L'Università di Bologna entra nel mondo degli eSport

L'Università di Bologna fa il suo ingresso nel mondo dei giochi virtuali. A supportare il progetto ci sono il Bologna FC 1909 e la Ferrari

Università di Bologna

Foto Shutterstock | Posztos

Il Bologna FC 1909 e Ferrari hanno appena annunciato di supportare il progetto sportivo dell’Università di Bologna, che di fatto entra così nel mondo eSport. Con le iscrizioni che partiranno da oggi, si giocherà (almeno inizialmente) solo su Fifa 20 e Assetto Corsa, con le gare che verranno trasmesse in streaming sui canali social del Cusb, il Centro universitario studentesco di Bologna.

Il progetto

Un modo nuovo per mantenere unita la comunità universitaria e sportiva. Questo il motivo che ha spinto l’Università di Bologna – prima tra gli Atenei italiani – a lanciare il Cusb Esports Tournament, aperto a tutta la comunità universitaria (è necessario avere 18 ed essere iscritti al Cusb). Tra le piattaforme di gioco ci sono Fifa 20 e Assetto Corsa, per coinvolgere gli appassionati del mondo del calcio, e quelli delle quattro ruote e dei motori. L’Ateneo bolognese ha voluto come partner per questo progetto, le due principali società sportive emiliane: per il calcio sarà infatti il Bologna Fc 1909, che “vestirà” i giocatori con le divise della squadra, mentre Ferrari supporta ufficialmente il progetto attraverso l’autorizzazione all’uso della vettura virtuale 488 GT3 su Assetto Corsa. Le iscrizioni ai vari tornei sono aperte e lo rimarranno per due settimane, sul sito dedicato al progetto, esports.cusbologna.it.

“L’emergenza sanitaria da Covid-19 ha imposto, dopo il lungo periodo di sospensione, una trasformazione profonda del mondo dello sport – ha spiegato Piero Pagni, Presidente del Cusb – gli spalti degli stadi vuoti di tifosi alla ripartenza della Serie A di calcio sono forse l’immagine più simbolica del nuovo corso: gli esports diventano così una delle possibili evoluzioni, in grado di attirare un interesse sempre crescente e pure di generare nuove modalità e discipline competitive”.

Parole di Redazione

Da non perdere