Usa, divieto di aborto: “Un pugno al ventre delle donne”

Negli Usa divampano le polemiche, dopo la decisone della Suprema Corte, ultraconservatrce, di ristabile il divieto di aborto.

Donne anti aborto
Donne anti aborto – NanoPress.it

A 88 anni, Gloria Steinem è stata a lungo la femminista più visibile della nazione e sostenitrice dei diritti delle donne. Ma a 22 anni, era un’americana spaventata a Londra che ha subito un aborto illegale di una gravidanza così indesiderata, che ha effettivamente cercato di buttarsi giù per le scale per porre fine a tutto ciò.

Senza il diritto prendere decisioni sul nostro corpo, non c’è democrazia

La sua risposta alla decisione della Corte Suprema sull’annullamento di Roe v. Wade è concisa: “Ovviamente”, ha scritto in un messaggio di posta elettronica, “senza il diritto di donne e uomini di prendere decisioni sul nostro corpo, non c’è democrazia”. L’osservazione schietta di Steinem taglia nel cuore della disperazione che alcuni oppositori provano per lo storico ritiro di venerdì del caso del 1973, che legalizzò l’aborto.

Se un diritto così centrale nella lotta globale per l’uguaglianza delle donne può essere revocato, si chiedono, cosa significa per i progressi che le donne hanno fatto nella vita pubblica negli ultimi 50 anni? “Una delle cose che continuo a sentire dalle donne è: ‘Mia figlia avrà meno diritti di me. E come può essere?'”, afferma Debbie Walsh, del Center for American Women and Politics della Rutgers University. “Se questo va così, cos’altro può andare male? Fa sembrare tutto precario”.

La libertà riproduttiva non era l’unica richiesta del femminismo di seconda ondata, come è noto il movimento delle donne degli anni ’60 e ’70, ma era sicuramente una delle questioni più eccitanti, insieme all’uguaglianza sul posto di lavoro. Le donne che hanno combattuto per quei diritti ricordano un decennio sorprendente di progressi dal 1963 al 1973 circa, compreso il diritto alla parità di retribuzione, il diritto all’uso del controllo delle nascite e il titolo IX nel 1972, che vieta la discriminazione nell’istruzione.

Il coronamento fu Roe v. Wade un anno dopo, che garantì il diritto costituzionale all’aborto. Molte delle donne che all’epoca si identificavano come femministe, hanno avuto un aborto illegale o hanno conosciuto qualcuno che lo ha fatto. “L’aborto è così legato al movimento delle donne in questo paese”, afferma Carole Joffe, sociologa dell’Università della California, scuola di medicina di San Francisco, che studia e insegna la storia dell’aborto.

Negli Usa divampa la polemica pro o contro l’aborto

Oltre a un migliore controllo delle nascite, ciò che significava l’aborto legale era che le donne eterosessuali potevano ancora prendere parte alla vita pubblica. Ha consentito l’enorme cambiamento che abbiamo visto nella condizione delle donne negli ultimi 50 anni”. Joffe dice che molte donne, come lei, ora sentono che il diritto alla contraccezione potrebbe essere a rischio, qualcosa che lei definisce “impensabile”.

Protesta aborto
Protesta aborto – Nanopress.it

Uno di questi è Heather Booth. Quando aveva 20 anni ed era una studentessa a Chicago, un amico maschio le chiese se poteva aiutare sua sorella ad abortire. Era il 1965 e attraverso i contatti nel movimento per i diritti civili, trovò il modo di collegare la giovane donna, quasi suicida all’idea di rimanere incinta, con un medico disposto ad aiutare. Pensava che sarebbe stato un evento unico, ma Booth finì per co-fondare il Jane Collective, un gruppo clandestino di donne che forniva aborti sicuri a chi ne aveva bisogno.

In tutto, il gruppo ha eseguito circa 11.000 aborti in circa sette anni, una storia raccontata nel nuovo documentario “The Janes”. Booth, che ora ha 76 anni, vede lo sconvolgimento del caso Roe v. Wade come una sfida agghiacciante ai trionfi del movimento femminile. “Penso che siamo sul filo del rasoio”, dice.

“Da un lato, ci sono stati 50 anni di cambiamento nella condizione delle donne in questa società”, aggiunge, ricordando che quando cresceva, le donne potevano rispondere solo agli annunci di lavoro nella “sezione femminile”, per elencarne solo uno esempio. “Quindi c’è stato un progresso verso una maggiore uguaglianza, ma… se chiedi a che punto siamo, penso che siamo sul filo del rasoio in una lotta davvero tra democrazia e libertà, e tirannia, uno smantellamento delle libertà per cui sono state a lungo combattute ”.

Naturalmente, non tutte le donne ritengono che l’aborto sia un diritto che vale la pena preservare. Linda Sloan, che ha fatto volontariato negli ultimi cinque anni, insieme a suo marito, per l’organizzazione anti-aborto A Moment of Hope in Columbia, nella Carolina del Sud, afferma di apprezzare i diritti delle donne. “Credo fermamente e sostengo che le donne siano trattate alla pari degli uomini … (in) opportunità di lavoro, stipendio, rispetto e molte altre aree”, afferma.

Dice di aver cercato di instillare quei valori nelle sue due figlie e nei suoi due figli e li sostiene con il suo lavoro in due centri di accoglienza per donne, cercando di autorizzare le donne a fare le scelte giuste.