UE e NATO preoccupate per le quattro falle dei gasdotti Nord Stream

Gli incidenti degli oleodotti, che sembrano essere opera della Russia, evidenziano la vulnerabilità delle strutture strategiche della Ue a quella che ormai viene chiamata guerra ibrida.

Nord Stream 1
Il gasdotto di Gazprom verso la Germania – Nanopress.it

Il sabotaggio dei gasdotti russi Nord Stream 1 e 2, che hanno portato a tre perdite quasi simultanee nel Mar Baltico e a una nuova escalation dei prezzi del gas, hanno messo sul tavolo la vulnerabilità di importanti infrastrutture europee di fronte alla guerra ibrida. L’Unione Europea e la Nato, che stanno promuovendo un’indagine e hanno promesso una risposta decisa se verrà confermato che si è trattato di un attacco deliberato, hanno iniziato a prendere provvedimenti per rafforzare la sicurezza attorno ai loro asset energetici.

Tutti i paesi della Ue hanno alzato il livello di allerta e inviato navi

Tutti i paesi con interessi nell’area hanno alzato il livello di allerta e inviato navi per monitorare le rotte rilevanti per le loro infrastrutture chiave. La Germania – dove c’è preoccupazione per la protezione dei terminali di gas liquefatto in costruzione sulla costa, così come dei cavi sottomarini e delle telecomunicazioni – ha dispiegato la Marina per indagare sull’incidente. Bruxelles e l’Alleanza Atlantica non attribuiscono direttamente alla Russia quello che hanno definito “sabotaggio”.

In un contesto geostrategico sempre più caldo, con l’intensificarsi della guerra che il Cremlino mantiene in Ucraina, l’escalation delle minacce nucleari di Vladimir Putin contro l’Occidente e una crisi energetica travolgente, fonti comunitarie e analisti indicano Mosca come il più probabile responsabile. Il Cremlino ha definito le accuse “prevedibilmente e prevedibilmente stupide” e ha anche chiesto un’indagine.

L’incidente nei gasdotti Nord Stream, particolarmente simbolico nella guerra energetica del Cremlino contro l’UE, mette sotto i riflettori altri impianti non energetici, che possono essere anche bersaglio di possibili attacchi: dai cavi per le telecomunicazioni ai tubi che trasportano il carburante in transito gallerie di trasporto.

Il presunto sabotaggio, che ha rilasciato metano nell’atmosfera e sta provocando un disastro ambientale, ha scosso ancora una volta l’architettura della sicurezza europea di fronte a nuove minacce ibride. L’attacco alle infrastrutture è uno dei movimenti consueti del Cremlino, che utilizza altre leve di destabilizzazione: dagli attacchi informatici alla propaganda, passando per la gestione dei flussi migratori.

“Questi incidenti non sono una coincidenza e ci riguardano tutti”, ha dichiarato mercoledì l’alto rappresentante dell’UE per la politica estera Josep Borrell. “Qualsiasi interruzione deliberata delle infrastrutture energetiche europee è assolutamente inaccettabile e sarà accolta con una risposta forte e unita”, ha insistito.

Gli incidenti registrati martedì non incidono sull’approvvigionamento di gas in Europa

La Commissione ei Ventisette hanno raggiunto un accordo prima dell’estate sulle misure di sicurezza nelle infrastrutture chiave. Bruxelles aveva già proposto due anni fa di inasprire le norme sulla sua tutela. Ora, alla luce degli eventi, potrebbe essere necessario andare “oltre”, ha sottolineato il commissario alla Giustizia Didier Reynders.

Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen – NanoPress.it

Se ne occuperanno i ministri dell’Energia dei Ventisette questo venerdì, in un Consiglio Energia inizialmente previsto per discutere il pacchetto emergenziale di misure con cui affrontare la crisi energetica, che comprenderà, prevedibilmente, qualche tipo di intervento sui mercati.

Gli incidenti registrati martedì non incidono sull’approvvigionamento di gas in Europa, perché i gasdotti coinvolti non sono in uso, ma hanno ancora una volta scosso mercati particolarmente caldi e volatili in uno scenario in cui i paesi si affrettano a riempire le proprie riserve per l’inverno e rinforza la tua scorta.

L’Alleanza Atlantica ha anche sottolineato la vulnerabilità delle infrastrutture chiave. Il suo segretario generale, Jens Stoltenberg, ha discusso questo mercoledì della protezione delle strutture strategiche con il ministro della Difesa danese, Morten Bodskov, che ha ammesso motivi di preoccupazione.

“La Russia ha una presenza militare significativa nella regione del Mar Baltico e speriamo che continuino a scuotere le loro sciabole”, ha detto il danese. Copenaghen rafforzerà le misure di sicurezza intorno alle infrastrutture energetiche. Il segretario all’Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm ha affermato che i paesi dell’UE e i vettori di gas naturale liquefatto devono essere vigili sulla scia di “apparenti sabotaggi”.

“Tutti devono essere in massima allerta”, ha detto in un’intervista all’Agenzia internazionale per l’energia atomica. Il ministro dell’Economia tedesco Robert Habeck ha avvertito a Berlino che le infrastrutture critiche in Europa sono ora un obiettivo.