La legge stabiliva che l’aborto poteva essere effettuato circa 24 settimane dopo una gravidanza e non oltre, stabilendo, però, che si sarebbe potuto optare per tale procedura qualora, “a giudizio medico e in buona fede del medico curante, il proseguimento della gravidanza rappresenterebbe un rischio per la vita o la salute della paziente incinta“. Alcuni critici conservatori affermano che ciò legalizzerebbe efficacemente l’aborto per tutti i nove mesi di gravidanza.

Libertà di abortire
Libertà di abortire – Nanopress.it

L’opposizione del repubblicano Mitch McConnell

Il senatore repubblicano Mitch McConnell ha accusato i democratici di schierarsi “dietro una politica di aborto estrema e radicale“, aggiungendo che la legislazione andrebbe “ben oltre la codificazione dello status quo” e “annullerebbe molte leggi“.

Tutti i repubblicani e un democratico si sono opposti al Senato equamente diviso, dove i legami vengono interrotti da un voto del vicepresidente.

Il voto che abbiamo appena preso rende chiaro il contrasto tra i partiti mentre ci avviciniamo al medio termine“, ha detto il leader della maggioranza al Senato democratico, Chuck Schumer. “Eleggete più democratici favorevoli alla scelta se volete proteggere il diritto di scelta di una donna“, ha detto.

Prima del voto, il senatore Ben Sasse, repubblicano del Nebraska, ha sostenuto che i legislatori dovrebbero promuovere un'”etica della vita“, concentrandosi su un maggiore sostegno alle madri, piuttosto che sull’aborto.

I suoi commenti sono stati seguiti da quelli del senatore Patrick J Leahy del Vermont, il più anziano democratico del Senato, che ha definito “ridicolo” che un gruppo a maggioranza maschile avrebbe dovuto decidere su una questione che riguarda le donne. “Eccoci qui oggi, un gruppo di 100 persone, il 76% delle quali sono maschi, che prendono decisioni sulla vita privata dei quasi 168 milioni di donne in questo paese“, ha detto.