Draghi, ‘le aziende europee possono pagare il gas in rubli’

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha affermato che le società europee saranno in grado di pagare il gas in rubli senza violare le sanzioni, apparentemente respingendo le indicazioni contrarie dell’Unione europea.

Premier Mario Draghi
Premier Mario Draghi – NanoPress.it

Draghi va contro gli USA

Le società europee si sono date da fare per settimane per capire come soddisfare la richiesta russa di pagamenti in rubli – e mantenere il flusso del gas cruciale – senza infrangere le sanzioni progettate per punire Mosca per la guerra contro l’Ucraina.

Funzionari dell’UE hanno affermato, che le aziende dovrebbero continuare a pagare in euro, e che l’apertura di un conto bancario in rubli, sarebbe contro le regole. Tuttavia, l’UE deve ancora emettere istruzioni scritte esatte su come le aziende dovrebbero pagare Gazprom PJSC.

“Non c’è una dichiarazione ufficiale su cosa significhi violare le sanzioni”, ha detto Draghi durante una conferenza stampa mercoledì. “Nessuno ha mai detto nulla in merito alle sanzioni per violazione del pagamento del rublo”. “In effetti, la maggior parte degli importatori di gas ha già aperto un conto in rubli con Gazprom”, ha aggiunto.

Un decreto russo di marzo chiedeva alle aziende di aprire due conti, uno in euro e uno in rubli, una mossa che l‘UE ha rifiutato. Da quell’ordine, ci sono stati segnali da parte di Gazprom, che cercano di rassicurare gli acquirenti europei che possono continuare a fare benzina senza infrangere le regole dell’UE.

Polonia e Ungheria sono rimaste senza gas russo

Draghi ha anche affermato che il principale importatore di gas tedesco aveva già pagato in rubli. Come l’Italia, la Germania è un grande consumatore di gas russo. “In effetti, le prove che abbiamo visto ieri, penso che siano di questa mattina, il più grande importatore di gas in Germania ha già pagato in rubli”, ha detto.

Un tubo di gas
Un tubo di gas – NanoPress.it

Un portavoce della tedesca Uniper SE, il principale acquirente di gas russo, ha affermato che la società non ha effettuato alcun pagamento con il nuovo sistema, poiché il termine di pagamento non cade fino alla fine di maggio.

La Uniper ha detto mercoledì, che è fiduciosa di poter rispettare le sanzioni e mantenere il flusso del gas. Il portavoce ha rifiutato di commentare chi abbia aperto un conto in rubli. L’UE ha pubblicato le linee guida alla fine di aprile, che aziende e alcuni governi hanno criticato come troppo vaghe. La stessa Union Europea ha promesso un aggiornamento a breve.

Ma il tempo stringe, poiché molte aziende hanno scadenze di pagamento in scadenza entro la fine del mese e, se non pagano, rischiano di interrompere i flussi di gas.

Alla Polonia e alla Bulgaria è stato interrotto il gas, dopo essersi rifiutate di accettare i nuovi termini del presidente Vladimir Putin. Altri acquirenti hanno cercato soluzioni alternative, con società, tra cui l‘austriaca OMV AG che segnalano che è possibile trovare una soluzione.